Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mesoamerica: un calendario rituale in uso da almeno 3000 anni

Scienze America Centrale

Un calendario rituale in uso da almeno 3000 anni

Luna piena sopra la Piramide di Adivino, una piramide a gradoni mesoamericana nell'antica città precolombiana in rovina di Uxmal, Messico

Luna piena sopra la Piramide di Adivino, una piramide a gradoni mesoamericana nell’antica città precolombiana in rovina di Uxmal, Messico

Fonte: Getty Images / Robert Landau

Il popolo della Mesoamerica aveva un sistema cronologico ben sviluppato: il calendario Maya combinava un calendario annuale di 365 giorni e un calendario rituale di 260 giorni, che indicava la comprensione astronomica. Il suo uso risale a quasi mille anni fa.

DottIl calendario rituale mesoamericano sembra essere di diversi secoli più antico di quanto precedentemente noto. Da un’analisi di centinaia di centri cerimoniali nel sud del Messico, i ricercatori hanno concluso che le persone allineavano questi sistemi almeno 3000 anni fa, cioè intorno al 1000 aC, in particolare secondo il percorso del sole e sulla base di un calendario rituale. La più antica testimonianza dell’uso di questo calendario finora risale al III secolo a.C.

“L’allineamento dell’attaccamento riflette l’attenzione sia al moto annuale del Sole che ad altri eventi nel cielo, e mostra che le osservazioni che hanno portato alla sofisticata conoscenza astronomica dei periodi Classico e Postclassico erano disponibili quasi un millennio prima che fossero registrate.” scrivono i ricercatori sulla rivista Science Advances.

In Mesoamerica, la cultura Maya in particolare, che si estendeva dall’attuale Messico meridionale attraverso il Guatemala e il Belize fino all’Honduras ea El Salvador, utilizzava un sistema cronologico ben sviluppato. Questo combina un calendario annuale di 365 giorni con un calendario liturgico di 260 giorni – 13 mesi di 20 giorni ciascuno.

Leggi anche

Due frammenti di murales datati tra il 200 a.C. e il 300 a.C. circa dall'antico sito Maya di San Bartolo nel Guatemala preclassico testimoniano l'uso precoce del calendario Maya, un simbolo della storia del calendario "7 cervi" (in alto) così come testo geroglifico parziale (in basso) in una foto non datata.  Carl Taube/Per gentile concessione di Proyecto Regional Arqueologico San Bartolo/Pubblicato tramite REUTERS NESSUNA RIVENDITA.  Non archiviato.  Questa immagine è stata fornita da una terza parte.

Leggi anche

Mostra speciale: Maya Codex Dresdensis

Lo scorso aprile, un gruppo di ricerca ha riferito di una scoperta nel sito Maya di San Bartolo, nel nord del Guatemala: due frammenti di stucco calcareo del III secolo a.C. recanti una data tratta da un calendario rituale dipinto su di essi. Le analisi hanno indicato che il calendario era in uso da molto tempo, ma non c’erano ancora prove concrete di ciò.

Il team di Ivan Šprik dell’Accademia slovena delle scienze e delle arti presenta ora questo. Usando il metodo lidar, i ricercatori hanno esaminato l’area lungo il Golfo meridionale del Messico per le composizioni visibili del suolo. Utilizzando la tecnologia lidar (rilevamento e distanza della luce), i laser trasportati dagli aerei scansionano la superficie terrestre, rivelando strutture nascoste anche sotto una vegetazione lussureggiante.

Su un’area di circa 85.000 chilometri quadrati, che corrisponde all’incirca all’area combinata di Baviera e Turingia, il team si è imbattuto in più di 400 complessi edilizi unificati con un orientamento ben definito. Risale dal 1100 a.C. al 250 a.C. e fu costruito dalle culture olmeca e maya.

I geroglifici sui frammenti lapidei del San Bartolo appartengono al calendario rituale Maya

I geroglifici sui frammenti lapidei del San Bartolo appartengono al calendario rituale Maya

Credito: Carl Taube/Per gentile concessione di Proyecto Regional Arqueologico San Bartolo/Handout via REUTERS

Scavi ad Aguada Phoenix, in Messico, il più grande complesso di culto della prima cultura Maya (stato di Tabasco) scoperto nel giugno 2020

Scavi ad Aguada Phoenix, in Messico, il più grande complesso di culto della prima cultura Maya (stato di Tabasco) scoperto nel giugno 2020

Fonte: Takeshi Inomata

Circa 350 piani contenevano un allineamento est-ovest degli edifici. Per quasi il 90 percento di loro, questo allineamento è correlato alla posizione del sole in date specifiche del ciclo annuale, ha scritto il team. Di conseguenza, era comune dirigersi verso l’alba l’11 febbraio e il 29 ottobre: ​​ci sono 260 giorni tra queste due date, esattamente un ciclo nel calendario rituale.

La prima prova dell’uso del calendario di 260 giorni

Ad esempio, in una struttura, due prospetti centrali sono costruiti in modo tale che la loro estensione verso est corrisponda esattamente a un’altezza di 380 metri, su cui splende il sole in quei due giorni. I ricercatori confermano che tale tendenza è particolarmente comune nelle piante del periodo dal 1100 aC al 750 aC. Questa è la prova più antica dell’uso del calendario di 260 giorni e della conoscenza astronomica in Mesoamerica.

Il team descrive anche altri allineamenti di strutture che si dice siano associati alla posizione, ad esempio, della Luna, di Venere o della stella Fomalhaut. Il team scrive che la costruzione dei primi blocchi di costruzione andò di pari passo con l’inizio dell’agricoltura, cioè la coltivazione del mais, e l’aumento della stabilità. “Poiché i calendari allineati con l’orizzonte solare possono funzionare solo mediante l’osservazione da un punto fisso, l’assunzione di stili di vita più stabili dovrebbe essere alla base di questo sviluppo”.

Mesoamerica: un calendario rituale in uso da almeno 3000 anni

I raggi laser scansionano la superficie terrestre per rivelare strutture nascoste

Fonte: Takeshi Inomata

L'altopiano principale del sito di scavo in Messico, lungo circa 1.400 metri

L’altopiano principale del sito di scavo è lungo circa 1.400 metri

Fonte: Takeshi Inomata

Il team vede un primo allineamento con il calendario rituale a San Lorenzo, il più antico centro cerimoniale della Mesoamerica in quello che oggi è lo stato messicano di Veracruz. Questo complesso olmeco, noto per le sue teste colossali, raggiunse il suo apice tra il 1400 e il 1100 a.C.

Il sistema è allineato in modo che il sole tramonti dietro il monte Zempoaltépetl nel vicino stato di Oaxaca al solstizio d’inverno. Inoltre, sono allineate 20 piattaforme, il che conferma l’importanza di questa cifra. A quel tempo, scrivono i ricercatori, a San Lorenzo vivevano già persone sedentarie, tra cui forse già laureandi in astronomia.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Aha! Dieci minuti di conoscenza quotidiana” è il podcast della conoscenza di WELT. Ogni martedì e giovedì rispondiamo alle domande quotidiane nel campo della scienza. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE DezerE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.

READ  Pandemia di coronavirus: ++ Nuove restrizioni in India ++