Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nuovo presidente del Senato italiano La Russa: statua di Mussolini e saluto di Hitler

Stato: 14/10/2022 06:50

Statue di Mussolini in ricevimento, saluto di Hitler in Parlamento: Ignacio La Russa, scelto da Giorgia Meloni per i primi dati anagrafici, il nuovo Secondo Uomo d’Italia.

Di Jörg Seisselberg, ARD Studio Roma

Sono passati quattro anni da quando Ignacio La Russa ha aperto le porte del suo appartamento milanese per una storia casalinga. I giornalisti del “Corriere della Sera” sono rimasti sorpresi quando il politico li ha portati nel suo soggiorno. Ora il secondo più alto rappresentante d’Italia, vi espose con orgoglio una statua del dittatore fascista Benito Mussolini e dichiarò: “C’è una stella rossa ai piedi del presidente, quindi ecco un simbolo comunista, ma l’ho messo ai suoi piedi”.

Georg Seiselberg
Studio ARD Roma

“Deuce” – Traduzione: Leader -: Una scelta naturale di parole per La Russa. Accanto alla statua sul comò, La Russa indicò una targa di Mussolini appesa al muro. Due dei tanti monumenti fascisti nella residenza dell’uomo che fu eletto presidente del Senato a maggioranza assoluta al primo scrutinio, formalmente la seconda carica dello Stato italiano.

Provocazione con gesti fascisti

La Russa, il cui nome era Benito, come Mussolini, era stato per decenni il capo della destra italiana. Durante questo periodo espresse spesso simpatia per Mussolini e amava incitare a simboli e gesti fascisti. Ad esempio, cinque anni fa, La Russa si oppose vigorosamente in parlamento contro una legge pianificata che renderebbe il cosiddetto saluto romano, noto in Germania come saluto di Hitler, un reato penale anche in Italia.

READ  Serie A: Trasmissione in TV e live streaming in Germania

“La proposta di legge vieta solo la distribuzione e così via”, ha detto La Russa. “Ma un gesto specifico. Quindi fai attenzione a non alzare la mano sopra la spalla in futuro.” Questa volta ha fatto proprio questo: ha salutato Hitler in parlamento. Durante la pandemia di coronavirus, l’ormai 75enne ha raccomandato di salutare con la mano tesa invece di una stretta di mano, poiché non diffonde virus. Dopo una protesta pubblica, La Russa ha cancellato il tweet.

Resistito dai dipendenti

I politici dell’opposizione sono scioccati dalla nomina del vincitore delle elezioni Georgia Meloni a Presidente del Senato. Alessandro John, un deputato democratico, ha scosso la testa allo staff. “Ignacio La Russa, come presidente del Senato, è un fascista confessato che dorme tra i busti di Mussolini”, ha detto. “Non è certo un inizio che ispira Georgia Melonis”.

Sotto Silvio Berlusconi, La Russa era ministro della Difesa. Negli ultimi anni, il siciliano autoctono dalla voce burbera è diventato uno dei più importanti confidenti del vincitore delle elezioni in carica. Come il primo ministro entrante, La Russa era un ex membro del MSI neofascista.

Anche con la coalizione di destra, non tutti sono contenti

Nel suo discorso di insediamento come Presidente del Senato, ha promesso di agire con imparzialità e di tutelare i diritti della maggioranza e dell’opposizione. Per due volte, tuttavia, La Russa ha citato suo padre. Sotto Mussolini fu capo del Partito Fascista nella sua città natale, e poi – come suo figlio – senatore del MSI neofascista. Nel suo discorso di apertura, La Russa ha indicato suo padre come un modello di tolleranza.

Ho iniziato a fare politica poco dopo la mia nascita. Mio padre faceva politica, un avvocato come me. Aveva le sue opinioni e non le ha mai smentite. A casa mia hai respirato aria di libertà. Nessuno viene mai accusato di non seguire le idee giuste che dominano la casa.

Molti senatori dell’opposizione stanno seguendo la prima apparizione di La Russa, a volte con facce in preda al panico come la seconda nello stato. Meloni, invece, era felice di aver scelto quello che chiamava “il patriota”. Non tutti nella loro alleanza legale la vedevano in questo modo. Alcuni senatori del partito Forza Italia di Berlusconi si sono rifiutati di sostenere La Russa nelle elezioni.