Novembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ambiente e assicurazioni – Il cambiamento climatico fa esplodere i costi dei disastri naturali – Notizie

Contenuti

A livello globale, i disastri naturali sono già costati 35 miliardi di dollari nella prima metà del 2022. È ancora possibile proteggerli?

Le inondazioni nell’emisfero australe hanno portato a un brutto record: le ultime inondazioni nella sola Australia hanno causato danni assicurati per 3,5 miliardi di dollari. Tra i tanti disastri, queste inondazioni sono state l’evento più costoso per il settore assicurativo globale nella prima metà dell’anno. Nel complesso, disastri come questi, dalle tempeste invernali all’inizio dell’anno agli incendi in estate, sono costati finora 35 miliardi di dollari.

La riassicurazione Swiss Re avverte nel suo rapporto intermedio: Nuovi record di calore in Europa e altrove potrebbero aumentare il danno. Il cambiamento climatico contribuisce in modo significativo a questo, afferma Tamara Soica, esperta di Swiss Re. “Sicuramente i sinistri assicurati aumentano ogni anno in tutto il mondo. Il cambiamento climatico è un driver di questa crescita. Ma è solo un trambusto tra tanti: ad esempio, l’urbanizzazione e la concentrazione dei valori nelle aree a rischio sono altri driver che stanno aumentando notevolmente”.

Il danno è maggiore nelle aree densamente popolate

Ciò significa che se alcune coste e sponde dei fiumi sono densamente popolate, sono particolarmente costose una volta che appare la marea.

In risposta all’aumento dei rischi, le compagnie di assicurazione tendono ad aumentare le tariffe. “È diventato importante monitorare l’impatto dei cambiamenti climatici e di altri fattori di rischio, anche in relazione agli adeguamenti dei prezzi”, afferma Tamara Soica, Head of Natural Disasters Europe, Middle East and Africa di Swiss Re.

Abbiamo una chiara visione del fatto che i disastri naturali sono ancora assicurabili in futuro.

i premi aumenteranno; Fino a quando non ci saranno abbastanza soldi per mitigare le conseguenze finanziarie di costosi disastri. Swiss Re stima che i premi delle assicurazioni immobiliari globali quasi triplicheranno nei prossimi due decenni.

READ  Dati Corona per la regione di Heidenheim: incidenza e numero di nuovi contagi, venerdì 25 febbraio 2022

Ma l’industria vuole evitare di rendere l’assicurazione troppo costosa. A questo punto, Tamara Suica di Swiss Re si fida. “Abbiamo una chiara visione che i disastri naturali rimarranno assicurabili in futuro”.

Come si possono proteggere i rischi climatici?

L’esperto del settore Patrick Schmoky della società di consulenza KPMG ha sottolineato in un’intervista a SRF: Il potenziale dell’assicurazione contro le catastrofi è una questione importante. Dati i crescenti danni, questa è diventata una sfida: “La domanda è se il rischio climatico continuerà ad essere assicurato nella stessa misura. Diventa anche una questione di costi. Può essere già il caso in presenza di zone dove i costi dell’assicurato stanno diventando troppo alti e la copertura assicurativa è in calo”.

È già possibile che ci siano aree in cui i costi degli assicurati stanno diventando troppo alti e la copertura assicurativa è in calo.

Esiste il rischio che si apra un divario tra i rischi dell’assicurato e del non assicurato. “Non è necessariamente un rischio finanziario per le compagnie di assicurazione. Quindi non corrono più quel rischio, dice Schmucky. Allora il problema non sarebbe il settore assicurativo. Il problema sarebbero principalmente le persone che rimarrebbero senza copertura finanziaria”.

Per prevenire ciò, dovrebbero essere investiti di più nella prevenzione, concordano gli esperti. Ad esempio, costruendo dighe contro le inondazioni. Alla fine, tutti devono fare qualcosa per proteggere il clima. In modo che la Terra non si alzi più di 1,5 gradi, come richiesto dall’accordo sul clima di Parigi, afferma Tamara Soica di Swiss Re.