Il ronzio intorno a un sondaggio sui modelli maschili

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
“Trauma Poll” – “Un giovane su tre è d’accordo con la violenza contro le donne” – questi i titoli di un recente sondaggio condotto dall’organizzazione Piano Internazionale Germania, che sta causando molta eccitazione al momento. Diversi media hanno riportato i risultati apparentemente sorprendenti, tra cui ZDFheute, sulla base dei rapporti dell’agenzia.

Ma ci sono forti critiche al sondaggio: gli esperti hanno espresso scetticismo sui risultati e hanno criticato la metodologia opaca – domande e risposte specifiche non sono state pubblicate. Soprattutto, c’è la questione di quanto siano effettivamente rappresentative le statistiche. Per il sondaggio sono state valutate le risposte di 947 uomini e 949 donne di età compresa tra 18 e 35 anni intervistati online.

Esperto: i sondaggi online sono meno rappresentativi

Ulrich Koehler, professore di ricerca sociale sperimentale all’Università di Potsdam, vede in questo un problema fondamentale. Spiega a ZDFheute:

Nei sondaggi, gli intervistati devono essere selezionati a caso – solo allora c’è un campione rappresentativo.

Ulrich Koehler è professore di ricerca sociale sperimentale all’Università di Potsdam

Il ministro federale della famiglia Lisa Pauss, perché dovrebbero essere sviluppati “standard minimi comuni” per i centri di accoglienza per donne in Germania.

01/06/2023 | 06:57 min


I sondaggi online sono meno adatti a tali statistiche perché gli intervistati “selezionano se stessi, per così dire”: “Questo li rende molto selettivi: non c’è nulla nell’intero processo che garantisca che non si verificheranno grosse distorsioni”, afferma Kohler.

Il sondaggio era “rappresentativo”

Interrogata da ZDFheute, una portavoce di Plan International Germania ha spiegato che il campione era “particolarmente rappresentativo secondo i criteri di età, livello di istruzione e regione”. Ciò che significa concretamente è spiegato ancora nello stesso sondaggio: “L’esperienza ha dimostrato che le persone con un’istruzione abbastanza elevata, una certa affinità per i computer e una naturale curiosità e disponibilità a comunicare hanno maggiori probabilità di essere nei forum online”, afferma il rapporto. Là.

Durante la selezione degli intervistati, sono state prese contromisure per quanto riguarda la quota di istruzione: le persone con un livello di istruzione inferiore sembravano avere più peso e la ponderazione regionale è stata adeguata. Ma questo significa che il sondaggio è rappresentativo anche in termini di opinioni espresse?

Aiuto contro la violenza contro le donne:

Il sito web fornisce una panoramica dei posti nei rifugi per donne a livello nazionale:

Frauenhaus-suche.de

Attenzione: La panoramica non include tutti i rifugi per donne in Germania.

Alcuni stati federali hanno le proprie pagine, ad esempio:

Assia: https://www.frauenhaeuser-hessen.de/

Renania Settentrionale-Vestfalia: https://www.frauen-info-netz.de/

Renania-Palatinato: https://www.frauenhaeuser-rheinlandpfalz.de/

Helpline contro la violenza contro le donne: 080000 116016 o nuovo: 116016

www.hilfetelefon.de

Koehler ha dei dubbi: “Forse puoi correggere qualcosa nel livello di istruzione in tali sondaggi online, ad esempio, per accogliere persone più scarsamente istruite. Ma ci sono molti aspetti che non possiamo aggiustare affatto, perché non sappiamo come sono distribuito.” tra la popolazione tedesca. Può sempre esserci un bias nel campione.”

Chi è la donna Tik Tok che odi? La pericolosa ascesa di Andrew Tate:

È il “Re della mascolinità tossica” e gli adolescenti adorano il suo lavoro di maschio alfa. La polizia indaga su stupro e traffico di esseri umani.

13/05/2023 | 15:17 min


I risultati del piano non sono coerenti con altri studi

In senso concreto, ciò significa: i partecipanti al panel con un’elevata affinità informatica e disponibilità a comunicare potrebbero avere atteggiamenti diversi rispetto al tedesco medio, forse rappresentavano anche atteggiamenti più misogini e omofobi? Poiché alcuni risultati di Plan International non corrispondono a studi precedenti:

Ad esempio, il 48% degli intervistati di Blanc ha affermato di essere infastidito quando “gli uomini mostrano la loro omosessualità in pubblico”. In Indagine dell’agenzia contro la discriminazione Dal governo federale a partire dal 2017, anche il 40% degli intervistati ha riferito di sentirsi disturbato da qualcosa del genere, ma nella popolazione generale, non solo nelle giovani generazioni.

Spesso gli autori sono complici: Ogni ora 13 donne sono vittime di violenza

Minacce, percosse e omicidi: nel 2021, circa 143.000 donne sono state vittime di violenza da parte del partner, un numero leggermente inferiore rispetto al 2020. Il governo federale chiede un discorso sul femminicidio.

Anche il consumo di alcol tra gli intervistati da Plan è più elevato che in altri studi, come quello più recente Indagine del Centro federale per l’educazione alla salute. “In termini di dimensioni del campione, questa sembra essere una distorsione”, afferma il professore di matematica Kristan Schneider della Mitoida University of Applied Sciences.

Mancano informazioni sui background culturali

Un altro problema: alcuni termini non sono ben definiti. Secondo il sondaggio, il 34% dei giovani uomini ha affermato di usare la violenza contro le donne e di “rivolgersi alla violenza” per instillare in loro rispetto. Ma cosa è tangibile? “Strappare via il tuo partner o lanciare oggetti è considerato violenza fisica per alcuni, ma non per altri”, afferma Schneider.

“Ecco l’aspetto scioccante del sondaggio”, afferma Katherine Hartkopf di Plan International, “Un terzo ha detto: ‘Lo accetto'”.

06/12/2023 | 05:45 min


Inoltre: “Il background culturale degli intervistati è completamente assente – nella categoria dei giovani, circa il 35% delle persone in Germania ha un background di immigrazione e i classici modelli di ruolo differiscono tra le culture”, critica Schneider. Plan counters: per non suscitare pregiudizi, hanno deliberatamente evitato di chiedere informazioni su religione, nazionalità e background di immigrazione, spiega l’amministratore delegato Kathryn Hartkopf.

Il ricercatore sociale Kohler lo riassume in modo pratico: “Soprattutto nel caso di studi con risultati così sensibili che sono ampiamente discussi, è necessario applicare standard di qualità molto elevati. Ed è esattamente quello che non è successo qui”.

Related articles