Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Incendi e inondazioni: Australia – Laboratorio di test sui cambiamenti climatici

cHarris Dickman, ricercatore dell’Università di Sydney, non per niente ha chiamato l’Australia “il canarino nella miniera di carbone”: gli animali un tempo erano considerati un indicatore affidabile della qualità dell’aria sotterranea. Quando tacquero, era ora che i minatori lasciassero il tunnel. Allo stesso modo, il continente australiano è chiaramente in vantaggio rispetto ad altri paesi in ciò che il mondo può aspettarsi se le temperature globali continuano a salire. Un po’ come un laboratorio di test sui cambiamenti climatici.

Un rapporto appena presentato dal nuovo governo socialdemocratico australiano mostra quanto sia cambiato radicalmente l’ambiente del continente negli ultimi anni. Dice che la natura è in uno “stato povero e degradato”. Oltre ai cambiamenti climatici, sono responsabili l’estrazione mineraria, l’inquinamento ambientale, le specie animali introdotte e la perdita di habitat. Solo dal 1990 sono stati rimossi più di 6,1 milioni di ettari di foresta.

Il ministro dell’ambiente australiano, Tanya Pleibersic, non ha risparmiato le accuse contro il precedente governo. Ovviamente hanno il rapporto da dicembre, ma probabilmente non volevano pubblicarlo prima delle elezioni di maggio. Plebersk ha detto al National Press Club di Canberra che l’ex ministro dell’ambiente ha scelto di “mantenere segreto il rapporto” fino a dopo le elezioni. “Se lo leggi, saprai perché.”

Leggi anche

In effetti, la conclusione del rapporto è scioccante: tutti gli ecosistemi del continente sono stati sotto stress. 19 Già in segno di collasso o sull’orlo del collasso. L’Australia ora ha più specie vegetali non autoctone che specie autoctone e il numero di specie elencate come in via di estinzione è aumentato dell’8% dal 2016. Un certo numero di specie è già sull’orlo dell’estinzione. L’Australia ha già perso più specie di mammiferi di qualsiasi altro continente.

READ  Svolta del vaccino e quarta vaccinazione: perché vale la pena testare gli anticorpi corona

Le condizioni meteorologiche avverse sono in aumento

Il rapporto documenta anche alcuni eventi particolarmente tragici: ad esempio, le ondate di calore marino sulla Grande Barriera Corallina nel 2016, 2017 e 2020 hanno causato lo sbiancamento di massa delle barriere coralline. Nessuno sbiancamento di massa è stato segnalato di nuovo fino a marzo di quest’anno, quindi dopo che il rapporto è stato completato. Anche le giovani barriere coralline sono minacciate dall’accresciuta acidificazione degli oceani.

Nel 2018, un’ondata di caldo ha ucciso 23.000 volpi volanti, i catastrofici incendi boschivi del 2019/20 hanno provocato quasi tre miliardi di animali e il Murray Darling Basin, il più grande sistema fluviale dell’Australia, ha registrato i livelli d’acqua più bassi mai registrati nel 2019. A causa della grave siccità, circa un milione di pesci è morto in quel momento.

Leggi anche

17 luglio 2022, Renania settentrionale-Vestfalia, Marl: I servizi di emergenza combattono le fiamme nel campo di fieno.  Nel campo, la paglia ha preso fuoco su un'area di 1000 mq.  I vigili del fuoco hanno detto che le fiamme si sono rapidamente erose tra le macerie.  Le fiamme a volte raggiungevano un'altezza di metri.  (al dpa "La paglia ha preso fuoco: gli agricoltori aiutano a spegnerla") Foto: Guido Bludau / dpa +++ dpa picture radio +++

In un articolo di accompagnamento sulla rivista accademica The Conversation, gli autori del rapporto scrivono che l’intensità e la frequenza degli eventi meteorologici estremi sono cambiate negli ultimi cinque anni. Eventi estremi come inondazioni, siccità, incendi boschivi, tempeste e ondate di caldo hanno colpito ogni parte dell’Australia. “I periodi di incendi stagionali si allungano”, hanno scritto i ricercatori. Nel New South Wales, ad esempio, la stagione degli incendi è durata finora quasi otto mesi.

L’autrice principale del rapporto, Emma Johnston dell’Università di Sydney, ha dichiarato all’ABC australiana che la più grande differenza tra il rapporto attuale e il precedente rapporto del 2016 è quanto il cambiamento climatico sta facendo ora all’ambiente.

“Nei rapporti precedenti, abbiamo parlato principalmente di futuri impatti climatici tesi”, ha affermato. In questo rapporto, invece, c’è un netto contrasto. Ora hanno già documentato “gli effetti di vasta portata del cambiamento climatico”.

Il ministro dell’ambiente australiano parla di una “crisi ambientale” derivante da un “decennio di ostinata inazione e ignoranza”. “Dopo un decennio perduto, un decennio di stagnazione, non possiamo perdere un altro giorno”, ha affermato Bleibersk. Il vostro governo ora vuole ridurre le emissioni del 43% al di sotto dei livelli del 2005 entro il 2030 e anche mettere sotto protezione il 30% della superficie terrestre australiana e il 30% della sua acqua entro il 2030.

Tuttavia, le centrali a carbone non dovrebbero essere chiuse prima. Il ministro ha ribadito quest’ultima. Non è un caso che alcune miniere di carbone di nuova approvazione si trovino nel Queensland, guidato da un primo ministro socialdemocratico.

“Minaccia per l’umanità”

Il rapporto ha anche chiarito la gravità della situazione e descritto il degrado ambientale come una “minaccia per l’umanità”. Ciò potrebbe portare a un crollo sociale con conseguenze gravi e a lungo termine, ha affermato. L’Australian Climate Council ha anche avvertito in un tweet che “è tempo di fare passi coraggiosi per proteggere il nostro Paese”.

Sebbene il rapporto descriva la situazione con parole particolarmente drastiche, non è affatto il primo suono di avvertimento: nel 2017, uno studio dell’Università nazionale australiana di Canberra prevedeva che Melbourne e Sydney avrebbero dovuto adattarsi a giornate estive di 50 gradi. Entro il 2040, anche se l’accordo di Parigi sul clima sarà rispettato.

Due anni prima, l’agenzia di ricerca australiana CSIRO e l’agenzia meteorologica nazionale avevano tracciato uno scenario terrificante: i cambiamenti climatici avrebbero colpito l’Australia molto più duramente del resto del mondo, hanno scritto gli scienziati, prevedendo temperature estreme nell’entroterra, che avrebbero portato alla morte di barriere coralline. La Grande Barriera Corallina ha inondato le città di milioni di residenti vicino al mare.

La Grande Barriera Corallina è in pericolo

La Grande Barriera Corallina soffre di sbiancamento dei coralli. Più del 90% dell’ecosistema è danneggiato. Il motivo è che le temperature dell’acqua sono molto elevate. Per salvare le barriere coralline, la scienza ha richieste chiare.

Fonte: Wilt/Yasser Sbeik