Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Viaggio nel tempo nel Medioevo – Archeologia sperimentale: l’estrazione del ferro mille anni fa – Notizie

Crepita ed emette un leggero odore di fumo. Olly Zahner ha appena versato un altro strato di minerale di ferro e poi un altro strato di carbone nella fornace. Zaner è un taglialegna e ha costruito la stufa nel prato davanti al Museo Blumenstein a Soletta. La fornace è realizzata in argilla e mattoni refrattari ed è alta circa un metro. I tubi flessibili collegati al grande soffiatore raggiungono la “faccia” della stufa e ai lati.

Didascalia:

Le fornaci storiche potrebbero non aver avuto una “faccia” come questo esempio davanti al Museo Blumenstein. Ma la struttura era la stessa.

SRF / Marco Gaggi

Il fabbro aggiungeva regolarmente minerale e carbone per diverse ore. La temperatura nel forno è di circa 1200 gradi. L’obiettivo: alla fine, il minerale deve essere trasformato in un ferro spugnoso, chiamato lega. Questo blocco può quindi essere elaborato. Ciò che rimane nella fornace accanto è scoria.

rocce nere.

Didascalia:

Spugna (a sinistra) e scorie che escono dalla fornace.

SRF / Marco Gaggi

Fornaci in funzione furono utilizzate per la produzione del ferro dall’età del ferro (intorno al 700 aC) fino al XIV secolo. Il nome deriva dal metodo di costruzione: tali forni sono spesso costruiti su un pendio e le scorie “si esauriscono” attraverso le aperture.

Un uomo che indossa un cappello davanti al forno.

Didascalia:

Il fabbro Ole Zahner sperimenta da dieci anni i forni. Gli ci sono voluti diversi tentativi per ottenere il primo risultato utile.

SRF / Marco Gaggi

Il minerale di ferro magnetite lavorato da Schmid-Ole-Zanner nella fornace proviene dal Vallese. Ma il minerale veniva fuso in tutta la Svizzera. Fabio Tortoli dell’archeologia della Provincia di Soletta spiega che l’intero arco del Giura è disseminato di minerale di ferro. Durante gli scavi a Büsserach (SO), ad esempio, sono stati rinvenuti forni e resti rupestri in un insediamento altomedievale. Il commercio principale in questo luogo era la produzione di ferro mediante la fusione del minerale di fagioli.

Una piccola pietra che sembra carbone.

Didascalia:

Macinata cruda e “arrostita” mentre va in forno.

SRF

Secondo l’archeologo Tortolì, gli scavi da soli non possono determinare le dimensioni di queste fornaci. Le fondamenta delle fornaci sono mantenute solo nel terreno. La parte superiore fu in gran parte distrutta per raggiungere il ferro spugnoso. Sono rimaste solo tonnellate di scorie. Per saperne di più servono esperimenti come quello di Soletta.

Il suo lavoro quotidiano consiste principalmente in piccoli scavi e perizie. La cosiddetta archeologia sperimentale combina in una certa misura queste scoperte teoriche con la pratica. Tortoli dice che molti processi e dettagli possono essere appresi solo attraverso la loro esperienza. Naturalmente, la fornace fumante con carboni ardenti è molto più interessante sul posto che nell’immagine del libro.

Rennofen è stata fondata a Soletta in occasione del convegno della Società “Archeologia Sperimentale Svizzera”. Catherine Chapey dice, ovviamente, che il forno con i suoi tubi di plastica per l’alimentazione dell’aria dal ventilatore non ha l’aspetto che aveva nell’alto medioevo. Un archeologo del cantone di Sciaffusa è membro del consiglio di amministrazione dell’associazione.

Un uomo mette un tubo nella fornace.

Didascalia:

A titolo di compromesso, il forno viene alimentato con aria attraverso tubi di plastica. Era molto costoso costruire una linea di alimentazione originale.

SRF / Marco Gaggi

Tuttavia, la tecnologia moderna non è in conflitto con l’archeologia. “Specifichi i parametri che devi mantenere costanti. Altrimenti, l’esperienza non è più misurabile. A volte devi scendere a compromessi. Ad esempio, devi assicurarti di fornire sempre la stessa quantità di aria. “

donna con gli occhiali.

