Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La velocità di deambulazione è un possibile segno premonitore di demenza

Per anni, la ricerca è stata condotta su come rilevare e trattare precocemente la demenza. Gli scienziati hanno ora scoperto che il rischio di demenza è legato a una velocità di camminata più lenta.

Uno studio pubblicato di recente suggerisce che la velocità della camminata negli anziani può fornire informazioni sulla potenziale demenza. A tal fine, i ricercatori hanno condotto uno studio su 16.855 persone provenienti da Australia e Stati Uniti, che avevano un’età media di 75 anni. I dati dello studio sono stati raccolti tra il 2010 e il 2017.

La demenza può essere identificata dalla velocità di camminata

Nell’ambito dell’analisi, i ricercatori hanno scoperto che una diminuzione combinata o simultanea della velocità di deambulazione e delle capacità cognitive è associata a un aumento del rischio di demenza. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista specializzata “Gamma Network”.1 Le persone in cui nessuna delle loro caratteristiche o tratti si deteriora hanno meno probabilità di sviluppare la demenza.

A tale scopo, gli scienziati hanno raccolto dati nell’ambito dello studio ASPREE (ASPirin in Reducing Events in the Eenerly). I soggetti sono stati reclutati dal 2010 al 2014 e sono stati condotti test anonimi fino al 2017. I dati sono stati quindi analizzati tra ottobre 2020 e novembre 2021. All’inizio dello studio, è emerso che quasi 17.000 persone che erano state testate non avevano né demenza, né né malattie cardiovascolari, né disabilità fisiche e un’aspettativa di vita superiore a cinque anni.

Interessante anche: Demenza – quali sono i segni che dovresti vedere da un medico?

Sono stati utilizzati questi metodi di prova

Durante i sette anni, le persone hanno dovuto sostenere vari test. La velocità di deambulazione è stata misurata all’inizio dello studio nel secondo, quarto, sesto e ultimo anno. I soggetti testati hanno dovuto camminare per una breve distanza di tre metri ciascuno nei rispettivi anni. I due punteggi di camminata sono stati mediati e un modello di camminata o velocità è stata stabilita.

READ  Scaricare il cervello: un modo efficace per fermare la ruminazione

I test cognitivi sono stati eseguiti agli anni 1, 3, 5 e alla fine dello studio. I metodi utilizzati sono stati:

  • Mini test dello stato mentale modificato (3MS): un test di screening della demenza con domande sulla memoria, l’aritmetica o l’orientamento. (Consapevolezza globale)
  • Test di apprendimento verbale rivisto Hopkins (HVLT-R): test di memoria (memoria)
  • Metodi del numero di codice (SDMT): Test di screening per disfunzione neurologica (velocità di elaborazione)
  • Test di associazione orale controllata di parole (COWAT-F): un test per verificare la fluidità. (scienza del parlato)

Interessante anche: un agente che può alleviare rapidamente i sintomi della demenza

Due gruppi sono particolarmente colpiti

Dopo che l’analisi dei dati è stata completata, i soggetti sono stati divisi in quattro gruppi.

  • Gruppo I: diminuzione simultanea della velocità di deambulazione e delle prestazioni cognitive
  • Gruppo 2: Andare indietro solo secondo lo schema dell’andatura
  • Il terzo gruppo: regressione solo nella performance cognitiva
  • Quarto gruppo: nessun deterioramento delle proprietà

La regressione della deambulazione è stata definita come una perdita di velocità di deambulazione superiore a 0,5 m/s entro un anno. Per determinare quale di questi avesse il rischio maggiore di sviluppare la demenza, è stato incluso anche un “hazard ratio”. Questo valore mostra, tra l’altro, quanto è più alto il tasso di mortalità di un gruppo rispetto a un altro.2 L’eventuale demenza dipende non solo dalla velocità di deambulazione, ma anche dallo specifico declino cognitivo.

Divenne presto evidente che il gruppo con deterioramento della velocità di deambulazione e deterioramento della funzione della memoria (HVLT-R) aveva un rapporto di rischio di 24,7. Questo è seguito dal gruppo con andatura peggiore e deterioramento cognitivo globale con 22.2. Poi vengono le persone con un’andatura scadente e una bassa scioltezza del linguaggio (4.7). Le meno colpite sono le persone la cui velocità di camminata e velocità di elaborazione sono ridotte in media di 4,3.

READ  Fase calda: gli specchi vengono installati sul telescopio spaziale James Webb

Gli scienziati sono giunti alla conclusione che le persone che camminano circa il 5% più lentamente all’anno e contemporaneamente perdono le capacità cognitive hanno maggiori probabilità di sviluppare la demenza.

Fonti