Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crisi in Italia: al via il conto alla rovescia per il governo Draghi – Politica

Draghi resta o parte? E se se ne andasse? Queste domande sono nella mente degli italiani da quasi una settimana, e oggi, mercoledì, dovrebbe esserci una risposta, almeno all’inizio. Quindi, Mario Draghi, ex capo della Banca Centrale Europea e primo ministro italiano dal febbraio 2021, chiede un secondo voto di fiducia a breve per decidere se la sua coalizione di dieci partiti è ancora dietro di lui. Il suo intervento inizia alle 9:30 davanti al Senato, la seconda camera del Parlamento.

La crisi che circonda il 67° governo italiano del dopoguerra è cresciuta da quando il partito un tempo più grande ma ora scissionista della coalizione – il Movimento Cinque Stelle (M5S) – ha rifiutato di accettare un pacchetto di aiuti per le vittime della crisi italiana. Ma le opinioni su questo stimolo divergono. Il leader del partito M5S Giuseppe Conte, che era presidente del Consiglio prima di Draghi, e i suoi sostenitori accusano Draghi di aver intrufolato alcune cose nel disegno di legge senza consultazione, compresi progetti ambientali che le stelle hanno trovato difficile da digerire.

Cinque stelle dovrebbero essere prese sul serio

Tra l’altro, hanno ottenuto una vittoria schiacciante alle elezioni parlamentari quattro anni fa, opponendosi alla politica ambientale e ai progetti su larga scala che danneggiano l’ambiente. Inoltre, il M5S ha rilevato che Draghi aveva ufficialmente collegato il voto sulla proposta con il voto di fiducia, il che ha costretto il M5S a rispondere negativamente al voto di fiducia, anche se Draghi voleva rimanere al governo.

Buoni rapporti tra Roma e Bruxelles e nessun’altra garanzia di una corretta conclusione di questa tumultuosa legislatura. Tuttavia, quasi tutti i partiti temono elezioni anticipate. Le elezioni regolari non si terranno fino alla prossima primavera.

READ  La Bce sostiene l'Italia con miliardi dalla prima linea di difesa

Se sarà abbastanza per allora è discutibile. Draghi, che compie 75 anni a settembre, sembra averne abbastanza di governare a Roma, cosa forse più complicata che dirigere la banca centrale – prima di accettare un lavoro a Francoforte, Roman era a capo della banca del suo paese, la Banca d’Italia.

Marco Travaglio, il commentatore più severo d’Italia, ha già scherzato: Nessuno senza esperienza o volontà di mediazione dovrebbe essere nominato primo ministro di un’alleanza così complessa. Con l’eccezione dei “Fratelli d’Italia” di estrema destra di Giorgia Meloni, la coalizione di Draghi riunisce tutto ciò che è entrato in parlamento nel 2018.

Riluttanza ad accettare l’incarico, ma forse un altro: anche se le elezioni presidenziali incombevano a gennaio, Draghi ha mostrato l’ambizione di coronare la sua illustre carriera con la presidenza. E poiché i partiti temevano di perderlo da presidente del Consiglio, Sergio Mattarella, 80 anni, è stato rieletto.

È stato il doveroso Mattarella a costringere Draghi – che aveva “pieno accesso al canale”, ha dichiarato – a non arrendersi ancora e ad affrontare il parlamento questo mercoledì. I presidenti italiani hanno una notevole influenza se il governo viene rovesciato.

“Solo la caduta di Draghi è peggio di Draghi”

Tuttavia, la questione del “tragico sì o no” non è più decisiva. Il governo che dovrà affrontare dopo il voto di fiducia della scorsa settimana è più diviso che mai. Five Star ha perso un quarto dei suoi parlamentari dopo la partenza del suo co-fondatore, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, e rischia di ridursi ulteriormente. Molti non hanno voluto assecondare la linea dura del leader del partito Conde, a cominciare dal capogruppo parlamentare David Krippa: “Se Draghi ci venisse incontro, sarebbe ingiusto ritirare la nostra fiducia”. A destra, invece, l’anziano “Forza Italia” di Silvio Berlusconi e la Lega di Matteo Salvini decidono intanto di continuare a regnare con le stelle.

READ  Ericsson non può più giocare in Italia

Il governo quasi di tutti i partiti di “Unità Nazionale” è diventato una massa completamente disgiunta unita solo dal timore di elezioni imminenti. Salvini, un tempo oratore popolare e ministro degli interni, è stato spogliato anche del primo gabinetto di Conte, e si teme che i suoi clienti si rivolgano alla più radicale Giorgia Meloni, capo dei “Fratellli d’Italia”. “Fratelli” era l’unica fazione di opposizione. Meloni è diventata la prima donna capo del governo italiana dopo le elezioni.

È per questo Lo ha affermato il filosofo Paolo Flores de Arcais, da sempre critico nei confronti del governo Martedì, attualmente “Peggio del governo Draghi: la caduta del governo Draghi”. Forzerebbe elezioni come quella attuale “sotto una legge elettorale indecente che impone alleanze innaturali” e donerebbe il Paese a una destra unita che odia la costituzione antifascista italiana del dopoguerra.