Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia in vista delle nuove elezioni: cosa succede a Roma?

  • A sei settimane dall’arrivo delle nuove elezioni in Italia, la politica di estrema destra Giorgia Meloni ha un chiaro vantaggio sui suoi rivali.
  • D’altra parte, il governo uscente del presidente del Consiglio Draghi affronta la frammentazione della sua legislatura.
  • Quali costellazioni sono ora possibili? Di cosa è preoccupata l’UE?

Altre notizie attuali possono essere trovate qui

A breve arriveranno a Palazzo Sigi, residenza ufficiale del Presidente del Consiglio dei Ministri, le prime scatole da trasloco. Le nuove elezioni si terranno il 25 settembre, la battaglia per la maggioranza è appena iniziata, con il popolarissimo Presidente del Consiglio Mario Draghi, estromesso dalla sua stessa coalizione, che ora esclude una ripetizione. Ma cosa c’è di sicuro in un luogo politicamente e climaticamente caldo? Roma.

sulle persone dentro Italia Ora ci aspettano settimane instabili nel bel mezzo delle festività natalizie, cosa che pochissimi avrebbero voluto. Nessun primo ministro nella recente storia italiana è stato così popolare come Draghi, che ha regnato tranquillamente nel suo governo multipartitico per 17 mesi. Fino a poco tempo, l’ex datore di lavoro Banca Centrale Europea Sebbene abbia avviato diverse riforme importanti e talvolta dolorose nella magistratura e nell’amministrazione, i valori di approvazione hanno raggiunto il 70 per cento.

“La ragione Le dimissioni di Draghi «Non differenze insormontabili, ma la volontà dei singoli dirigenti di partito di ingraziarsi davanti ai propri elettori», spiega Nino Galetti, responsabile della Fondazione Konrad Adenauer di Roma Gli italiani di oggi». Gli italiani vogliono un nuovo capo del governo: spesso è vecchio.

I partner della coalizione di Draghi non ridono, ora ne stanno pagando il prezzo

Eppure Draghi è diventato una vittima del suo stesso successo, non lasciando brillare i suoi piccoli partner di alleanza. Il Movimento Cinque Stelle in particolare è stato schiacciato da una decisa ricerca di compromesso, senza la quale era necessaria una tale costellazione di governo, che ha operato in un vero e proprio stallo. In due anni l’affluenza alle urne è scesa dal 33 al 10 per cento. Era in un voto di fiducia a metà luglioInsieme ai politici del partito Forza Italia di Berlusconi e della Lega Nord di destra, si è astenuto dal votare, gettando alla fine il governo italiano nello scompiglio.

READ  Dopo Draghi: quanto è pericolosa la Georgia Meloni per l'economia? - Affare

Fino all’elezione di un nuovo primo ministro, Mario Draghi continuerà a governare il suo Paese senza una maggioranza, un’impresa difficile poiché la carenza di energia, l’aumento dei tassi di interesse (l’Italia è particolarmente colpita) e il coronavirus non hanno preso d’assalto l’Italia. Conti di crisi del governo. Quanto sia paralizzato Draghi in questo momento è stato recentemente mostrato dall’esempio della compagnia aerea di stato IDA (ex Alitalia) che è stata messa in vendita. Per settimane, il gruppo olandese/francese AirFrance-KLM è stato da un lato un consorzio Lufthansa E il gigante cargo Maersk, d’altra parte, ha presentato offerte per la compagnia aerea da tempo defunta.

La vendita dovrebbe essere approvata dal governo italiano, il che è davvero un gioco da ragazzi, poiché i sindacati e la direzione aziendale stanno battendo all’unisono per l’affidamento dell’appalto al consorzio Lufthansa. Tuttavia, ad oggi, Draghi non ha firmato i documenti di vendita, motivo per cui l’interesse degli investitori sta diminuendo di minuto in minuto. Non sono sicuro se alla fine venderà. Ma una cosa è chiara: nessuno a Roma crede che l’ITA possa sopravvivere a lungo con il governo italiano che scende a sprofondare.

Nel peggiore dei casi, la vendita dell’IDA significa solo poche migliaia di posti di lavoro e Draghi, che è diventato un “anatra zoppa”, sta ora causando grattacapi ai funzionari di Bruxelles, tra le altre cose. Perché si teme che la crisi politica dell’Italia a livello Ue possa trasformarsi rapidamente in una crisi economica e diffondersi ad altri paesi dell’Eurozona. Il PIL italiano dovrebbe crescere solo dello 0,9% nel 2023, il che significa che l’Italia tornerà a diventare il paese economicamente più debole della zona euro. Senza un certo zelo per le riforme non ci può essere una maggioranza politica, quindi l’Italia può prepararsi economicamente a mesi difficili.

Una disputa tra le parti dell’alleanza avvantaggia solo l’opposizione

Non una lettera di appello all’elettorato per nessuno dei partiti coinvolti, non gioverebbe a nessun partito come l’unica opposizione al parlamento italiano: i Fratelli d’Italia, emersi dai movimenti neofascisti. Fondati da politici conservatori nazionali, non hanno mai partecipato al potere legislativo. Nonostante Fratelli abbia vinto solo il quattro per cento alle elezioni parlamentari del 2018, i “Fratelli d’Italia”, guidati da Giorgia Meloni, che vuole diventare la prima donna capo del governo, è ora davanti a tutti gli altri partiti, con il 21-24 per cento.

