Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Usando gli ultrasuoni contro il cancro al fegato – la distruzione parziale del tumore da parte degli ultrasuoni fa scomparire completamente il cancro

Speranza contro il cancro al fegato: una forma speciale di ultrasuoni può aiutare a combattere i tumori e le metastasi del fegato, anche se i tumori vengono distrutti solo parzialmente, mostra uno studio sui topi. Sebbene solo dal 50 al 75 percento dei tumori del fegato abbia subito una cosiddetta frammentazione, l’81 percento degli animali era completamente libero dal cancro in seguito. Non ci sono state nemmeno metastasi, hanno riferito i ricercatori.

Il cancro del fegato è uno dei dieci tumori più comuni e mortali al mondo e il fegato è un organo particolarmente colpito dalle metastasi. Ma nonostante i progressi significativi e le varie opzioni di trattamento, le possibilità di sopravvivenza dei pazienti colpiti sono relativamente basse: il tasso di sopravvivenza a cinque anni per il carcinoma epatocellulare è solo del 20% circa. Uno dei motivi è che spesso i tumori non possono essere rimossi completamente.

I tumori dei ratti sono stati trattati con questo trasduttore a ultrasuoni. © Marcin Szczepanski / Ingegneria del Michigan

L’ultrasuono focalizzato “fa esplodere” le cellule tumorali

Tuttavia, un metodo relativamente nuovo che utilizza una forma particolarmente intensa di ultrasuoni per combattere i tumori del fegato può aiutare. In questa cosiddetta frammentazione tissutale, impulsi ultrasonici focalizzati che durano pochi microsecondi ma sono di alta intensità sono diretti al tessuto tumorale. Gli impulsi a ultrasuoni fanno evaporare il liquido e quindi generano piccole bolle a crescita rapida nel tessuto.

“Questo porta a un forte stress meccanico che distrugge le cellule nel tessuto bersaglio”, spiegano Tejaswi Wrlekar e colleghi dell’Università del Michigan. Ciò che rimane è un tipo di polpa cellulare che il corpo scompone nel corso di diverse settimane. Prove preliminari sulla frammentazione dei tessuti indicano che questa procedura non solo può distruggere efficacemente i tumori cancerosi, ma vi sono anche prove di un effetto inibitorio anche sui tumori che non sono direttamente interessati.

READ  Corona in Baviera: Holetschek vuole più mascherine FFP2 - Baviera

Abbastanza distruzione parziale

Per seguire questa guida, Worlikar e il suo team hanno studiato cosa succede quando i tumori del carcinoma epatocellulare vengono solo parzialmente distrutti, una condizione che può verificarsi frequentemente con i trattamenti attuali. Per il loro studio, hanno distrutto solo dal 50 al 75% dei singoli tumori in undici topi con cancro al fegato, mentre il gruppo di controllo è rimasto non trattato.

Si è scoperto che, sebbene un trattamento ecografico una tantum abbia distrutto direttamente solo una parte dei tumori, anche il resto dei tumori è scomparso entro una settimana. “Nove degli undici animali – l’81% – hanno subito una riduzione dei tumori dopo la resezione parziale, quindi sono risultati liberi dal tumore entro la fine dello studio”, afferma il team di ricerca. “Abbiamo osservato una regressione completa sia delle parti distrutte che non distruttive del tumore”.

nessuna metastasi

Ciò è stato confermato sia dalla risonanza magnetica che dalle analisi istologiche dettagliate dei tessuti. Solo sette giorni dopo che il tessuto è stato triturato, gli scienziati non hanno più potuto osservare alcuna cellula cancerosa vivente. A questo punto si stava già formando nuovo tessuto cicatriziale nel punto in cui si trovava precedentemente il tumore al fegato e non mostrava segni di degenerazione.

Positivo anche: i topi trattati con frammentazione del tessuto non hanno sviluppato metastasi nei tre mesi dello studio, riferiscono Worlikar e colleghi. Sebbene le cellule tumorali residue potrebbero teoricamente diffondersi durante tale trattamento, questa paura non è stata confermata: “I nostri risultati indicano che la frammentazione del tessuto non aumenta il rischio di diffusione delle metastasi”, afferma il team.

READ  Corona test tramite WhatsApp: come vengono ora rilevate le infezioni tramite il messenger

La risposta immunitaria elimina i resti del cancro

Secondo i ricercatori, questo effetto duraturo della terapia ad ultrasuoni può essere spiegato, tra l’altro, dall’attivazione del sistema immunitario del corpo. Perché dopo che il tessuto è stato frammentato, più cellule immunitarie sono migrate verso i tumori semidistrutti. “È possibile che il trattamento abbia suscitato una risposta immunitaria antitumorale che ha contribuito a completare la distruzione del tumore prevenendo le metastasi”, ha scritto il team.

Pertanto, la terapia ad ultrasuoni può essere un’opzione promettente e relativamente delicata per il cancro al fegato e forse anche per altre forme di cancro. “La frammentazione dei tessuti può superare i limiti dei metodi di escissione attualmente disponibili e fornire un controllo del tumore sicuro e non invasivo”, afferma Wurlekar. Secondo i ricercatori, in studi precedenti, non ci sono stati effetti collaterali significativi.

Sono iniziati gli studi clinici, anche in Germania

Il primo studio clinico sull’effetto della frammentazione contro il cancro al fegato è già iniziato negli USA e in Europa, anche cliniche in Germania stanno partecipando a #HOPE4LIVER – con primi risultati positivi: “Il primo trattamento è stato eseguito con successo e il tumore bersaglio è stato distrutto Il paziente era in buone condizioni prima e dopo il trattamento”, afferma il direttore medico Matisse Planert della clinica Braunschweig.

Anche i primi pazienti sono stati curati con successo presso l’ospedale universitario di Magdeburgo. In generale, i test del nuovo metodo saranno effettuati in sette centri in Europa. Allo stesso tempo, ci sono anche i primi esperimenti sugli animali sull’uso della litotripsia nei tumori cerebrali. (Cancro, 2022; doi: 10.3390/cancro 14071612)

Fonte: Università del Michigan

READ  I malati di cancro sono liberi dal cancro grazie a un farmaco "vivo": i ricercatori parlano di una svolta