Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Più veloce attraverso lo spazio verso Marte: un calcio laser dovrebbe portarci lì in soli 45 giorni – Guida

Che si tratti del programma Space X di Elon Musk, della NASA o dell’agenzia spaziale cinese CNSA, hanno tutti lo stesso obiettivo: una missione spaziale con equipaggio su Marte!

E questo viaggio potrebbe essere molto più veloce di quanto si pensasse. I ricercatori canadesi hanno ora sviluppato un motore con il quale i veicoli spaziali possono viaggiare su Marte in soli 45 giorni. Con le tecnologie finora conosciute, questo viaggio richiederà almeno sei mesi.

Ma: le missioni su Marte possono essere eseguite solo ogni 26 mesi. Poiché sia ​​Marte che la Terra ruotano attorno al Sole, si avvicinano l’uno all’altro solo in questo periodo di tempo. Nella migliore delle ipotesi, la distanza tra i due pianeti è “solo” 56 milioni di chilometri. Per fare un confronto: la distanza massima è di circa 400 milioni di chilometri.

Ma come funziona la nuova tecnologia? Quando è pronto per l’uso? BILD ha le risposte.

Come funziona la nuova tecnologia?

Gli ingegneri della McGill University di Montreal (Canada) hanno sviluppato un “sistema di propulsione termica laser”. Il principio di base è relativamente semplice: a terra sono posizionati diversi laser da 100 megawatt, ciascuno di dieci metri di diametro. Insieme, sparano un raggio laser diretto alla navicella spaziale che era in orbita in quel momento. Il raggio viene catturato da un riflettore gonfiabile (una specie di grande pannello solare).

L’energia laser viene quindi focalizzata e diretta al compartimento del carburante all’interno del veicolo spaziale. Contiene idrogeno che viene riscaldato e acceso. Questo crea una spinta, che viene derivata attraverso l’ugello e funge da motore. L’astronave è saltata su Marte alla sorprendente velocità di 60 mila km / h.

READ  Modelli del bene e del male | è | 02 06 2022 | 13:00

A proposito: l’idea della propulsione laser delle astronavi esiste da molto tempo (riferito BILD).


Quando il veicolo spaziale assorbe abbastanza energia, il riflettore viene staccato e riportato sulla Terra. Caratteristica: il riflettore può essere riciclato e utilizzato in un’altra missione su Marte.

Il problema: se la navicella spaziale arriva poco prima di Marte, sarà comunque troppo veloce. Quindi la sua velocità deve essere rallentata, altrimenti si schianterà sulla superficie del pianeta.

Sarebbe necessario avere un cosiddetto ingresso atmosferico lì. La navicella spaziale sta toccando lo strato superiore dell’atmosfera di Marte. Questo attrito lo rallenta. Enormi forze sono al lavoro sull’astronave, ma i passeggeri umani saranno comunque in grado di resistervi. Se la manovra viene completata con successo, il veicolo spaziale entra nell’orbita del pianeta. Da lì può quindi continuare il suo viaggio in sicurezza sulla superficie di Marte.

Quando sarà pronta per l’uso la nuova tecnologia?

La tecnologia è ancora agli albori. Il problema: oltre al laser massiccio, è necessario prima sviluppare una camera di propulsione a idrogeno.

Il leader della ricerca Emmanuel Dobelli ha detto al portale,l’universo di oggi: “La camera di riscaldamento laser è probabilmente la sfida più grande. Possiamo confinare l’idrogeno gassoso quando riscaldato da un raggio laser a temperature superiori a 9.700°C mantenendo fresche le pareti della camera? Secondo i nostri test tipici, questo è possibile”.

Ma: al momento non sono possibili test sperimentali su larga scala perché il laser richiesto non è stato ancora prodotto.

Mentre ci sono ancora alcune ricerche da fare, i ricercatori si stanno rendendo conto del potenziale della tecnologia. Ridurre il tempo di viaggio verso Marte potrebbe rendere molto più facile costruire infrastrutture sul pianeta.

Le prime missioni su Marte con equipaggio sono previste per il 2030, ma in seguito continueranno a utilizzare tecnologie già note.