Didascalia:

A cosa servono i coltelli di bronzo? Non solo per tagliare le verdure, Catherine Shabby ha imparato attraverso le sue esperienze.

SRF/Alex Moser

In Svizzera, l’archeologia sperimentale è un campo abbastanza giovane. Anche dopo 30 anni, secondo Shabi, deve ancora essere istituzionalizzato. “Non puoi ancora insegnarlo all’università, non c’è professione. La reputazione è ancora lì: ballano qualcosa. Fanno falò o si travestono”.

Legione romana.

Didascalia:

La Legione Romana della Società “Legio XI” di Windisch in visita al convegno di Soletta. I membri sperimentano la vita militare quotidiana all’inizio del millennio.

SRF

Grazie all’archeologia sperimentale, le scoperte possono essere lette e spiegate meglio, afferma Catherine Chapey. Noterai solo come è stato utilizzato il coltello quando lo usi. Nella sua esperienza con i coltelli di bronzo, ha scoperto perché i coltelli venivano usati in base ai segni d’uso. È stato dimostrato che non vengono utilizzati solo per tagliare le verdure, ma anche per intagliare il legno, afferma Shabi. “Ci avviciniamo molto alle persone del passato che se stessimo lavorando nell’archeologia descrittiva”.

Il ragazzo mostra un vecchio interlocutore.

Didascalia:

Johannes Weiss con hub di epoche diverse. Per alcuni usava pietre tagliate per la testa, altri erano fatti di bronzo o corna di cervo.

SRF / Marco Gaggi

Johannes Weiss lavora con strumenti più grandi. Un ex capo degli scavi mostra come venivano usate le asce dell’età della pietra. Naturalmente ci sono modelli di scoperte. Ha imparato la tecnica corretta solo ripetendo e usando l’ascia, in modo che il manico non si spezzasse la prima volta che colpisci l’albero. Doveva anche prima capire come collegare il manico dell’ascia e la testa. “All’inizio crollava sempre.”

Un uomo cade da un albero.

Didascalia:

Solo con la giusta tecnica puoi abbattere un albero con un’ascia di pietra. Johannes Weiss lo paragona a un castoro che rosicchia.

SRF

Weiss impiega circa 15 minuti per abbattere un piccolo albero con un’ascia di pietra. Dice di essere molto stanco. E non puoi fare una fessura nel bagagliaio come faresti con un’ascia moderna. È necessario rimuovere più materiale su un’area più ampia, altrimenti il ​​moncone si separerà prima piuttosto che dopo dalla pietra.

Uomini con le pale.

Didascalia:

Schmid Yuli Zaner e il suo assistente rompono il forno per raggiungere il ferro.

SRF

Torniamo al fabbro Ole Zahner. Nel frattempo, la sua stufa da corsa era accesa da circa otto ore. Ora è il momento di rompere la fornace di argilla e scoprire il risultato della fusione. Zahner ha dovuto imparare da solo il processo. Ride che non ci sono istruzioni in esecuzione dal passato. Ad esempio, solo dopo diversi tentativi falliti scoprì che non si doveva soffiare molta aria nel forno.

Un uomo con un'ascia davanti a un fuoco.

Didascalia:

Il grande momento: la fonderia ha funzionato nella fornace?

SRF

Oli Zaner e il suo assistente aprono la fornace e rompono il fango e le pietre. Il metallo della fornace non è liquido, ma rimane come grumi luminosi. L’esperimento è riuscito. La spugna di ferro ora può essere lavorata direttamente. Tuttavia, Zahner lo lascia raffreddare e lo porta a casa sua. Forgiato e piegato come un coltello di alta qualità, diventa un piccolo lingotto di ferro.

pietre luminose.

Didascalia:

Il tentativo ha avuto successo. Oltre a molta malizia, c’è anche una massa di lumache che il fabbro può maneggiare.

SRF

Il fabbro ha bruciato circa 80 chilogrammi di carbone nella fornace per ottenere un po’ di ferro. Per ottenere ferro su larga scala, in passato molte foreste dovevano essere abbattute. Ancora una volta, qualcosa che scopri solo per esperienza.

READ  Sylt: l'epidemia di Corona paralizza il turismo - chiudono hotel e ristoranti | regionale