Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lontano dalla Cina: Apple e i suoi partner stanno iniziando a migrare — anche Apple ha adattato i dispositivi per questo | Notizia

Per molti anni, la Cina è stata il paese più visibile per la produzione di massa di elettronica. Sin dal primo iPhone, Apple si è affidata a Foxconn e a un’esperienza di produzione che non si trova da nessun’altra parte. Tuttavia, non solo dal punto di vista prettamente tecnologico, la Cina ha saputo offrire molto ai produttori anche in termini di struttura dei costi. Tuttavia, ciò ha creato una notevole dipendenza, perché se tutti i fornitori si concentrano sui produttori locali, sarà difficile creare un’infrastruttura competitiva in altre aree.

Le politiche cinesi destabilizzano le catene di approvvigionamento
Le conseguenze di ciò possono essere viste almeno dall’anno scorso. Uno dei motivi principali dell’attuale consegna e degli inceppamenti di trucioli può essere trovato in Cina. Mentre il primo anno di Corona era sotto controllo nonostante settimane di periodi di riposo forzato, la situazione è diventata sempre più desolante dall’estate del 2021. Di volta in volta intere regioni hanno dovuto interrompere completamente la loro produzione e chiudere i produttori, anche se non sono solo infezioni isolate. Per Apple, ciò significava non essere in grado di produrre più laptop per circa tre settimane ad aprile.

I giganti della tecnologia stanno tutti lavorando su alternative
Intanto, dunque, movimento migratorio Differenza. Apple è sempre stata nella posizione di dover diversificare ancora di più la produzione per non fare troppo affidamento sui singoli siti. Per questo Cupertino è sempre più alla ricerca di fornitori che non provengano dalla Cina. La Cina è ancora la più importante, ma recentemente Taiwan e Vietnam stanno recuperando terreno in modo significativo. In Apple, ad esempio, è attualmente in una fase beta per ritirare (parzialmente) sia MacBook che Apple Watch dalla Cina e investire invece in fabbriche vietnamite. Lo stesso vale per l’HomePod. Tuttavia, ciò ha richiesto modifiche ai MacBook, che dovevano essere più modulari per semplificare la produzione.


Quando Cook ha visitato Foxconn alcuni anni fa, tutto andava ancora bene

Invece della Cina, il Vietnam è un nuovo faro di speranza
Non solo Apple, ma anche altri giganti della tecnologia stanno lavorando duramente per staccarsi dalla Cina. Amazon, Dell e Google stanno investendo nella mossa parziale del Vietnam, così come molti altri produttori di elettronica. Tuttavia, la speranza di una situazione più stabile, anche per la produzione diversificata, fa sì che ci siano degli inconvenienti da evitare. Tecnologicamente, il Vietnam è nettamente inferiore alla Cina, e quindi una produzione molto complessa è ancora possibile solo nelle fabbriche cinesi. Allo stesso tempo, la Cina offre il vantaggio di prezzi più bassi: un MacBook made in Vietnam dovrebbe costare ad Apple un po’ di più di quello che sarebbe arrivato da Quanta in Cina, come ha fatto finora.

READ  Divario di sicurezza - Secondo i ricercatori tedeschi sulla protezione dei dati, TikTok spia gli utenti

…e tuttavia Foxconn rimane l’azienda di orologi
Tuttavia, se guardi ai partner che in futuro saranno sempre più responsabili della produzione al di fuori della Cina, troverai un nome in particolare: Foxconn. L’azienda è in espansione da anni e vuole creare una rete globale, o almeno rappresentarla in ogni continente. Oltre ai paesi del Sud America, questo vale, ad esempio, anche per la patria di Apple. L’anno scorso, è diventato noto che Foxconn voleva emergere come una casa automobilistica statunitense e si dice che siano in corso colloqui con Apple a questo proposito. Se Apple Car entra davvero nel mercato, la sussidiaria statunitense Foxconn sarà più di un partner ovvio.