Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori scoprono un enorme buco dell’ozono sui tropici e gli esperti dubitano dei dati

Aggiornamento dell’8 luglio 2022: alcuni ricercatori stanno ora criticando lo studio presentato. Abbiamo aggiunto questi suoni qui.

Nella stratosfera, cioè strati di gas alti più di dodici chilometri sopra la superficie terrestre, c’è un grande buco: il ricercatore canadese Cheng-Pin Lu dell’Università di Waterloo vuole trovare un buco dell’ozono sette volte più grande quando valuta dati estesi dai satelliti. Finora sono state descritte stazioni di misurazione al suolo sopra i poli, e specialmente sopra l’Antartico. Il cratere scoperto ora si trova tra le latitudini 30°N e 30°S, cioè al di sopra dell’equatore o dei tropici. Poiché circa la metà della popolazione mondiale vive a questa latitudine, gli effetti sull’umanità sono enormi, ha scritto il ricercatore nel suo studio sulla rivista AIP Advances. Tuttavia, scienziati indipendenti criticano i risultati.

Molti scienziati sono rimasti sorpresi: il buco dell’ozono sui tropici è stato ignorato per anni

I buchi dell’ozono sono definiti come aree in cui la stratosfera ha perso più del 25% del suo normale livello di ozono. L’ozono, una molecola composta da tre atomi di ossigeno, è un gas che si trova principalmente nella stratosfera dove filtra i raggi ultravioletti dalla luce solare. Senza ozono, più luce UV raggiunge il suolo e danneggia le coperture di piante e animali. I raggi UV eccessivi portano a scottature nell’uomo e, a lungo termine, al cancro della pelle.

Poiché la formazione e l’esaurimento dello strato di ozono è un processo dinamico che non è facile da misurare, i precedenti team di ricerca non hanno interpretato correttamente i loro dati, ha scritto l’autore dello studio Lu. Pertanto, molti scienziati sono sorpresi dall’attuale scoperta. Una chiara valutazione mostra che i livelli di ozono al centro del buco sono diminuiti di circa l’80 per cento e che il buco è presente tutto l’anno dalla metà degli anni ’80.

Altri ricercatori considerano incompleto lo studio del buco dell’ozono tropicale

“Non esiste un buco dell’ozono tropicale”, ha affermato Paul Young, uno scienziato dell’atmosfera presso la Lancaster University nel Regno Unito e autore senior del rapporto sull’ozono della World Weather Organization. È noto da molti anni che ci sono fluttuazioni nello strato di ozono nella stratosfera tropicale e che si tratta di processi intensificati dalle emissioni umane e dai cambiamenti climatici. “Il riferimento dell’autore al ‘buco dell’ozono tropicale’ è dovuto al fatto che sta esaminando i cambiamenti percentuali nell’ozono piuttosto che i cambiamenti assoluti, quest’ultimo più strettamente correlato alle radiazioni UV dannose”, ha affermato Young in una dichiarazione a Science Media UK. Inoltre, sembra che Qing-Bin Lu non abbia occupato una parte significativa della letteratura sull’evoluzione dell’ozono nei diversi strati dell’atmosfera.

Martin Chipperfield. Il Professore di Chimica dell’Atmosfera presso l’Università di Leeds nel Regno Unito è considerato il più rigoroso del lavoro. “Sono sorpreso che questo studio sia stato pubblicato in questo modo”, ha detto. Attraverso il lavoro precedente, la scienza ha acquisito una buona comprensione dell’esaurimento dell’ozono polare e del suo lento e mutevole processo di rigenerazione. “Questa nuova ricerca non mi convince del contrario.” Chipperfield era molto scettico sul fatto che un singolo lavoro avesse confermato cambiamenti così grandi nell’ozono ai tropici che non erano stati confermati altrove. “La scienza non dovrebbe mai basarsi su un solo studio e questo nuovo lavoro necessita di un’attenta revisione prima di poter essere accettato come un dato di fatto”.

READ  Cancro: segnali di pericolo - Se hai questi sintomi, consulta un medico

Il buco dell’ozono potrebbe avere un impatto sul cambiamento climatico.

D’altra parte, Lu crede che gli stessi meccanismi che hanno causato il buco dell’ozono antartico abbiano causato anche un buco tropicale. Di conseguenza, anche qui i CFC emessi hanno attaccato lo strato di ozono. Grazie al divieto dei CFC, la decomposizione è stata rallentata, ma continua. Ciò può essere causato anche da altri meccanismi, come i resti di grandi incendi boschivi nell’alta atmosfera. Tra l’altro, segnala questa possibilità Lavoro attuale dei ricercatori dell’Istituto Leibniz per la ricerca troposferica (TROPOS) a Lipsia. Di conseguenza, gli incendi possono lanciare molecole organiche nella stratosfera e innescare processi chimici per esaurire lo strato di ozono.