Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Omicidio di un 13enne: Teen chiede su Instagram come disfarsi del suo corpo | Notizia

All’inizio ha ucciso, e poi non sapeva cosa fare del cadavere.

A Bensalem, in Pennsylvania, la polizia ha arrestato il sedicenne Joshua Cooper con l’accusa di aver ucciso una ragazza e poi chiesto aiuto per lo smaltimento del corpo su Instagram, ha riferito il canale di notizie. “Cnn”.

Un portavoce dell’agenzia ha detto che una madre preoccupata ha contattato la polizia locale dopo che sua figlia ha ricevuto una chat video tramite Instagram da un amico. Nella clip si vede il sedicenne dire di aver appena ucciso qualcuno. Ha quindi ruotato l’immagine video per mostrare i piedi e le gambe insanguinati di una persona. Poi chiese se qualcuno potesse aiutarlo a sbarazzarsi della donna morta.

La madre si è subito resa conto che il video non era uno scherzo di cattivo gusto e ha chiamato la centrale di emergenza della polizia. Anche i poliziotti non hanno pensato che fosse uno scherzo e si sono diretti verso l’indirizzo del giovane, un parcheggio per roulotte fuori città.

Sul posto, trovano una ragazza morta e insanguinata con una ferita da arma da fuoco nel bagno del Silver Wagon. Secondo la polizia, c’erano anche numerosi indizi che qualcuno avesse cercato disperatamente di rimuovere tracce di sangue dalla scena del crimine. L’identità del 13enne non era ancora nota.

In una delle camere da letto della roulotte, la polizia ha anche trovato una cassaforte contenente armi da fuoco, oltre a una fondina con una pistola mancante, hanno riferito. “Inquirer Filadelfia”. Lo stesso Cooper è stato successivamente arrestato a una certa distanza dal parcheggio per roulotte.

READ  Ucraina: caccia MiG-29 polacchi a Kiev? La Germania ha potere di veto

La polizia ha detto che era detenuto in un centro di detenzione minorile senza cauzione. È accusato di diversi reati nell’ambito dell’omicidio di una persona, detenzione illegale di un’arma da fuoco e manomissione o falsificazione di prove.