Gaza: Paul Runzheimer primo corrispondente tedesco nell’area di Hamas. Il suo rapporto | Politica

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

Beit Hanoun- È il recinto che ricorda il 7 ottobre. Di orrore. Ai terroristi. Dal massacro. La recinzione che i terroristi di Hamas sono riusciti a oltrepassare. A meno che nessuno pensasse che fosse possibile.

Era martedì pomeriggio, 7 novembre, esattamente un mese dopo, quando sono diventato il primo corrispondente tedesco dopo la guerra con l’esercito israeliano ad andare nella Striscia di Gaza e ad attraversare la recinzione di cui tutto il mondo parla.

L’inizio dell’orrore: la recinzione che i terroristi sono riusciti a superare. Per il corrispondente della Bild Paul Runzheimer la strada attraversa il territorio fino al territorio di Hamas

Foto: Paul Runzheimer

Mentre attraversavamo il confine a bordo del veicolo militare, pensavo a come la folla sarebbe arrivata dalla direzione opposta e avrebbe invaso i villaggi dei kibbutz.

Viaggio con i soldati israeliani, le loro armi sono pronte e qui può succedere di tutto in qualsiasi momento.

Il soldato israeliano ha detto: “Quando suoniamo l’allarme, fai semplicemente quello che diciamo e scendi a terra”.

Il corrispondente del quotidiano Bild Paul Runzheimer nella Striscia di Gaza martedì

Il corrispondente del quotidiano Bild Paul Runzheimer nella Striscia di Gaza martedì

Foto: Paul Runzheimer

I terroristi di Hamas attaccano una scuola

Qui c’è un paesaggio simile a dune, piccole colline, sole caldo. Dopo 15 minuti di auto dal confine raggiungiamo Beit Hanoun nella Striscia di Gaza.

Non è rimasta in piedi una sola casa, gli attacchi aerei hanno distrutto tutto. In lontananza si sentivano spari ed esplosioni.

Ci sono battaglie nelle vicinanze. I terroristi di Hamas attaccano da una scuola e pare stiano occupando anche un ospedale. La guerra si svolge principalmente nei tunnel e negli scantinati. “Ci sono città sotterranee ovunque”, afferma il comandante Edor Kiss. “Ci attaccano anche dalle moschee”.

Runzheimer in conversazione con il comandante Edor Kiss (a sinistra)

Il comandante Edor Kiss (a sinistra) in conversazione con Runzheimer

Foto: Paul Runzheimer

Si dice anche che le posizioni di Hamas fossero nell’ospedale

Il comandante dice che tutti i civili sono fuggiti prima, ma non possiamo verificarlo. “Non abbiamo visto nessun civile qui e non abbiamo trovato nessun corpo”, dice.

Considerata la devastazione, una cosa è chiara: se i civili fossero stati qui durante l’attacco, non sarebbero sopravvissuti.

Tra le macerie è evidente la tattica traditrice dei terroristi palestinesi: hanno piazzato un lanciarazzi accanto a una piscina, accanto a un condominio. Si dice anche che le posizioni di Hamas fossero nell’ospedale. Tra le macerie ci sono molti tunnel fatti saltare in aria dall’esercito israeliano.

“Abbiamo combattuto un migliaio di terroristi qui, e ora ce ne sono probabilmente qualche centinaio in più nei tunnel”, dice il comandante israeliano Edor Kiss.

Ampio sistema di tunnel di Hamas: si dice che qui si nascondano alcune centinaia di terroristi

Ampio sistema di tunnel di Hamas: si dice che qui si nascondano alcune centinaia di terroristi

Foto: Paul Runzheimer

“Ecco perché sto combattendo qui.”

Da Beit Hanoun proseguiamo verso Gaza City. Si dice che decine di migliaia di terroristi si siano nascosti lì. Lì minacciano i combattimenti più feroci. In serata, il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant (64 anni) ha annunciato che le sue forze si trovavano ora “nel centro di Gaza City”.

Finora, l’esercito israeliano ha cercato di impegnarsi il meno possibile nei combattimenti di terra per evitare perdite.

Soldati israeliani nella Striscia di Gaza: le armi sono sempre pronte.  Si aspettano da un momento all’altro un attacco da parte di terroristi nascosti ovunque

Soldati israeliani nella Striscia di Gaza: le armi sono sempre pronte. Si aspettano da un momento all’altro un attacco da parte di terroristi nascosti ovunque

Foto: Paul Runzheimer

Interrogato sul gran numero di vittime civili, il comandante Edor Kiss ha dichiarato: “Stiamo facendo del nostro meglio per evitare vittime civili. Annunciamo attacchi. Chiediamo alla gente di lasciare le aree”.

I soldati nella città palestinese di Beit Hanoun sanno cosa potrebbe succedere loro. Molti di loro hanno perso amici e parenti il ​​7 ottobre. Un soldato mi ha detto: “Ecco perché combatto qui”.

Per il comandante Kiss la questione è chiara: “È molto pericoloso stare qui perché si stanno barricando ovunque”.

I soldati israeliani a Beit Hanoun dicono:

I soldati israeliani a Beit Hanoun affermano: “Stiamo facendo del nostro meglio per evitare vittime civili”.

Foto: Paul Runzheimer

Il 7 ottobre rese determinati i soldati. Si sente sensibile quando parla loro dell’elevato numero di vittime civili. Il comandante dice: “Stiamo conducendo una guerra qui contro i terroristi che si nascondono ovunque. Ascolta cosa sta succedendo qui”.

In effetti, nelle vicinanze si sentivano enormi fiamme. I combattimenti continuano senza sosta per i soldati. Nessuno qui sa quanto durerà la guerra. Il comandante Kiss dice: “Continueremo finché Hamas non sarà eliminato”.

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:07Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

Ecco perché hanno le maniglie ai piedi

Molte bottiglie di birra o altre bottiglie hanno creste nascoste. È questo Braille?La prossima volta che acquisti...

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?bromflashI piccioncini ora vogliono fare i passi successivi nella...

Vaccinazione contro le zecche: un grande successo per gli open day

Sabato 20 luglio 2024 l'Azienda Medici dell'Alto Adige ha invitato i cittadini ad una vaccinazione gratuita contro l'encefalite...