Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

WW2: Il corpo non identificato aiuta l’invasione alleata dell’Italia

eUn esercito vittorioso merita riposo, ma moderato e non eccessivo. A causa di quanto sia volubile la fiducia dei giocatori che battono un avversario. In definitiva, fu questa argomentazione che convinse i pianificatori dello stato maggiore degli Stati Uniti 70 anni fa a dare alle loro truppe temprate dalla battaglia una nuova missione subito dopo la vittoria sulle potenze dell’Asse in Nord Africa.

In effetti, gli obiettivi delle due grandi potenze occidentali sembravano incompatibili: il primo ministro Winston Churchill sostenne un’azione segreta e pragmatica, prima contro l’Italia di Mussolini e poi contro la Germania di Hitler. Gli americani, invece, scelsero un attacco diretto contro il nemico decisivo dell’Europa, il Terzo Reich.

Alla Conferenza di Casablanca nel gennaio 1943, opinioni opposte portarono ad accese discussioni. Il presidente Franklin D. Roosevelt nominò il suo capo di stato maggiore, George D. Marshall ha davvero avuto difficoltà a rompere l’alleanza.

Marshall era molto arrabbiato. Voleva minacciare i suoi interlocutori britannici che gli americani si sarebbero in gran parte ritirati dalla guerra in Europa e si sarebbero concentrati sulla lotta contro il Giappone nel Pacifico. Se la Gran Bretagna insiste sulla sua strategia, sì.

Una missione per truppe temprate dalla battaglia

I generali di Churchill ribatterono che la sfera di influenza di Hitler sarebbe stata meglio attaccata dalla periferia, vincolando le forze tedesche nel sud e nell’ovest. Prima devi attaccare la Sicilia dal Nord Africa, poi avanzare a sud verso l’Europa centrale verso la terraferma italiana.

Un terzo partner dell’alleanza anti-hitleriana, il dittatore sovietico Joseph Stalin, era assente da Casablanca. Tale era il vantaggio che non doveva stabilirsi direttamente. Da un lato, da un anno e mezzo chiedeva un “secondo fronte” contro Hitler, preferibilmente attraverso un’invasione della Francia da parte degli alleati occidentali. D’altra parte, non poteva escludere l’effetto benefico che avrebbe senza dubbio un attacco occidentale all’Italia.

READ  La barca di Putin minacciata di sequestro in Italia

Alla fine, Roosevelt e Churchill accettarono un compromesso: dopo aver vinto il Nord Africa, americani e britannici sarebbero sbarcati in Sicilia e avrebbero occupato l’isola. Farebbe pressione sulla Wehrmacht, assicurerebbe le rotte marittime alleate attraverso il Mediterraneo e porterebbe alla caduta del traballante regime di Mussolini. Tuttavia, non era prevista una continuazione automatica dell’attacco alla terraferma italiana: ciò doveva essere fatto a seconda dell’esperienza degli sbarchi.

Una parte fondamentale di questa decisione è stata l’opportunità di impiegare rapidamente truppe più esperte della campagna in Nord Africa. È stata loro concessa una pausa compresa tra quattro e otto settimane prima dell’inizio dell’attacco successivo. Ma poiché l’importanza strategica della Sicilia era evidente, come deve aver notato il feldmaresciallo Albert Kesselring, comandante della Germania meridionale, gli Alleati fecero molte cose per nascondere le loro intenzioni.

Il defunto dall’obitorio

I servizi segreti britannici hanno inviato informazioni di controspionaggio attraverso vari canali che ci sarebbe stato un attacco diversivo alla Sicilia o alla Grecia, ma poco dopo l’attacco principale alla Sardegna e alla Corsica. L’obiettivo delle forze alleate era di liberare il suolo francese il più rapidamente possibile. Il generale Charles de Gaulle, un “rompiscatole”, ha istigato questo, secondo un agente inverso.

A sostegno di questo sentimento con il servizio di intelligence strategico tedesco, l’MI 6 ha lanciato un’operazione audace. Un morto di un obitorio di Londra sarebbe stato vestito da ufficiale di stato maggiore britannico. Una valigia era incatenata al cadavere, contenente lettere dall’aspetto ingannevolmente autentico con sottili riferimenti alla Sardegna e alla Francia meridionale. Infine, un’esca da sottomarino è stata lanciata in acqua al largo della costa catalana. Allo stesso tempo, i servizi segreti hanno introdotto “accidentalmente” messaggi radio mal codificati sulla ricerca di un corriere scomparso nel Mediterraneo.

READ  DGB-Jugend Niederrhein in viaggio di istruzione in Italia

Il corpo del maggiore William Martin è stato portato a riva sulla costa della Spagna neutrale e pochi giorni dopo è stato consegnato all’addetto militare britannico. Ma i suoi documenti furono fotografati dalle autorità spagnole filo-tedesche e consegnati all’addetto tedesco.

Ha impostato la strada sbagliata. Di conseguenza, il personale tedesco si rese conto della cattura delle Isole Pelagie La grande fortezza isolana di Pantelleria Era solo un trucco. Dopotutto, lo stadio di Pantelleria, massicciamente ampliato, è stato pesantemente bombardato in precedenza.

Aspettando la notte oscura

L’ultimo giorno, il 10 giugno 1943, i bombardieri dovettero passare a schemi di attesa fino a quando non scaricarono il loro carico mortale: molti motori erano ancora in funzione. Quando le truppe britanniche sbarcarono l’11 giugno, i circa 11.000 italiani e tedeschi nel forte erano così sconvolti che si arresero prontamente.

Gli alleati occidentali si sono dati quattro settimane. Non era necessario preparare una forza d’invasione di sette divisioni di quattro britanniche e tre americane.

Piuttosto, era dovuto alle preferenze speciali dei due rami del servizio per le loro missioni: le truppe aviotrasportate preferivano le notti di luna per saltare il più accuratamente possibile sulle zone di atterraggio. Le unità navali, invece, preferivano avvicinarsi alla costa nemica al buio per mantenere l’elemento sorpresa il più a lungo possibile.

Nella notte tra il 9 luglio e il 10 luglio 1943, i due desideri inconciliabili si unirono: la luna sorgeva a sera e tramontava a mezzanotte. “Operazione Husky”, il primo grande sbarco – dopo il fallito tentativo di Dieppe – potrebbe iniziare sul territorio europeo dell’Asse.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel 2013.