Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

^ Nuovo importante studio su COVID-19 da Israele: aumento del rischio di morte di 10 volte in…

17/02/2022 – 11:00

Istituto Dr. Jacob

Ingelheim

Lo studio è stato condotto presso il Galilee Medical Center di Nahariya, in Israele, ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica il 3 febbraio 2022. PIÙ UNO. Lo studio ha esaminato retrospettivamente se esistesse un’associazione tra il livello di vitamina D pre-infezione e la gravità della malattia e la mortalità da SARS-CoV-2.

Sono state perquisite le cartelle cliniche di 1.176 pazienti ricoverati all’Al Galilee Medical Center tra aprile 2020 e febbraio 2021 con test PCR positivi per livelli di vitamina D misurati due o due anni prima dell’infezione.

Questa procedura garantisce che i valori di vitamina D stabiliti prima dell’infezione da COVID-19 siano misurati e riflettano veramente il potenziale impatto sul decorso della malattia. Se i livelli di vitamina D vengono misurati direttamente al ricovero in ospedale, è possibile che i livelli di vitamina D siano già bassi a causa della malattia virale, poiché l’infezione ha un effetto negativo sul livello di vitamina D.

Rischio 14 volte maggiore di malattie gravi o gravi con basso contenuto di vitamina D

Gli autori dello studio hanno diviso i pazienti con livelli di vitamina D (in 253 su 1.176 pazienti) in 4 categorie:

  • Carenza (<20 ng/mL 25(OH)D): 133 (52,5%) pazienti
  • Insufficiente (20-29,9 ng/mL 25(OH)D): 36 (14,2%) pazienti
  • Adeguato (30-39,9 ng/mL 25(OH)D): 44 (17,3%) pazienti
  • Alto – Normale (>=40 ng/mL 25 (OH)D): 40 (15,8%) pazienti

Confrontando i livelli di vitamina D con il decorso della malattia (lieve, moderato, grave, critico), è apparso quanto segue: degli 87 pazienti con un decorso grave o critico, 76 (87,4%) avevano carenza di vitamina D – uno specchio. Un confronto diretto della carenza di vitamina D con livelli normali di vitamina D elevati mostra che una carenza preesistente di vitamina D è associata a un rischio aumentato di 14 volte di funzionamento grave o critico. In questa analisi multivariata (un metodo per esaminare diverse variabili statistiche), sono state prese in considerazione le variabili di età, sesso, BMI e malattie pregresse (BPCO e diabete). Oltre all’età e talvolta anche alla BPCO e al diabete, il livello di vitamina D è stato confermato come fattore di rischio indipendente per un decorso grave di COVID-19.

READ  Al via il primo studio clinico che utilizza un vaccino spray nasale contro il morbo di Alzheimer

Il tasso di mortalità è simile: la percentuale di pazienti deceduti con livelli adeguati di vitamina D era del 2,3%, mentre il tasso di mortalità nel gruppo carente di vitamina D era del 25,6%.

Nello studio, l’effetto negativo dei bassi livelli di vitamina D è stato particolarmente evidente nelle persone di età superiore ai 50 anni. Nei pazienti di età inferiore ai 50 anni, la gravità era ancora associata alla carenza di vitamina D, ma in misura minore.

Per classificare lo studio

I risultati di questo studio non mostrano che la supplementazione di vitamina D (al momento dell’infezione in corso) influisca sul decorso della malattia, sebbene ciò abbia sicuramente senso, come dimostrano altri studi con la somministrazione di calcidiolo (ad esempio) Loucera et. Al, 2021). Invece, i risultati dello studio mostrano che un buon livello di vitamina D pre-infezione può (in parte) decidere se qualcuno si ammala gravemente di COVID-19 dopo l’infezione da SARS-CoV-2.

Pertanto, buoni livelli di vitamina D fanno parte del complesso puzzle che decide se una persona svilupperà una malattia lieve, grave o fatale da COVID-19. Età, sesso, predisposizione genetica, abitudini alimentari, malattie passate e stato immunitario sono altri fattori.

