Ci sarà presto una vaccinazione contro il cancro? – DW – 7 novembre 2023

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

La tecnologia dell’mRNA ha rivoluzionato la medicina in pochi anni. In Pandemia di corona Grazie a questa tecnologia, in pochi mesi è possibile sviluppare vaccini altamente efficaci contro la malattia Patogeno SARS-CoV2 È sviluppato.

Anche se è un virus Mutazioni più aggressive Vaccini avanzati e personalizzati possono ancora una volta essere sviluppati in breve tempo grazie alla tecnologia dell’mRNA. Ma quest’ultimo comunque Tecnologia vincitrice del Premio Nobel in medicina Può fare molto di più.

Arriveranno presto i vaccini contro il cancro?

IL mRNAAnche la tecnologia lo ha fatto Ricerca sul cancro Ha dato impulsi completamente nuovi. L’amministratore delegato (CEO) dell’azienda biotecnologica Curevac, Alexander Zehnder, vuole immettere sul mercato un vaccino contro il cancro basato sull’mRNA al massimo entro cinque anni.

Quando Un vaccino contro alcuni tipi di cancro Deve essere sviluppato affinché il sogno umano possa essere realizzato. “La ricerca sui vaccini contro il cancro va avanti da 20 anni”, spiega Zehnder, “ma i progressi attuali sono enormi”. “Abbiamo acquisito molta esperienza durante la pandemia e ora l’intelligenza artificiale è così potente che risolve molti problemi durante la programmazione dell’mRNA”, spiega il direttore della Coravac in un’intervista al quotidiano “Bild am Sonntag”.

Tecnologia dell’RNA

Questo browser non supporta il componente video.

I vaccini contro il cancro stimolano il sistema immunitario in modo che il sistema di difesa dell’organismo combatta specificamente le cellule tumorali. “La cosa mortale del cancro è che continua a crescere. Una vaccinazione contro il cancro dovrebbe fermare la crescita, anche se il cancro si è già diffuso. Allora il cancro diventa una malattia cronica con cui puoi convivere per decenni. Il cancro non è la morte.” La pena sarà maggiore”, prevede Zehnder.

Corsa allo sviluppo del vaccino

Oltre a Curevac, anche altre aziende sono alla ricerca attiva di un vaccino contro il cancro. All’inizio di ottobre 2023, la società di biotecnologia BioNTech ha pubblicato Risultati provvisori molto promettenti Sperimentazione clinica in corso. In questo studio clinico, l’efficacia del vaccino contro il cancro BioNTech mRNA CARVac è già in fase di test nei soggetti del test.

Sahin, amministratore delegato di BioNTech, ha annunciato con lo stesso ottimismo che, a suo avviso, nei prossimi anni ci saranno vaccini contro il cancro. “Crediamo che ciò sarà possibile su larga scala per i pazienti prima del 2030”, ha detto Ugur Sahin in un’intervista allo “Spiegel”.

Nel lungo termine, i vaccini antitumorali mirano a sostituire i tradizionali trattamenti antitumorali. Sarebbe anche un’incredibile benedizione, perché i precedenti trattamenti radioterapici o chemioterapici sono spesso molto stressanti per i malati di cancro.

“La chemioterapia o la radioterapia combattono non solo il tumore, ma anche i tessuti sani. Ecco perché ci sono così tanti effetti collaterali”, dice Zehnder. “Il vantaggio dell’uso dell’mRNA è che il sistema immunitario stesso viene stimolato e combatte specificamente solo il cancro e nient’altro.”

A lungo termine, le vaccinazioni sono destinate a sostituire i tradizionali trattamenti contro il cancro come le radiazioni stressanti o la chemioterapia. Foto: Alleanza fotografica/DPA/W. Grubitsch

Come funzionano i vaccini contro il cancro?

Le cellule T aiutano il corpo a combattere le infezioni distruggendo le cellule malate o stimolando altre cellule immunitarie ad attaccare. Tuttavia, le cellule T possono Cellule cancerogene È difficile da riconoscere. Tuttavia, le cellule T CAR possono farlo.

La terapia con cellule CAR T è stata approvata in Europa dal 2018 e finora è stata utilizzata principalmente per trattare la leucemia, cioè il cancro del sangue. Questa forma altamente efficace di immunoterapia rimane in gran parte inaccessibile. Secondo il Centro tedesco per la ricerca sul cancro, i produttori chiedono fino a 320.000 euro per produrre le cellule immunitarie di un paziente.

In questa immunoterapia antitumorale, le cosiddette cellule T vengono filtrate dai leucociti, cioè dai globuli bianchi del paziente. Le cellule T vengono quindi modificate geneticamente in modo da formare recettori dell’antigene chimerico (CAR) sulla superficie. Ciò crea un futuro le cui diverse componenti non si incastrano tra loro.

I vaccini rendono visibili le cellule tumorali

Se le cellule CAR-T prodotte in questo modo vengono reiniettate in un paziente, si agganciano specificamente alla cellula tumorale. Il sistema immunitario si attiva e attacca le cellule tumorali. I futuri vaccini potrebbero supportare questo processo se le cellule T CAR non riescono a trovare la cellula tumorale o sono troppo deboli per combatterla efficacemente.

In questo aiuta la proteina claudina-6, che si trova quasi esclusivamente nel cancro. Utilizzando la tecnologia mRNA, l’informazione genetica di Claudin-6 viene introdotta nella cellula tumorale. Questo crea un antigene che si aggancia alla superficie della cellula tumorale. Ciò rende più facile per le cellule CAR-T riconoscere e combattere le cellule tumorali.

Finora, le cellule T modificate combattono solo i tumori del sangue. Tuttavia, i rapidi progressi nella tecnologia dell’mRNA fanno sperare che oltre alla leucemia, in futuro saranno disponibili trattamenti efficaci e più delicati anche per altri. Tipi di cancro è diventato possibile. Gli approcci promettenti includono vaccini contro il cancro della pelle (melanoma), il cancro ai polmoni, il cancro al seno e il cancro al pancreas.

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...