Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tour de France 2022 – Tre cose degne di nota: Geschke guarda Aubisque e Vingegaard a Hautacam

Simon Geschke (Cofidis) ha difeso ancora una volta la maglia da montagna nella penultima tappa di montagna del Tour.

Ma il vantaggio del Freiburger sui migliori alpinisti del gruppo è diminuito.

Giovedì ora sarà emozionante su tutta la tappa: prima dal punto di vista tedesco su Geschke e il suo tentativo di battere il Col d’Aubisque.

Giro di Francia

LIVE TICKER dalle 13:30 | L’ultima tappa di montagna: l’ultima possibilità di Pojacar?

prima di un’ora

Poi dal punto di vista sloveno-danese il grande duello per la vittoria assoluta al Tour de France 109. Perché anche se mercoledì non è successo quasi nulla, la seconda giornata sui Pirenei dovrebbe lasciare il segno.

IN EVIDENZA: Punta di spillo nella battaglia per il giallo: il suo esercito difende la maglia da montagna

Tre cose si sono distinte nella penultima tappa di montagna:

1.) Geschke ha a che fare con tutto in Aubisque

Le cose non sono andate bene per Simon Geschke mercoledì, ma non sono andate neanche male. Dopotutto, Freiburger ha raccolto sei punti montagna al Col d’Aspin, è stato in grado di difendere la sua maglia a pois e il numero di piloti ancora in grado di portargliela è sceso a due. Sfortunatamente, questi due sono anche quelli che lottano per la vittoria assoluta e fanno la loro gara.

Per Poojakar c’è solo una cosa: attaccare! Veduta della diciottesima tappa

“Purtroppo, la battaglia per la classifica generale può determinare anche la classifica delle montagne”, ha affermato correttamente Geschke a Peyragudes. “Jumbo-Visma non è molto interessato alla maglia. Ma ovviamente, se oggi è come oggi e Vingegaard arriva secondo, per me è un male. Quindi non è stata una grande giornata e domani sarà ancora più difficile .”

Prima dell’ultima tappa di montagna del tour, Geschke ha ora 12 punti di vantaggio su Jonas Vingegaard e 18 punti su Tadej Pogacar con 64 punti. Se i due combattenti nel duello della maglia gialla prima raggiungeranno nuovamente Hautacam e sistemeranno la scena tra loro, uno di loro riceverà automaticamente 20 punti e altri 15 punti.

Quindi Geschke deve aumentare nuovamente il suo vantaggio in anticipo e quindi essere nel gruppo dei rinnegati per il terzo giorno consecutivo e il sesto giorno in totale da questo round. Ha elogiato gli uomini di Cofidis per l’impegno dimostrato nella prima parte della gara di mercoledì: “La mia squadra ha fatto un ottimo lavoro per me in attacco”.

Geschke contro i big: ‘Domani sarà il suo giorno più importante’

La stessa identica cosa è necessaria di nuovo da loro giovedì. Anche le tappe sono le stesse: si riparte con 60 km abbastanza pianeggianti e poi su tre impegnativi passi nei Pirenei – Aubisque (classe onoraria / 20 punti per il primo posto), Spandelles (classe uno / 10 punti) e persino Hautacam ( onorario) classe / 20 punti).

Questa tattica è evidente: Geschke deve essere nel gruppo e deve segnare più punti possibile in cima al Col d’Aubisque. Se la classe d’onore supera i 1.709 metri sul livello del mare dopo 16,4 chilometri con il 7,1 per cento come prima, la maglia non può più essere tolta.

Una volta a tutto gas e poi sdraiati, per così dire – è così semplice! Il tempo più veloce memorizzato a Strava su Aubisque è stato guidato da Pierre Roland il 24 luglio 2020 alle 47:31 minuti, solo per guidare il Re della Montagna.

Tour in montagna: Col d’Aubisque – la salita più lunga della 18a tappa

Scherzi a parte. Per Geschke sarà un’altra battaglia brutalmente dura. “Sono stupito di indossare ancora la maglia da montagna. Ero un po’ preoccupato che il mio corpo potesse essere al limite nella terza settimana con tutti i gruppi di fuga in cui mi trovavo. Ma oggi è andato di nuovo bene e lì ho speranza, ” disse Geschke a Piragodes. Domani.” “Domani è il giorno più importante.”

Poco più di una settimana fa, gli è stato chiesto se vincere la tappa del Pra-Loup sette anni fa fosse più importante o se vincere una maglia da montagna quest’anno avrebbe funzionato. Geschke ha detto che il successo di oggi era più importante. La vedrebbe ancora così a Parigi se lì difendesse la sua maglia?

