Novembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Attacco mortale alle rocce indigene nigeriane Italia

wPerché Alika O doveva morire? Il 39enne nigeriano, arrivato in Italia dieci anni fa, è stato picchiato a morte venerdì pomeriggio in una trafficata strada commerciale di Civitanova Marche, località balneare sulla costa adriatica nelle Marche, nell’Italia centrale.

Mattia Rab

Corrispondente politico per Italia, Vaticano, Albania e Malta a Roma.

Aliko O. Lascia anche lui Nigeria Moglie Charity Oh e figlio di otto anni. Della famiglia fa parte anche una nipote di dieci anni, trasferitasi quattro anni fa in un paese vicino a Maserata nell’entroterra marchigiano.

Alcuni hanno filmato l’azione

Diversi testimoni oculari hanno seguito l’azione, alcuni hanno filmato l’evento sui loro smartphone invece di intervenire. Il presunto autore, l’italiano Franco F., 32 anni, è stato arrestato pochi minuti dopo il delitto e da allora è in custodia. Il corpo della vittima è stato portato in clinica. Un’autopsia determinerà se la morte è stata dovuta a trauma da corpo contundente, soffocamento o altre cause. Per svelare il crimine, gli investigatori stanno valutando sia i tabulati dei cellulari che le immagini catturate dalle telecamere di sorveglianza.

Secondo i media, l’incidente mortale è durato circa quattro minuti. Successivamente, l’imputato ha prima colpito la vittima con la sua stampella, su cui Alika O aveva fatto affidamento per circa un anno dopo un incidente in bicicletta. Franco F. Poi si è chinato sulla vittima stesa a terra, ha chiamato i soccorsi e ha colpito Alika O. con i pugni. Infine Franco F. Liberando la vittima senza vita, ha sollevato il suo cellulare che giaceva a terra. Quando fu arrestato Franco F.

In una conferenza stampa, un portavoce della polizia ha sostanzialmente confermato quanto riportato dai media: “L’aggressore ha prima aggredito la vittima con una stampella. Dopo che la vittima è caduta a terra, l’aggressore ha completato l’atto colpendolo ripetutamente a mani nude”. Testimoni hanno allertato la polizia che il sospetto è fuggito.

READ  Cambiamento demografico: la popolazione italiana continua a diminuire

Discussione sul possibile background razziale

Questa azione ha causato grande shock e dibattito sul possibile sfondo razzista in Italia. Secondo la polizia, non vi era alcun movente razzista contro l’imputato Franco F. Durante il processo, Alika O. Secondo quanto riferito, il sospetto ha detto che lui e la sua amica di 45 anni, Elena D., hanno implorato urgentemente. Secondo Elena D., durante il processo non ha saputo nulla del delitto, perché Franco F. All’improvviso hanno lasciato un negozio in cui sono andati insieme e sono tornati pochi minuti dopo coperti di sangue.

Franco F. Ha detto apertamente al suo difensore d’ufficio di soffrire di disturbo bipolare e borderline. A Salerno, città natale dell’imputato, Franco F. Si dice che abbia attirato l’attenzione più volte a causa di “episodi di aggressività” e si dice che un rapporto psichiatrico abbia determinato la sua malattia.

Molti resoconti e commenti dei media definiscono inequivocabile il background razzista dell’incidente e un “brutale omicidio”, mentre altri hanno condannato la strumentalizzazione dell’atto di uno psicopatico per scopi politici, soprattutto durante le campagne elettorali. Enrico Letta, leader dei socialdemocratici, ha parlato di un “omicidio scioccante di estrema crudeltà” per il quale “non ci può essere giustificazione”. Matteo Salvini, capogruppo della Lega Nazionale di destra, ha detto: “La sicurezza non ha colore della pelle, deve tornare ad essere un diritto di tutti”.

Dopo che centinaia di persone hanno manifestato contro l’omicidio, il sindaco di Civitanova Marche Fabrizio Chiarabiga, la fondazione vedova O. e sabato ha incontrato altri membri della comunità nigeriana. “Condanno non solo il reato, ma anche la negligenza”, ha detto Chiarabiga della Democrazia Cristiana Forza Italia.

Dopotutto, c’è stata una diffusa indignazione per il fatto che gli astanti abbiano seguito l’incidente per diversi minuti e lo abbiano filmato invece di affrettarsi ad aiutare la vittima. Il quotidiano “Corriere della Sera” ha citato domenica la vedova Foundation O che ha detto: “C’era molta gente nel posto in quel momento. Perché nessuno è intervenuto? Perché nessuno lo ha aiutato? Forse la mia Alica era vivo ora, con me.