Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uschi Glas e Hansi Kraus: “C’era una birra sul set!” | intrattenimento

Essendo un bravo ragazzo della First Bank, ha deliziato un pubblico di milioni di persone. Hansi Krause, 69 anni, era una popolare star per bambini negli anni ’60, recitando al fianco di star come Theo Lingen, Peter Alexander e Harald Junke.

Per il suo 70° compleanno, lout di BILD am SONNTAG Pepe manda a scuola con la sorella del cinema Marion, conosciuta anche come Uschi Glas (78).

Bild am Sonntag: Hansey era davvero un tale mascalzone in quel momento, signora Glass?

Bicchiere Uschi: “Beh, non mi ha giocato brutti scherzi. Lo ricordo come un ragazzo simpatico che ha fatto un ottimo lavoro come attore”.

Hansi Krause: “Poiché ero un grande fan di Winnetou, Apanatschi è sfuggito alle mie stronzate. Ma in linea di principio avevo ragione a ottenere il ruolo in quel momento, perché ero davvero un mascalzone. Alcuni dei miei scherzi nella vita reale, come la polvere pruriginosa sulla carta igienica dei timpani , si sono fatti strada in Text “.

Per BILD am SONNTAG, gli attori restano come hanno fatto per oltre 50 anni

Foto: Niels Starnick/Bild

bicchiere: “Mi piace ripensare a quei tempi. Anche perché le riprese erano molto più rilassanti e rilassanti allora di quanto non lo siano oggi”.

arredamento: “Sì, nessun confronto. C’era anche una birra sul set.”

Hansi Krause sul genere: “Uno sviluppo terribile”

E c’erano titoli di film che oggi non sono più fattibili in termini di genere.

arredamento: “Sviluppo terribile, come viene censurata la nostra lingua oggi. Improvvisamente io e Uchi non siamo più attori, ma attori. Che diavolo?”

bicchiere: “Anche io faccio fatica ad affrontarlo. Ad un certo punto probabilmente non ti sarà nemmeno permesso di dire ‘ragazza’ perché è discriminazione”.

arredamento: “Non puoi più dire ‘signorina’ oggi. Invece, le persone improvvisamente parlano di creature mestruali. E all’improvviso perdi il conto del numero di nuove razze. “

1969: Hansi Krause (all'epoca 17 anni) a

1969: Hansi Krause (all’epoca 17 anni) in “Baby, the Timpani Scare”

Foto: COSTRUISCI

Signora Glass, ha mai trovato discriminatorio il titolo del film “Al punto, tesoro”?

bicchiere: “Oh, non ho mai avuto problemi con questo in vita mia. Non voglio negare che ci siano donne che sono state discriminate o molestate, ma penso anche che alcune cose siano state esagerate. Non sono mai stata sessualmente molestato nella mia carriera. Tuttavia, una volta sono stato discriminato per questo motivo. Poiché non ero politicamente d’accordo con Schamoni & Co. e non ho mostrato solidarietà con Willy Brandt, l’apparizione di “Zur Sache, Schätzchen” è stata la mia prima e ultima apparizione alla Neues Deutsches Film. Io avevo una scelta: o ci sostieni o voli”.

Come erano le tasse a quel tempo?

arredamento: “Per il primo film mascalzone, ho ottenuto ben 3000 marchi per 30 giorni di riprese. Mi hanno derubato in quel momento, sostenendo che non sapevi se il film funzionasse. È stato un tale successo che ne sono usciti altri quattro realizzato. Con il secondo film ho ottenuto oltre 8000 marchi e la tariffa massima successiva del film è stata di 35.000 marchi”.

bicchiere: “Non posso dare un numero su questo perché all’epoca ero sotto contratto con Rialto Film e non vedevo quasi nessuno dei miei primi compensi. Rialto ha finanziato la mia istruzione in Germania e Inghilterra e ho dovuto ripagarli per cinque anni. Lì all’epoca non era quasi niente tranne i soldi dell’affitto”.

arredamento: “Anche io non ho visto nulla del mio primo disegno, i miei genitori ci hanno comprato un televisore a colori. Quando avevo 18 anni sono stato almeno in grado di comprare un’auto. Da allora ho ancora oggi il mio condominio. Ho potuto pagalo e finanzialo con i soldi che ho risparmiato”.

