Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La NASA devia il percorso dell’asteroide: ora tutto ciò che l’umanità deve fare è agire

Opinione La NASA si sta allontanando da un asteroide

In futuro, l’umanità avrà se stessa da incolpare solo se viene distrutta da un asteroide

Credito: Getty Images/Science Photo Library RF/SCIEPRO

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Con il suo esperimento “Dart”, la NASA ha dimostrato che deviare un asteroide con una sonda spaziale è tecnicamente fattibile. Ora l’umanità deve prendere abbastanza sul serio il vero pericolo dallo spazio per sviluppare strumenti adeguati, prima che sia troppo tardi.

eC’è uno scenario per la caduta della civiltà terrena per il quale gli esseri umani non si assumeranno alcuna responsabilità. Se un enorme pezzo di roccia volasse verso la Terra dalle profondità dello spazio e si scontrasse con essa, le basi della vita per tutta l’umanità potrebbero essere distrutte in un colpo solo. La razza umana è impotente alla mercé di un tale evento – era il caso 100 anni fa ed è ancora il caso oggi.

L’unica differenza è che oggi, grazie a potenti telescopi e ricerche astronomiche, sapremo con diversi mesi di anticipo se un asteroide pericolosamente grande è in rotta di collisione con la Terra. In passato, l’umanità sarebbe stata completamente sorpresa dall’effetto devastante, in linea di principio non diverso dai dinosauri di 65 milioni di anni fa.

Leggi anche

A settembre, la NASA ha deliberatamente diretto per la prima volta una sonda su un asteroide, con successo

Non c’è dubbio che un giorno un asteroide si scontrerà con la Terra con la possibilità di un’apocalisse. L’unica domanda aperta è quando. Gli esperti ritengono che il prossimo grande asteroide che spazzerà via l’umanità sia statisticamente troppo tardi. Se dovesse accadere nei prossimi anni, non ci sarebbe – ancora – alcun modo per prevenire l’incidente.

Il fatto che uno strumento del genere sia tecnicamente fattibile è dimostrato dall’esperimento condotto dalla sonda spaziale “DART”, che è stata deliberatamente scontrata con l’asteroide Demorphos alla fine di settembre. La NASA ha ora riferito che il corpo celeste è stato infatti in grado di deviare leggermente dalla sua orbita a causa della collisione. Secondo le leggi della fisica, non ci si dovrebbe aspettare nient’altro. Bello che fosse davvero così. Ma il guadagno di conoscenza è minimo a questo punto.

Il significato più grande dell’esperimento del dardo sta nel fatto che l’attenzione di gran parte del pubblico in generale in tutto il mondo è attirata da una questione che non ha alcun ruolo nella vita quotidiana delle persone: la vera minaccia per il nostro pianeta dallo spazio.

sforzo tremendo

Sistema di difesa contro possibili asteroidi in avvicinamento. Ma lo sforzo è grande, la tecnologia è costosa e il tempo di sviluppo è lungo. Nessun paese sarà in grado o disposto a farlo da solo. Pertanto, è necessaria la cooperazione internazionale.

L’esempio del cambiamento climatico mostra quanto sia difficile adottare costose misure precauzionali per rischi che risiedono in un futuro lontano. Una cosa è chiara: se la Terra viene distrutta da un asteroide in 100 anni, la responsabilità è nostra. A quel punto, le tecniche difensive sarebbero state sempre pronte.

READ  "Come niente che sappiamo": scoperta di una stella di neutroni che gira molto lentamente