READ  Drake non ha avuto un incontro con Putin

“Le possibilità che Meloni venga eletto sono realistiche”, spiega Gunter Pallavar, politologo ed esperto di Italia. “A causa del sistema elettorale che prevede mandati di un terzo attraverso il sistema del voto di maggioranza, i partiti sono costretti a entrare in coalizioni elettorali. La coalizione elettorale Melonis, composta da Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia, è attualmente avanti del 46% rispetto a altre coalizioni elettorali Inoltre, questo Tutto il malcontento tra la gente del tempo è da attribuire a Fratelli.

Se lo misuri con le precedenti dichiarazioni di Meloni, se in futuro verrà eletto, ci sarà un vento stranamente forte che soffierà dal Mediterraneo – per favore dimmelo. I valori che il partito di Meloni rappresenta sono già espressi nel simbolo del partito, che nel simbolismo neofascista rappresenta la fiamma verde, bianca e rossa che sale dalla bara di Mussolini.

Meloni insiste ripetutamente sul fatto che nel suo partito non c’è posto per fascisti e razzisti. Ma i rapporti precedenti su immigrazione, Islam, politica familiare e questioni di genere parlano un linguaggio diverso. Tra i maggiori simpatizzanti di Fratelli ci sono i fanatici di Mussolini e gli ex teppisti fascisti. Durante le loro apparizioni in campagna elettorale si vede regolarmente il “saluto romano”, l’equivalente del saluto hitleriano nella Germania nazista.

Con Meloni al timone, l’Europa potrebbe adattarsi a “più Italia e meno Europa”, spiega Gunther Pallavar. “La vostra elezione rafforzerà un gruppo di partiti antieuropei ed euroscettici che vogliono fermare il processo di integrazione e rimettere al centro lo Stato sovrano”.

Avrà gravi conseguenze anche per la Germania: “La coalizione elettorale di Mellonis e la futura coalizione di governo include la Lega di estrema destra di Matteo Salvini”, ha detto Pallavar. “La sua adesione all’UE è tornata AfD. Con la vittoria elettorale della coalizione elettorale di Melonis, l’AfD sarà potenziato”. Pallavar sospetta che il partito possa diventare “il referente informale preferito dal primo ministro”.

Meloni è lontano dalla Russia, ma non dal suo potenziale partner di coalizione

Tuttavia, Fratelli non può essere paragonato a partiti di estrema destra come l’FPÖ in Austria o l’AfD in Germania. Per anni, Meloney ha mantenuto le distanze dalla Russia e ha propagandato i suoi legami transatlantici con i repubblicani di estrema destra. Anche durante la guerra in Ucraina, ha ripetutamente sottolineato la vicinanza di Kiev. Fratelli è più strettamente associato a partiti nazionalisti e ultraconservatori come lo spagnolo Vox o il polacco Pis.

READ  L'Italia minaccia un caldo weekend: si prevedono temperature fino a 40 gradi

Tuttavia, questo non vale per i loro partner di alleanza preferiti, in primis la Lega Nord. Il loro capo, Salvini, in passato ha cercato un riavvicinamento con la Russia. Secondo quanto riferito, l’ambasciata russa gli ha comprato un biglietto aereo per una “missione di pace” a Mosca a maggio, ed è andato a mangiare fuori con l’ambasciatore russo una settimana dopo l’invasione. Secondo i giornali italiani, la Russia avrebbe contribuito all’attuale crisi di governo attraverso Salvini.

Un rappresentante dell’ambasciata russa avrebbe incontrato alla fine di maggio uno dei consiglieri di Salvini e gli avrebbe chiesto direttamente se il partito di Salvini volesse ritirare i suoi ministri dalla coalizione di Draghi. In una tale coalizione, Meloni avrebbe davvero il potere di imporre o inasprire le sanzioni contro la Russia come Draghi?

Quale alla fine sceglierà l’Italia. Il politologo Galetti ritiene che il premier Meloni sarà presto superato dalla realtà del suo incarico: “In Italia i politici dell’opposizione amano attirare l’attenzione su se stessi con rivendicazioni radicali. Tuttavia, quando sono al governo, sono molto moderati”.

A proposito di esperti:

Dott. Nino Galetti, classe 1972, dirige la sede della Fondazione Konrad Adenauer a Roma dal 2020. Ha studiato scienze politiche, diritto europeo e studi romantici e nel 2009 è stato insignito del Premio per la scienza del Bundestag tedesco.

Dott. Legale e Dott. Phil Gunther Pallavar È professore di scienze politiche con specializzazione in media e comunicazione politica presso l’Istituto di scienze politiche e l’Istituto per i media, la società e la comunicazione dell’Università di Innsbruck. Dal 2021 Pallavar è ricercatore senior presso l’Istituto di ricerca federale comparata presso l’Accademia europea/Eurag Research, Bolzano.

Il presidente italiano Sergio Mattarella ha sciolto giovedì il parlamento. Con questo, ha aperto la strada alle elezioni in autunno.