Ho messo la mano su un bastoncino di bambù alle elementari

Come sono state le tue giornate a scuola?

arredamento: “Ero bravo solo in biologia e ginnastica.”

bicchiere: “Ero più bravo in matematica, chimica e fisica. Le mie materie peggiori erano l’arte, ma era legata all’insegnante. Un’esperienza che ho notato anche nei miei figli. Se l’insegnante è bravo, anche il latino può essere un’ispirazione”.

arredamento: “Ricordo soprattutto una cosa: ero al liceo e ho girato il mio primo film durante le vacanze estive. Quando la scuola è ricominciata, sono stato chiamato nell’ufficio del regista e mi hanno detto: ‘Se faccio un altro film, volerà.’ Sei un pessimo studente, hai bisogno di vacanze per lavorare. Sono già stato espulso da scuola nel prossimo film”.

bicchiere: “È incredibile, non puoi nemmeno immaginare quel giorno. Ho messo la mano su un bastoncino di bambù alle elementari”.

arredamento: “Un insegnante una volta mi ha dato la possibilità di scegliere se preferire il rimprovero o i tre schiaffi come punizione. Poiché avevo già molti riferimenti, ho deciso Watschn. Sbagliato perché mi ha colpito così forte che ho pianto e camminato con le guance gonfie per un settimana.”

bicchiere: “Grazie a Dio i nostri figli sono sopravvissuti a tutto questo”.

arredamento: “Mia nipote è molto intelligente, ha appena saltato le lezioni e si è appena diplomata al liceo a 17 anni. Cosa posso dire? Solo dei buoni geni”.

1969: O'Shea Glass (allora 25enne) nel film

1969: O’Shea Glass (allora 25) in “Class wedges”

Foto: ullstein bild – Archivi Uniti

Come riassumere il tuo settantesimo compleanno?

arredamento: “La vita è stata buona con me. Sono umiliato e grato di essere in buona salute. Non è un dato di fatto, perché sono quasi morto dieci anni fa. Sono stato ricoverato in ospedale con un’infezione batterica chiamata cancrena di Fournier. Al all’ultimo momento, due ore dopo, sarei morto. Una volta che mi è stato dato l’accesso, sono andato in shock settico e sono tornato solo dopo un coma di tre giorni in terapia intensiva. Mia moglie e due figlie stavano accanto al mio letto con le lacrime occhi e mi hanno detto che avevano temuto per la mia vita per tre giorni”.

bicchiere: “Oh mio Dio, poveretto. Come hai reagito

arredamento: “Ho chiesto una birra al medico capo. Tuttavia, ha negato. Ero così debole che non potevo nemmeno bere acqua”.

bicchiere: “È così che ti conosco. Sempre meraviglioso.”

arredamento: Non mi rendevo conto della gravità della situazione. Ma ricordo un sogno con nuvole blu in cui mi trovavo davanti a due tunnel bui e ho chiesto alla guardia di fronte a loro dove fosse il tunnel con la luce brillante. Non ha risposto e si è rifiutato di andare oltre. Con il senno di poi, penso che questo sia stato il momento decisivo che mi ha fatto decidere di vivere”.

Hai vissuto diversamente da allora?

arredamento: “Sono un po’ più premuroso e un po’ più rispettoso della morte di prima. Ma non parlo con gli angeli e preferisco comunque andare all’osteria in chiesa. Il mio atteggiamento di base verso la vita è rimasto lo stesso: molte chiavi significano una grande responsabilità, motivo per cui ho solo due chiavi una per il mio appartamento e una per la mia bici.

Foto: COSTRUISCI

READ  L'ultima stagione di Better Call Saul