I ricercatori trovano la probabile causa nell’intestino

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. 24vita
  2. Vivi sano

Le cause della malattia di Parkinson non sono ancora del tutto comprese a livello scientifico. In uno studio, i ricercatori hanno ora scoperto un nuovo catalizzatore.

La malattia di Parkinson è una delle cosiddette malattie neurodegenerative. I neuroni vengono gradualmente distrutti dall’accumulo e dall’aggregazione di alcune proteine. I neuroni che producono dopamina sono particolarmente colpiti. Finora, però, le cause della sofferenza sono state studiate solo parzialmente. Si ritiene che i cambiamenti genetici causino la malattia. Tuttavia, nel 90% dei casi i sintomi tipici si manifestano senza origine genetica. Un gruppo di ricerca guidato dalla scienziata Anna Katharina Uckert dell’Università di Costanza ha scoperto un’altra possibile causa della malattia di Parkinson, che si troverebbe nell’intestino.

I ricercatori hanno scoperto la possibile causa della malattia di Parkinson nell’intestino

Un importante fattore di rischio per la malattia di Parkinson è l’età. Tuttavia, ci sono altre cause di malattie neurodegenerative. © Highway Stars/Imago

Per quelli della rivista di settore Ambiente internazionale pubblicato Stare I ricercatori hanno esaminato l’effetto di un cosiddetto metabolita. Questo è il prodotto metabolico dei microrganismi. Poiché i pazienti affetti da Parkinson hanno un diverso insieme di microbi nell’intestino rispetto alle persone sane, si sospetta che anche la flora intestinale e il microbioma siano possibili fattori scatenanti della malattia neurodegenerativa. Esistono prove che i metaboliti possono attaccare selettivamente i neuroni che producono dopamina.

Pertanto, il gruppo di ricerca ha esaminato questo prodotto metabolico del batterio Streptomyces venezuelae, che si trova nel suolo e ha percorsi metabolici e prodotti simili ai microrganismi nel corpo. Per l’analisi, gli scienziati hanno isolato il metabolita dagli estratti di batteri Streptomyces venezuelae in diverse fasi di purificazione. È stato identificato utilizzando la spettrometria di massa (MS) e la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (NMR). Inoltre, la sostanza identificata è stata prodotta anche chimicamente. Entrambe le sostanze sono state aggiunte in vitro ai neuroni umani produttori di dopamina, ad altri neuroni umani e alle cellule umane non neuronali. Infine, i ricercatori hanno notato se le cellule cerebrali erano deformate o morte.

Non perdetevi nulla: trovate tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter periodica del nostro partner 24vita.de.

Esperimenti sugli animali mostrano l’effetto della tossina batterica, un’ulteriore causa del morbo di Parkinson

I risultati hanno mostrato che il metabolita è costituito da aerogeno ed erogenolo. Questi sono composti 2-idrossifeniltiazolici. Sono presenti sia nel microbioma che in molti agenti patogeni. Nello studio, hanno distrutto i neuroni umani, come i neuroni che producono dopamina. Ulteriori ricerche hanno rivelato che l’erogeno combinato con il ferro è tossico per le cellule. Similmente al morbo di Parkinson, la neurodegenerazione indotta da sostanze porta alla morte delle cellule nervose.

In un esperimento con i nematodi, gli animali hanno sviluppato anche difficoltà di movimento e schemi neurali specifici dopo essere entrati in contatto con la tossina batterica. Questi erano simili a quelli dei pazienti con Parkinson. I ricercatori hanno scoperto che il veleno dei vermi attacca specificamente anche i neuroni che producono dopamina. Secondo l’autore dello studio Marcel List dell’Università di Costanza, i risultati “dimostrano una relazione concreta tra uno specifico metabolita batterico e i sintomi simili al Parkinson. Si tratta di un altro passo avanti nella comprensione di come il nostro ambiente, fino ai microbi che ci circondano, possono influenzare l’insorgenza o lo sviluppo di tali malattie”.

Altre possibili cause della malattia di Parkinson

Oltre all’innesco genetico, anche l’età gioca un ruolo importante. Pertanto, l’età rappresenta un importante fattore di rischio per lo sviluppo della malattia di Parkinson, anche se non è ancora chiaro quali processi di invecchiamento siano coinvolti nello sviluppo della malattia di Parkinson. Gli scienziati conducono anche ricerche sugli agenti ambientali (come pesticidi agricoli e sostanze chimiche industriali presenti nell’ambiente) e sui virus, poiché sono sospettati anche come possibili fattori scatenanti della malattia di Parkinson.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non può rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.

Related articles