Ottobre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come il latte può peggiorare la sclerosi multipla

Sulla scia di un collegamento importante: uno studio mostra perché il consumo di latticini può peggiorare i sintomi della sclerosi multipla (SM). Nelle malattie neurodegenerative autoimmuni, la “confusione” può svolgere un ruolo: reazioni eccessivamente aggressive alle proteine ​​del latte sono dirette anche contro un componente dello “strato isolante” attorno ai neuroni. I ricercatori hanno mostrato questa associazione in un modello animale, ma hanno anche trovato prove di un meccanismo simile negli esseri umani. Pertanto, alcuni gruppi di pazienti con SM dovrebbero evitare i latticini.

Secondo le stime, solo in Germania sono più di 200.000 le persone: la SM è una delle malattie neurologiche più comuni tra i giovani. Si manifesta sotto forma di sensazioni anormali, problemi di vista e disturbi del movimento e, in casi estremi, può verificarsi una paralisi pronunciata. Tuttavia, ci sono forme e caratteristiche molto diverse delle malattie autoimmuni. I sintomi si verificano perché il sistema di difesa del corpo attacca la sostanza simile al grasso che isola elettricamente le fibre nervose nel sistema nervoso centrale. Il danneggiamento di questa cosiddetta guaina mielinica può portare a cortocircuiti e impedire la trasmissione dello stimolo.

Le cause dell’emergere della SM e i fattori per lo sviluppo della malattia sono complessi e difficili da comprendere fino ad ora. Tuttavia, sembra chiaro che una combinazione di predisposizioni genetiche, fattori ambientali e comportamento sia alla base della SM. Anche la dieta gioca un ruolo importante. Il consumo di latticini è sempre stato considerato importante. Questo ha anche costituito la base dello studio condotto dai ricercatori guidati da Stephanie Courten dell’ospedale universitario di Bonn: “Sentiamo costantemente dalle persone colpite che si sentono aggravate se mangiano latte, quark o yogurt. Ecco perché abbiamo deciso di indagare sulla causa del questa connessione”, afferma l’esperto di malattie della SM.

READ  Il diabete di tipo 1 può colpire anche gli adulti

Sulla strada per contattare

Per chiarire quali componenti del latte potrebbero essere responsabili dell’effetto, Kürten e i suoi colleghi hanno condotto esperimenti con modelli animali. Come spiegano, le proteine ​​erano i principali potenziali catalizzatori. Quindi gli scienziati hanno iniettato nei topi diverse proteine ​​del latte vaccino insieme ad alcuni booster. Quindi hanno esaminato i sintomi degli animali che potrebbero essere associati alla SM.

Come hanno riferito gli scienziati, hanno scoperto l’oro con un’importante proteina del latte: la caseina. Quando hanno somministrato agli animali questo ingrediente insieme a un potenziatore, alcuni hanno mostrato segni di disturbi nervosi. Quindi esami al microscopio elettronico del tessuto nervoso hanno rivelato: in questi animali, lo strato mielinico attorno alle fibre nervose nel sistema nervoso centrale mostrava segni di danno: come nei pazienti con SM, la guaina isolante era perforata, apparentemente a causa dell’ingestione di caseina. “Sospettavamo che la causa fosse una reazione immunitaria sbagliata, simile a quella che si verifica nei pazienti con sclerosi multipla”, afferma l’autore principale Rittika Chunder. Secondo lei, questo ha suscitato un sospetto tangibile: potrebbe esserci un’interazione reciproca. “Le stesse difese del corpo attaccano effettivamente la caseina, ma distruggono anche le proteine ​​coinvolte nella formazione della mielina”, afferma Chonder.

Come spiegano i ricercatori, la reattività crociata può verificarsi quando due molecole sono molto simili, almeno in alcune parti. Quindi il sistema immunitario li confonde tra loro, per così dire. Quindi il team ha indagato sulla possibile causa in questo caso. “Abbiamo confrontato la caseina con diverse molecole importanti per la produzione di mielina”, spiega Chonder. “Durante questa operazione, ci siamo imbattuti in una proteina chiamata MAG. Sembra molto simile alla caseina in alcune aree, tanto che gli anticorpi contro la caseina negli animali di prova erano attivi anche contro il MAG”, afferma il ricercatore. In questo modo, sembra che la mielina sia stata destabilizzata negli animali trattati.

READ  Uno spettacolo raro da vedere in Germania

Significato medico

Ma fino a che punto i risultati possono essere estrapolati nei topi agli esseri umani con SM? Per ottenere informazioni al riguardo, gli scienziati hanno aggiunto anticorpi alla caseina dai topi a campioni di tessuto cerebrale umano in esperimenti di laboratorio. Ciò conferma che si accumulano lì nelle cellule responsabili della produzione di mielina nel cervello. Inoltre, un’altra scoperta ha fornito prove: secondo i risultati dello studio, i linfociti B responsabili della produzione di anticorpi nel sangue di alcuni pazienti con sclerosi multipla spesso rispondono fortemente alla caseina. Ora è chiaro che i malati potrebbero aver sviluppato un’allergia alla caseina a un certo punto attraverso il consumo di latte. Pertanto, non appena mangi latticini, il tuo sistema immunitario crea anticorpi contro questa proteina. Questi danneggiano anche lo strato mielinico attorno alle fibre nervose a causa della reattività crociata con MAG.

Gli scienziati confermano che il latte non ha un ruolo nella SM in generale, ma i risultati mostrano che ha un ruolo nelle persone con SM che hanno una reazione alla caseina. Apparentemente, questo non è sempre chiaramente riconoscibile per le persone colpite. “Attualmente stiamo sviluppando un autotest che le persone possono utilizzare per verificare se hanno gli anticorpi appropriati”, afferma Kürten. “Almeno questo sottogruppo dovrebbe astenersi da latte, yogurt o quark”.

Tuttavia, come hanno concluso gli scienziati, il meccanismo stabilito suggerisce anche che il consumo di latte può essere associato a un aumentato rischio di sviluppare la SM. Perché una volta che appare una risposta immunitaria alla caseina, teoricamente può verificarsi una reazione crociata con la mielina. I ricercatori sottolineano che ciò non significa, tuttavia, che un’ipersensibilità alla caseina porti inevitabilmente alla sclerosi multipla. È probabile che ci siano altri fattori di rischio. Tuttavia, la connessione statistica ti fa sedere e prestare attenzione, dice Curtin: “Secondo gli studi, i numeri di SM stanno aumentando nelle popolazioni in cui viene consumato molto latte vaccino”.

READ  5 alimenti che contengono colesterolo HDL (lipoproteine ​​ad alta densità).

Fonte: Rheinische Friedrich-Wilhelms-Universität Bonn, articolo specializzato: PNAS, doi: 10.1073/pnas.2117034119