Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stelle intergalattiche perdute: un’osservazione sconcertante di Hubble

Per miliardi di anni, le stelle gravitazionalmente libere “che emanano da un velo spettrale di luce” hanno “vagato come anime perdute” tra grandi ammassi di galassie. Questo è il modo in cui il team di ricerca ora descrive il risultato di un’analisi utilizzando il telescopio spaziale Hubble. La scoperta non può essere spiegata dalle attuali teorie sulla formazione di queste stelle, perché apparentemente si sono separate da esse o sono state espulse in collisioni che non sono state ritardate dopo la formazione delle galassie. In qualche modo, il coautore James G. della Yonsei University di Seoul afferma che singole stelle si sono formate in gran numero nell’universo primordiale.

Come spiega il team di ricercaIl lavoro ha esaminato 10 ammassi di galassie fino a 10 miliardi di anni luce di distanza. È stata misurata la luce che si origina tra le rispettive galassie, cioè dalle stelle spostate. Poiché la luce è così debole, le misurazioni erano possibili solo dallo spazio. È stato dimostrato che la luce di queste stelle, emanata dai recessi degli ammassi di galassie, rimane costante indipendentemente da quanto lontano si guardi nel passato. Ciò significa che le stelle erano già senza casa quando si sono formati gli ammassi.

Non si sa come siano arrivate le stelle intergalattiche, spiega il leader dello studio Hyungjin Joo. Fino ad ora si pensava che si formassero quando le galassie si muovono attraverso regioni ricche di gas e portassero lì alla formazione di stelle. Alcune di queste nuove stelle verranno poi lentamente espulse dalla galassia. Ma poi, man mano che l’universo invecchiava, doveva diventare di più. Lo stesso vale quando le stelle perdono la loro casa in una gigantesca collisione galattica. Questa scoperta contraddice entrambi gli scenari.

READ  Questo test dell'aura sarà un tuttofare

Hyungjin Joo aggiunge che se puoi saperne di più su come si sono formati, puoi imparare qualcosa sulla formazione degli stessi ammassi di galassie. Inoltre, le stelle dislocate potrebbero aiutare a conoscere meglio la natura della materia oscura che finora è stata descritta solo teoricamente. Lavoro di ricerca È stato pubblicato sulla rivista Nature.


(mese)

alla pagina iniziale