Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo Draghi: quanto è pericolosa la Georgia Meloni per l’economia? – Affare

Se c’è una cosa di cui il coraggioso leader del partito è particolarmente orgoglioso, è la sua franchezza. “Oh sono Georgia”‘I Am Georgia’ è il titolo della sua autobiografia. Il fatto che non voglia che nessuno le porti via i suoi pensieri e la sua identità è rivelato in 336 pagine. Quando Self-Reflection è apparso nel maggio 2021, Georgia Meloney ha nuovamente espresso lealtà ai principi. Il politico post-fascista Mario Draghi ha rifiutato di approvare un piano di ricostruzione epocale che aiuterebbe l’economia italiana a rimettersi in piedi dopo la pandemia con 191 miliardi di euro di denaro dell’Ue.

Il 27 aprile 2021, il nuovo governo rumeno ha presentato ai parlamentari per l’approvazione un piano di riforme e investimenti creato frettolosamente. Due giorni dopo, il piano è stato presentato alla Commissione Europea nei tempi previsti. Giorgia Meloni parla in un dibattito decisivo: “Se votiamo per questa mozione, qualcuno può dire che siamo seri? Non ci credo”, dice il leader dell’opposizione, indicando il presidente del Consiglio Draghi, che è seduto. Sedia decorata oro. Meloni, 45 anni, vuole sedersi dopo le nuove elezioni del 25 settembre. Come la first lady d’Italia.

Il fondatore del partito di estrema destra, Fratelli d’Italia, è scontento degli aiuti di Bruxelles. L’Italia ha avuto la quota maggiore con 800 miliardi di euro, un quarto del totale. Meloni ha colto l’occasione per esprimere il suo sentimento anti-europeo: “La debole crescita dell’Italia non è colpa delle aziende italiane, ma colpa di una moneta comune mal gestita”, afferma. Ciò significa: l’euro sta danneggiando l’Italia. Non erano nemmeno 16 mesi fa. È stata la quinta volta che i fratelli italiani hanno votato contro la legislazione europea sui salvataggi. Questo è uno dei motivi principali per cui la grande opzione elettorale incontra profonda sfiducia da parte della Commissione Europea e della maggior parte delle capitali europee. La politica economica antieuropea di Maloney era più pericolosa dell’eredità fascista.

READ  Italia o Croazia - Quale paese vuole organizzare il gemellaggio tra città di Melrichstad?

Un video come tranquillante

Naturalmente, l’istruttore del fascismo sa che se vuole catturare in modo permanente il governo di una grande democrazia occidentale, deve presentarsi come il leader pratico e credibile di una destra conservatrice nel 2022. Si rende inoltre conto che senza il sostegno dell’Europa e dei mercati finanziari internazionali, l’economia italiana potrebbe crollare da un momento all’altro. Dopo le dimissioni di Draghi a luglio, Standard & Poor’s e Moody’s hanno emesso il loro avvertimento: le agenzie di rating hanno declassato l’outlook del merito di credito dell’Italia. Meloney iniziò il suo attacco silenzioso.

Con un video in tre lingue – inglese, francese e spagnolo – ha cercato di affrontare i timori stranieri sulla sua vittoria elettorale. “La destra italiana ha consegnato il fascismo alla storia e ha condannato la soppressione della democrazia e le vergognose leggi antisemite”, ha dichiarato. Quella fu la fine per lei. Meloni lascia passare il fascismo come quelli che hanno rotto con i loro partner tramite messaggio WhatsApp, prendendo in giro un giornale liberale. In Foglio.

L’attivista ha poi voluto attenersi al simbolo del partito Fratelli d’Italia da lui fondato nel 2012: la fiamma verde, bianca e rossa, che dal 1946 è il simbolo dei neofascisti in Italia. Meloni dice di essere “orgogliosa” dell’icona.

Memorie di Berlusconi

Come per l’ex ministro dell’Industria Carlo Calenda, questo problema si vede. Kalenda si contende le elezioni parlamentari con il Partito di Centro contro la destra. Non c’è pericolo di fascismo in Italia, ma pericolo di isolamento dell’Italia, dice l’ex manager Ferrari. “Per un Paese che vive delle esportazioni del Made in Italy e degli aiuti finanziari europei, sarebbe una tragedia”.

L’ex ministro Carlo Calenda ha stretto una nuova alleanza centrista con l’ex premier Renzi per le elezioni parlamentari in Italia.

(Foto: Cecilia Fabiano/dpa)

Le aziende italiane ricordano ancora i giorni del corrotto premier Silvio Berlusconi, quando era difficile mantenere l’immagine del marchio italiano sui mercati globali. Con Draghi al governo, la situazione si è ribaltata: gli export manager italiani non sono mai stati così entusiasti della reputazione del proprio Paese all’estero. Bene anche l’economia italiana in Germania. Nel 2021 è stato stabilito un record commerciale bilaterale di 142,5 miliardi di euro. L’export italiano è cresciuto del 18 per cento nei primi sei mesi dell’anno. Da notare in particolare: la ricerca di fornitori da parte dell’economia tedesca è aumentata in modo significativo poiché molte aziende ripensano alla loro strategia cinese e ristrutturano le catene di approvvigionamento. Il vostro Paese rischia ora di essere emarginato politicamente a causa delle accuse di fascismo? Per l’amor del cielo!