Soprattutto per quanto riguarda i livelli molto scarsi di vitamina D in Germania (soprattutto alla fine dell’inverno ora), si consiglia a tutti di testare il proprio livello di vitamina D e regolarlo a un buon livello. Idealmente, la vitamina D3 dovrebbe essere combinata con la vitamina K2 durante l’assunzione di integratori alimentari, perché le vitamine si completano a vicenda in modo ottimale nei loro effetti. La vitamina K2 rende più sicuro l’assunzione di vitamina D, specialmente con dosi più elevate di vitamina D. In un recente studio condotto da Visser ed altri (2022) È stato anche in grado di dimostrare che uno stato povero di vitamina K è strettamente associato a livelli aumentati di interleuchina-6, che svolge un ruolo chiave nello sviluppo di gravi cicli COVID-19 e danni polmonari associati.

READ  L'età geologica dell'uomo: quando è iniziato l'Antropocene?

Le raccomandazioni di DGE sulla vitamina D tornano ad essere assurde

Lo studio di base mostra chiaramente che solo livelli di vitamina D di 30-50 ng/ml proteggono e supportano il sistema immunitario. Le più importanti istituzioni internazionali la vedono allo stesso modo Associazione americana di geriatria e il Società endocrina. Le autorità tedesche e il DGE raccomandarono anni fa l’uso di 20 ng/ml, e quindi è obsoleto. Inoltre, la German Dietetic Association (DGE) raccomanda 800 UI come stima per un’adeguata vitamina D in assenza di sintesi endogena. A questa dose e livelli ematici di 20 ng/ml si possono al massimo presumere effetti positivi sulla salute delle ossa, ma non sul sistema immunitario. L’entità dell’errore nella DGE è per lo più dimostrata dal fatto che fino al 2012 si raccomandavano 200 UI di vitamina D, appena sufficienti per prevenire il rachitismo, ma secondo lo stato attuale delle conoscenze si trattava di “omeopatia della vitamina D”. Per raggiungere livelli ematici di 30-50 ng/ml sono necessarie almeno 2.000 UI di vitamina D al giorno, spesso anche 4.000 UI. Per trattare la carenza, sono temporaneamente necessarie dosi ancora più elevate. Per raccomandazioni dettagliate sul dosaggio per l’escalation e le dosi di mantenimento, vedere www.vitamind.science

Corona Self-Help Guide è ora alla sua seconda edizione notevolmente ampliata

Cosa aiuta davvero contro l’infezione da SARS-CoV-2 e Long Covid? Vitamina D & Co al banco di prova

Entro settembre 2021 sono stati pubblicati circa 160.000 articoli scientifici sul tema del COVID-19. Nonostante questa esplosione di conoscenza, il pubblico è inondato di messaggi contrastanti. Questa guida mostra un ragionevole compromesso tra sminuire e intimidire. Invece di mezze verità, presenta fatti – interamente scientifici con oltre 300 monografie e studi descrittivi citati – e mostra la strada attraverso la giungla della vista corona.

READ  Zahlen, Karten & Grafiken für Deutschland e die Welt

Poiché il tempo è essenziale e la conoscenza può salvare vite umane, il PDF del libro è disponibile per il download gratuito all’indirizzo: www.drjacobsweg.eu

Corona Self-Help Guide – Migliori trattamenti e misure contro la variante Delta, Long Covid, Influenza & Co., a cura del Dr. medico LM Jacob. 2a edizione, notevolmente ampliata, 260 pagine, nutricaMEDia Verlag, ISBN 978-3-9823879-1-8, € 9,99; E-book (epub): ISBN 978-3-9823879-0-1, € 4,99

Istituto Dr. Jacob

Il Dr. The Jacobs Institute for Complementary Medical Research si è prefissato l’obiettivo di chiarire scientificamente le relazioni globali nelle scienze nutrizionali, della medicina naturopatica e della medicina sperimentale e di migliorare i trattamenti efficaci. Altro sotto www.drjacobsinstitut.de

Contatto con i media:

Istituto Dr. Jacob
dottor re. Naturalmente Susan Sichuan
Eggstedterstraße 46
55262 Ingelheim

Contenuti originali di: Dott. Jacobs Institute, trasmesso da aktuell news