Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

BERLINO: Il testimone non può testimoniare nel processo Bushido – questa è una questione molto regionale

“Testimone numero tre” vuole testimoniare, ma non gli è permesso. Il rapper Shendi dovrebbe testimoniare ma non si fa vivo…

Berlino – Il 63° giorno del processo ad Arafat Abu Shaker (46 anni) e ai suoi fratelli. Nel 2017, si dice che il leader del clan avesse chiesto ad Anis “Bushido” Ferchichi, 43 anni, milioni di dollari di porre fine alla loro relazione d’affari. Si tratta di cercare di estorcere un grave predatore, gravi lesioni personali, privazione della libertà, umiliazione. Si dice che siano successe molte cose il 18 gennaio 2018 a Puderstrasse (Treptow).

9:43: Bushido Ha già lasciato la corte con il suo seguito di guardie del corpo. L’avvocato Stephen Tzshop riempie la posizione per suo conto. Il rapper è un attore congiunto. Arafat Abu Shaker è diventato più vecchio di un anno la scorsa settimana. Sembra di cattivo umore.

rapper chendi (33), il cui vero nome è Michael Schindler, sta testimoniando come testimone. Ma non c’è. Il giudice Martin Morsek, 40 anni, afferma che l’avvocato del rapper ha la febbre e il test corona è positivo. E lo stesso Shendi? Il suo avvocato dice che ha anche mal di gola.

Shinde è rimasto lontano dal processo perché era malato

Foto: Sacha Baumann / all4foto.de

Vissel K. (40) Manca anche. È considerato negli inferi come un “uomo rude”. Era solito manifestare con il capo del clan Arafat e affermava persino di essere stato in prigione per lui per anni. Più tardi si arrabbiò con Bushido. La sua fedina penale è lunga ma senza omicidio o omicidio colposo.

Quando si diceva che lo scontro tra Arafat e Bushido fosse avvenuto il 18 gennaio 2018, si diceva che anche lui fosse lì. Secondo l’accusa, la bottiglia e la sedia sarebbero state lanciate contro Bushido.

Come “testimone numero tre” dell’accusa. Ma è stato deportato in Turchia in mezzo al nulla e non gli è stato permesso di tornare per tre anni. L’11 marzo 2022 il Tribunale amministrativo ha rifiutato di concedergli un “permesso di ingresso” per testimoniare. Motivo: “un grave pericolo pubblico”. Secondo il giudice, tutto è stato processato senza successo con le autorità per l’immigrazione e la supervisione specializzata. “Avevo un numero di telefono lì…” – significa il numero interno del Senato.

10:06: Operazione terminata dopo soli 23 minuti.

Il processo proseguirà mercoledì. Il verdetto è atteso per il 29 giugno.

READ  Chi vuole essere milionario?: Gerlinger, Chief Legal Officer del Bayern Monaco, salva il candidato di Gauch! - Bundesliga