Per l’Italia si prospetta un inverno di pretese ingiuste, carenze e tensioni sociali. L’inflazione dell’otto per cento, una crisi energetica, la guerra in Ucraina e un debito nazionale del 150 per cento attendono il nuovo governo. La fulminea Meloni lo sa: ora gli elettori corrono a frotte contro i suoi due alleati maschi, il boss della Lega Matteo Salvini e il patriota di Forza Italia Berlusconi.

Italia: Silvio Berlusconi non ne ha ancora abbastanza della politica, ma a quanto pare gli elettori ne hanno abbastanza di lui.

Silvio Berlusconi non ne ha ancora abbastanza della politica, ma gli elettori sembrano averne abbastanza di lui.

(Foto: Imago)

Si presenta così: Berlusconi 85enne emozionato si rivolge al pubblico del suo canale televisivo Canale 5. Promette di alzare la pensione ad almeno 1.000 euro per tutti “comprese le nostre mamme”. Salvini, un populista di destra, è stato ispirato dal successo della pop band Padre e urla “soldi, soldi, soldi”. Sul debito vuole finanziare un’aliquota fissa del 15 per cento, un’amnistia per gli evasori fiscali e il pensionamento anticipato per tutti. A margine, Meloni mette in guardia entrambi in campagna elettorale a non fare più promesse di quante ne possano mantenere. Quindi si comporta come una sorella maggiore che deve tenere sotto controllo i suoi fratelli vivaci. Ha le carte in regola per essere una prima donna.

Non esiste un programma elettorale

Meloney ha imparato rapidamente. Tre mesi fa, al convegno dei Fratelli del Programma d’Italia a Milano, ha presentato lui stesso un elenco di misure la cui attuazione costerebbe almeno 80 miliardi di euro. Voleva anche tagliare le tasse e aumentare la pensione minima. Il progetto è stato ora frettolosamente declassato a brainstorming. “Anche i nazionalisti sanno che un paese con il nostro debito nazionale deve fare tutto il possibile per garantire che questo debito sia sempre portato sul mercato a tassi di interesse bassi”, afferma il cofondatore del partito e imprenditore Guido Croceto. Ad oggi i fratelli italiani non hanno presentato un progetto elettorale.

Meloni si trasforma brillantemente in uno stratega futuristico che spinge per il governo. Ma c’è un grande divario tra la loro affermazione e la realtà.

Il nazionalista ha già incassato il rifiuto del piano di ristrutturazione europeo. “Nessuno penserebbe di abbandonare gli investimenti che rappresentano il due per cento della produzione economica in un quinquennio”, assicura Crocetti. A causa di atti vandalici. Meloni intende migliorare il piano concordato da Draghi con il Bruxelles. “Entreremo in trattative con la Commissione europea per modificare il contratto in base alle mutate condizioni e requisiti”, afferma.

Il piano non era promettente. È vero che la guerra in Ucraina ha cambiato radicalmente la posizione di partenza. “Il restyling del progetto è un’idea pazzesca”, afferma Luciano Monti, esperto di Europa presso l’università privata rumena Luiz. Rottamare il progetto da 191 miliardi di euro, strettamente pianificato, significherebbe fermare l’intero processo. “È importante che l’Italia non salti da questo treno”, avverte.

Meloney ha dovuto fare ciò contro cui ha combattuto

All’opposizione, Meloni è stato l’unico avversario di Draghi per 17 mesi. Ogni giorno denunciava il governo dell’ex capo della Bce come schiavo dell’Europa e della finanza internazionale e nemico degli italiani. Se vuole succedere a Draghi ora, deve mantenere le promesse di riforma che ha combattuto per sostituirlo. Come l’apertura di mercati chiusi alla concorrenza o la privatizzazione della compagnia aerea rumena ITA. Il loro debole per l’economia statale, una certa autosufficienza e la protezione di vari interessi privati, ostacolano l’affrontare problemi giganteschi.

Ma: la brama di potere di Meloney non conosceva limiti. Sapendo che ai Fratelli italiani mancava una classe dirigente ministeriale, i postfascisti andarono alla ricerca di esperti indipendenti. In cima alla sua lista dei desideri di gabinetto c’è Fabio Panetta, membro del consiglio di amministrazione della BCE a Francoforte. In ogni cosa. Il banchiere centrale di esperienza internazionale è uno stretto alleato di Draghi, che ha combattuto così incessantemente. Vuole consegnare a Panetta il dipartimento più importante d’Italia, la tesoreria. Cinque settimane prima delle elezioni, il messaggio di Maloney è stato recapitato: Tragi è fuori, la sua politica intatta.

Questo pone la domanda: chi è la Georgia?