Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pillola del vaiolo delle scimmie: uno studio dimostra che i farmaci funzionano

Già dai rapporti clinici si sapeva che un farmaco come il Tecovirimat funziona come cura: ora gli esperti della Goethe-University Frankfurt am Main e dell’Università del Kent (Canterbury) hanno i risultati di uno studio in Giornale di medicina del New England rilasciato. (Puoi leggere lo studio in inglese qui.)

SFONDO: Il virus Monkeypox è strettamente correlato al virus del vaiolo (virus variola), che ha causato epidemie con alti tassi di mortalità di circa il 30% fino a quando non è stato debellato dalla vaccinazione alla fine degli anni ’70.

Le persone con un sistema immunitario indebolito, gli anziani, le donne incinte, i neonati ei bambini piccoli sono particolarmente a rischio di gravi emorragie. Il tasso di mortalità è di circa il tre per cento.

Fino a poco tempo fa, il vaiolo delle scimmie era presente solo in alcune parti dell’Africa quando gli esseri umani lo contraevano attraverso il contatto con animali selvatici, principalmente roditori come il criceto gambiano o lo scoiattolo dalle zampe rosse. Ma dal maggio dello scorso anno, per la prima volta è stata registrata praticamente in tutto il mondo una grave epidemia di vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Africa.

84.000 malattie in 110 stati

I virus si diffondono esclusivamente attraverso la trasmissione da uomo a uomo. Questo è nuovo e potrebbe essere correlato a mutazioni nei patogeni. È stata classificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come “Emergenza Sanitaria Pubblica di Interesse Internazionale”. Dopotutto, all’inizio dell’anno, erano stati registrati circa 84.000 casi di vaiolo delle scimmie in circa 110 paesi in tutto il mondo. Il bilancio delle vittime in quel momento era di 75.

READ  Viagra al salvatore! Una donna sopravvive al coma di Corona grazie alle pillole blu

Circa il 10% delle persone affette da vaiolo delle scimmie necessita di cure ospedaliere.

Inoltre, l’attuale epidemia di vaiolo delle scimmie differisce dalle epidemie precedenti, non solo per la sua via di trasmissione, ma anche per i sintomi della malattia.