Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'ingerenza pubblica provoca uno scandalo

L'ingerenza pubblica provoca uno scandalo
  1. tz
  2. televisione

Insiste

La risposta alla domanda da 64.000 euro suscita entusiasmo su “Chi vuol essere milionario?” Günter Jauch e il regista devono intervenire.

Aggiornamento dal 15 aprile alle 20:30: “Quanto distano le due località con il codice postale più basso e quello più alto in Germania?” Questa domanda da 64.000 euro ha fatto grattare la testa alla candidata Corinna Ahrens di Payne (Bassa Sassonia). Le opzioni di risposta fornite al partecipante sono “A: solo circa 220 km”, “B: circa 480 km”, “C: circa 750 km” e “D: molto più di 900 km”. Lei non conosce la risposta. Ecco perché l'ultimo giullare rimasto deve aiutare la donna della Bassa Sassonia.

Tuttavia, neanche il clown del telefono può aiutarla. C'è solo un miglio e Corinna Ahrens vuole registrarsi dopo la telefonata. All'improvviso ci fu un chiaro “no” dietro la domanda: “Chi vuole essere milionario?” Persa nei suoi pensieri, la donna della Bassa Sassonia ripete “no”, si appoggia allo schienale e dice: “Oh, non lo so”.

Corinna Ahrens ci ripensa, ma il direttore dello spettacolo, Günter Jauch, interrompe il partecipante dicendo: “Ora abbiamo il film classico, ecco perché intervengo. Il pubblico ha gridato questa frase”. Il candidato della WWM è assolutamente furioso e afferma: “Da dove? Non l'ho nemmeno sentito”. Ma Günter Jauch resta fermo: “Sì, sì, sì”. E dietro di loro, ad alta voce: “No”.

L'intervento alla domanda da 64.000 euro suscita entusiasmo su “Chi vuol essere milionario”. Günter Jauch e il regista devono intervenire. (Montaggio fotografico) © RTL “Chi vuol essere milionario?” (Episodio del 15 aprile 2024)

Poi Günter Jauch ricomincia da capo e spiega che d'ora in poi ci sono due opzioni. O si registra tutto oppure si scambia la domanda, cosa che avverrà dopo, ha confermato un portavoce del dipartimento. Il 67enne però non ha rinunciato al suo senso dell'umorismo e ha risposto: “Sì, qualcuno dovrebbe inventarselo (cioè una nuova domanda, ndr) adesso”. 'VUOLE ESSERE MILIONARIO' RACCOGLIE I PREMI Il moderatore suscita molte risate da parte del pubblico “Quindi ora c'è davvero molta richiesta, altrimenti la domanda verrà ritirata”, scherza il direttore dello spettacolo “Abbiamo sempre un intero sostituto pubblico lì.”

Corinna Ahrens chiede se troveranno la risposta giusta, ma Günter Jauch risponde senza mezzi termini: “No”, ovviamente, è solo uno scherzo, e anche il direttore dello spettacolo ride. Quindi il candidato WWM inizia a continuare a indovinare. Alla fine il problema è stato risolto: la risposta scelta (A) era corretta. Poi si prosegue con una nuova domanda e una donna della Bassa Sassonia viene interrogata nuovamente dal jolly del telefono che ha appena utilizzato.

Infrangere le regole in “Chi Vuol Essere Milionario?”: l'intervento del pubblico suscita scalpore

Primo resoconto del 15 aprile alle 15:30: Colonia – Infrangere le regole di “Chi vuol essere milionario?”: nella puntata di lunedì sera (15 aprile) che andrà in onda su RTL dalle 20:15, i disturbatori del pubblico fanno scalpore. La candidata Corinna Arens, già vista nella scorsa edizione, sta per registrare una risposta alla domanda da 64.000 euro. “Facciamolo, prendiamolo”, dice, quando all'improvviso il pubblico sente un chiaro “no”.

Günter Jauch sente le proteste del pubblico durante “Chi vuol essere milionario?”

Ciò non passa inosservato. “È stata convocata dal pubblico”, ha detto il moderatore della sessione Gunther Jauch (67 anni). “Non l'ho nemmeno sentito”, conferma il candidato. Allora il maestro del test risponde: “Sì, sì, sì”. Dietro di te, a voce molto alta: “No”. da destra a sinistra Parla di un incidente senza precedenti che avrà conseguenze. I telespettatori non sapranno cosa sono fino a lunedì sera.

In un'intervista con da destra a sinistra “C'è una paura fondamentale alla domanda: 'Chi vuole essere milionario?'” “Per quasi un quarto di secolo c'è stata una sorta di imbroglio”, spiega Günter Jauch, 67 anni è stato probabilmente il più grande scandalo mai registrato dalla WWM quando è apparsa nella versione britannica del quiz show nel 2001. Risposte corrette tossendo due persone in studio Era stato previsto. Il candidato Charles Ingram ha scommesso il milione in questo modo, ma la frode è stata poi scoperta ed è stato privato della sua vincita.

“Staremo attenti”: regole ferree per “Chi Vuol Essere Milionario?”

Non c'è mai stato uno scandalo simile in Germania durante la serie “Chi vuol essere milionario?” Per evitare frodi in futuro, l'emittente privata di Colonia adotta rigorose precauzioni. “Ad esempio, controlliamo preventivamente i candidati per vedere se nelle loro orecchie è nascosto un piccolo trasmettitore che potrebbe fornire aiuto dall'esterno. Quindi prestiamo attenzione”, sottolinea Yauch.

C'è stata una violazione delle regole
C'è stata una violazione delle regole in “Chi Vuol Essere Milionario?” Il supervisore Gunther Jauch se ne accorse immediatamente. © RTL/Guido Ingels

Anche durante la registrazione del programma si fa attenzione a non fare annunci. Il presentatore televisivo ha detto: “L'annuncio non deve essere così diretto da far gridare 'B'. Può anche essere un rumore o una reazione del pubblico, ad esempio alcuni membri del pubblico scuotono la testa o 'applausi anticipati quando qualcuno esprime'. un'idea”. “Cosa?” “Ora ho sviluppato un orecchio attento per vedere se succede qualcosa tra la folla.”

La soluzione a ciò che accade dopo aver infranto le regole può essere vista nell'ultimo episodio del programma “Chi Vuol Essere Milionario?” Su RTL il lunedì dalle 20:15. Günter Jauch, recentemente fischiato dal pubblico della WWM, spiega nell’intervista come reagirebbe di solito l’annunciatore in caso di violazioni simili: “Allora dobbiamo annullare immediatamente la domanda, se la persona che accompagna ne è responsabile”. Un tale incidente, ci sarebbe la minaccia di conseguenze più gravi. “Allora dovremo squalificare il candidato”. (corona) Fonti utilizzate: rtl.de