Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un vaccino universale contro l’influenza? Un nuovo studio offre speranza

  1. Pagina iniziale
  2. Conoscenza

creatura:

a: Stendardo Tanya

Poiché i virus dell’influenza si adattano costantemente, la vaccinazione antinfluenzale deve essere adattata e somministrata nuovamente ogni anno. © Jens Kalaene / dpa

Gli esperti stanno lavorando a una vaccinazione antinfluenzale universale negli Stati Uniti. Il padre del vaccino mRNA è coinvolto nello studio attuale.

Filadelfia – L’influenza è un avversario molto spiacevole. Esistono tre tipi (A, B e C) di virus influenzali, di cui i tipi A e B in particolare possono essere pericolosi per l’uomo. Poiché i virus dell’influenza cambiano costantemente e formano nuovi sottotipi, le persone possono contrarre l’influenza ripetutamente per tutta la vita. Il risultato: il vaccino antinfluenzale viene rivisto ogni anno Vaccino influenzale Deve essere risomministrato annualmente.

per adattare il vaccino antinfluenzale, Tra le altre cose, gli esperti stanno esaminando la stagione influenzale dell’emisfero australe E quali ceppi di influenza sono prevalenti lì. Ma la ricerca sul condizionamento del vaccino non è sempre corretta. Uno studio sta ora alimentando le speranze per un vaccino antinfluenzale universale che non dovrebbe solo aiutare contro le 20 varianti conosciute dell’influenza, ma potrebbe anche funzionare contro varianti precedentemente sconosciute.

Vaccino influenzale a mRNA in fase di sviluppo: “Livello base di immunità”

“L’idea è di sviluppare un vaccino che dia alle persone un livello di base di immunità contro diversi ceppi di influenza in modo che ci saranno molte meno malattie e morti nella prossima pandemia influenzale”, il microbiologo Scott Hensley (University of Pennsylvania School of Medicine) spiega in uno. Messaggio. Hensley è uno degli autori di uno studio su questo argomento nel diario Scienze rilasciato era diventato.

Per il nuovo tipo di vaccino antinfluenzale, il team di ricerca sta utilizzando un meccanismo che è stato utilizzato solo per un breve periodo, ma che da allora è stato utilizzato milioni di volte: il vaccino a mRNA. Nello studio sono stati coinvolti anche Drew Weissman, direttore della ricerca sui vaccini presso l’Università della Pennsylvania e Drew Wiseman Uno degli esperti che ha studiato per molti anni il vaccino a mRNA.

READ  L'assunzione artificiale può essere molto dannosa per la salute

Protezione contro tutti i 20 ceppi di influenza con un singolo vaccino a mRNA

I vaccini a mRNA forniscono il codice genetico per la proteina virale nel corpo: il sistema immunitario reagisce a questo e forma anticorpi. Nel caso dell’influenza, i ricercatori hanno utilizzato frammenti trovati in tutti i 20 ceppi noti di influenza A e B. “Con un vaccino convenzionale, sarebbe molto difficile immunizzare contro tutti questi sottotipi, ma con la tecnologia dell’mRNA è relativamente facile, ” Afferma Hensley.

I ricercatori hanno utilizzato la proteina di superficie emoagglutinina, che si presenta in diverse versioni in tutti i ceppi di influenza. Il team ha quindi somministrato il vaccino a mRNA ai topi e ha scoperto che gli animali producevano anticorpi specifici contro tutti i 20 ceppi di influenza. Secondo lo studio, questi anticorpi sono rimasti stabili fino a quattro mesi.

Un vaccino antinfluenzale universale protegge i topi dall’influenza

In un altro test, un gruppo di topi ha ricevuto il vaccino antinfluenzale universale mentre un altro gruppo ha ricevuto un placebo. Un mese dopo, i ricercatori hanno infettato i topi con uno dei due tipi di influenza H1N1: uno con una proteina H1 molto simile a quella utilizzata nella vaccinazione e uno con una proteina H1 leggermente diversa.

Tutti i topi che hanno ricevuto il vaccino antinfluenzale sono sopravvissuti all’esposizione alla proteina molto simile e l’80% è sopravvissuto all’infezione con la proteina H1 leggermente diversa. I topi che non hanno ricevuto il vaccino sono morti circa una settimana dopo l’infezione. Gli stessi test sono stati eseguiti anche sui furetti e, secondo lo studio, hanno prodotto risultati identici.

Vaccinazione antinfluenzale: “I dati dei test sugli animali sono promettenti”

“Questi dati sugli animali sono certamente promettenti e dovrebbero essere ulteriormente studiati negli studi clinici”. Citazioni del portale nuovo mondo Veterinario e virologo Albert Osterhaus. “Questa strategia potrebbe essere un’opzione per generare l’immunità di base contro ceppi di virus dell’influenza pandemica o pandemica in futuro se la longevità dell’immunità sarà confermata negli esseri umani”, afferma l’esperto, che non è stato coinvolto nello studio.

READ  Gli attacchi cardiaci multipli danneggiano il cervello

Il vaccino antinfluenzale non ha lo scopo di stimolare l’immunità “sterile”, quindi la trasmissione dell’infezione virale non può essere prevenuta. Tuttavia, secondo i ricercatori, lo studio mostra che il vaccino innesca una risposta immunitaria della memoria che può essere rapidamente richiamata e adattata a nuovi ceppi virali. Ciò può ridurre significativamente le malattie gravi e la morte per influenza.

focolaio influenzale

In Germania, le ondate influenzali di solito si verificano in inverno, poco dopo la fine dell’anno. La maggior parte dei casi della malattia viene solitamente registrata a gennaio e febbraio e l’ondata influenzale di solito dura dalle otto alle dieci settimane.

Secondo l’Influenza Working Group del Robert Koch Institute, ogni anno ci sono tra un milione e sette milioni di visite mediche legate all’influenza. La grave epidemia di influenza del 2012/13 ha causato circa 30.000 ricoveri e 20.000 morti.

Una vaccinazione antinfluenzale globale paragonabile ai vaccini corona

“È paragonabile alla prima generazione di vaccini contro il coronavirus mRNA che hanno preso di mira il ceppo originale di coronavirus di Wuhan”, spiega Hensley. Rispetto alle varianti successive come Omicron, queste varianti originali hanno Vaccini Non previene completamente le infezioni virali, ma continua a fornire una protezione duratura contro malattie gravi e morte”.

Hensley e il suo team stanno attualmente lavorando a studi clinici per un vaccino antinfluenzale. Il team ritiene che il vaccino possa indurre una memoria immunitaria a lungo termine contro tutti i sottotipi di influenza nelle persone di tutte le età, compresi i bambini piccoli. “Crediamo che questo vaccino possa ridurre significativamente la possibilità di una grave influenza”, ha detto Hensley. (scheda)