Livello di rischio più alto: scoperta del sottotipo 5 della malattia di Alzheimer Vita e conoscenza

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Il morbo di Alzheimer È una delle malattie più comuni in età avanzata. Tuttavia, le ragioni non sono chiare. Le possibilità che il trattamento abbia successo sono scarse. Sebbene esistano farmaci (Lecanemab e Donanemab)che può rallentare la progressione, ma fermare la malattia non è ancora possibile.

I ricercatori guidati da Betty Timms del Centro Alzheimer di Amsterdam riferiscono sulla rivista specializzata Nature Aging di aver scoperto un quinto sottotipo di malattia di Alzheimer. Finora sono conosciuti quattro diversi sottotipi. Tutti i sottotipi sono associati a sintomi specifici, come la demenza e la durata della sopravvivenza delle persone colpite.

I ricercatori hanno esaminato le proteine ​​trovate in quantità maggiori nel midollo spinale dei pazienti affetti da Alzheimer. A questo scopo è stato prelevato e analizzato il liquido spinale di 419 malati di Alzheimer e di 197 persone sane. In totale, i ricercatori hanno trovato 3.800 proteine ​​diverse. Si è scoperto che 1.058 proteine ​​erano significativamente modificate nei pazienti affetti da Alzheimer. Le proteine ​​modificate possono essere utilizzate per determinare a quale sottotipo appartiene una persona malata.

I cinque sottotipi

Il quinto sottotipo ora scoperto, come il sottotipo 2, è maggiormente a rischio di progredire dal deterioramento cognitivo lieve alla demenza. La differenza tra i sottotipi 2 e 5 risiede nella causa della malattia.

Nel sottotipo 2 si sospetta che la causa sia l'iperattività del sistema immunitario innato. Nel sottotipo 5 la causa è la barriera ematoencefalica che non riesce più a svolgere la sua funzione protettiva.

Il sottotipo 1 porta a seri problemi di memoria. Con una media di 8,9 anni, i pazienti hanno la più alta aspettativa di vita.

Nel sottotipo 3, i malati hanno difficoltà ad orientarsi e hanno difficoltà a distinguere le forme.

Nel sottotipo 4, il declino mentale è grave e si verificano problemi di linguaggio.

Le differenze tra i cinque sottotipi spiegano perché alcuni trattamenti funzionano solo in alcuni pazienti. Il team dell'Alzheimer's Center Amsterdam parte dal presupposto che i sottotipi di Alzheimer richiedono trattamenti specifici.

Related articles

Gli albergatori altoatesini si preoccupano per i loro affari in Italia

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 5:37Da: Mark StobbersPremeredivisoL'imminente ristrutturazione del ponte Luke sull'autostrada del Brennero...

Presso la società di ingegneria meccanica Illig andranno persi 200 posti di lavoro

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024 alle 15:17da: Mark Stoffers, Marcel ReichInsisteDivideL’ondata di bancarotte della Germania...

Una nuova ricerca confuta anni di ipotesi

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 14:34da: Tanja BannerInsisteDivideIl clima di Marte potrebbe essere stato diverso...