Ad ogni modo, ora si applica quanto segue: “Domani di nuovo completamente soffocato e spero che le stelle siano dalla mia parte”.

2.) Brandon McNulty è un mostro

Per alcuni osservatori, deve essere stato quasi noioso: tre uomini hanno guidato ad alta velocità su per la montagna. Lo hanno fatto prima al Col de Val Louron-Azet, e poi di nuovo a Peyragudes. Non ci sono stati attacchi tranne uno poco prima della classifica dei Monti Pojacar e dello sprint della vittoria negli ultimi 300 metri.

Ma nel brutale duello per la vittoria del Tour tra Jonas Weinggaard e Tadej Pojaccar, c’era molta tensione nell’aria. La decisione di vincere il round 2022 può essere presa in qualsiasi momento.

Pogacar crede nel giallo: “Sono ottimista! Domani sarà ancora più difficile!”

Poco conosciuti fino agli ultimi metri, i due hanno continuato a incontrarsi ad altezza d’uomo ea correre per la vittoria di giornata. Ma gli assistenti di Pogacar hanno spianato la strada: in un giorno hanno appena perso due dei più importanti alpinisti di Marc Soler e Rafal Majka.

Mikel Berg e Brandon McNulty eccellevano nel sezionare l’intero Peloton e isolando completamente l’Uomo Giallo dai suoi aiutanti. Con la sua velocità, McNulty ha preso minuti dalla valutazione di tutti gli assi. “Sei una tale bestia”, alla fine Poojacar lodò il suo nobile assistente. “Tu e Michael (Berg) oggi, è stato fantastico.”

‘Sei una tale bestia’: Pogacar festeggia il suo compagno di squadra dopo aver vinto la tappa

Ora si potrebbe criticare il fatto che McNulty stesse guidando così veloce che lo stesso Pogacar non poteva più attaccare – e infatti doveva attaccare per prendere tempo da Vingegaard. Ma un assistente migliore non può fare altro che deporre il capitano avversario.

Ma l’aspetto di McEntee ha rivelato anche qualcos’altro: l’americano potrebbe essere stato in grado di prendere le cose con calma durante il Tour finora, grazie al fatto che Rafal Majka non ha affrontato così tante sfide come avrebbe potuto. Questo è l’unico modo per spiegare le riserve nei Pirenei, quando già tutti camminavano sulla gomma. E con una tale sovrabbondanza di freschezza, potrebbe davvero ferire Vingegaard anche i Peyragude. o…?

3.) Vingegaard è ancora sovrano

O forse McNulty non ha funzionato. Perché il modo in cui Vingegaard ha guidato negli ultimi chilometri verso Altiport, anche se ha superato Pogacar alla ruota posteriore del suo nobile assistente ed è stato il primo più veloce nell’ultima gara, è stato di nuovo impressionante.

Il danese sembrava di nuovo l’uomo più forte in gara mercoledì. Stagnare come Pogacar al Col du Granon sembra l’unico modo in cui Vingegaard potrebbe perdere la maglia gialla. Tanto più che Poojakar, nonostante la sua vittoria, non irradia più la massima freschezza.

Analisi del grande duello: Pogacar non può fare di più

“Finere come oggi non mi va bene, ma domani è meglio”, ha detto il 25enne Vingegaard dopo il secondo a Peyragudes, dichiarando con calma che voleva l’ultima montagna del Tour a Hautacam e poi avrebbe vinto. di nuovo alla fine.

Quando Bjarne Riis, nativo di Vingegaard, arrivò a Parigi indossando la maglia gialla nel 1996, aveva anche vinto la finale più estenuante del Tour indossando il giallo, sempre ad Hautacam. E quando Michael Rasmussen ha trionfato con la maglia gialla ai Pirenei nel 2007 prima di essere espulso dal Tour per doping, lo ha fatto sul Col. de Obessky, la prima salita di giovedì. “Queste sono montagne molto importanti per il ciclismo danese”, sa Vingegaard, ma rifiuta di esprimere giudizi.

Potrebbe interessarti anche: Pogacar vince il duello gigante con Vingegaard – Geschke continua a segnare

Percorso del Tour, tappa 18: l’ultima tappa di montagna con tre cime

Giro di Francia

Tour in montagna: incontro ripido – l’ultima estremità della montagna a Hautacam

13 ore fa

Giro di Francia

Tour Mountains: Premiere nei Pirenei – Col de Spandelles

13 ore fa

READ  Goretzka parla di 'problema' a Musyala - 'Avevamo un accordo'