Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spread e tassi di interesse alti: le finanze pubbliche italiane sono allo sbando?

Stato: 08/02/2022 15:04

Il governo Draghi se ne va, i debiti incombono, i tassi di interesse crescono e il premio al rischio per i titoli di Stato italiani aumenta. Quanto è sostenibile il bilancio nazionale italiano? Un’analisi.

Di Jörg Seisselberg, ARD Studio Roma

Vincenzo Visco ha visto molte tempeste nella politica fiscale italiana. L’economista 80enne – che è stato professore universitario e ministro delle finanze sotto Romano Prodi – è ora preoccupato per l’evoluzione dei mercati dopo la caduta di Mario Draghi: “L’attuale situazione ha una forte componente politica. Nuove elezioni e un possibile vittoria di un’estrema destra stanno destabilizzando i mercati. Ciò si riflette nell’attuale sviluppo dello spread”.

Georg Seiselberg
Studio ARD Roma

La differenza tra i tassi di interesse dei titoli di Stato tedeschi e italiani è lo spread. Nei mercati finanziari, un criterio importante è se le finanze pubbliche italiane sono sane o meno. All’inizio della settimana, lo spread si è attestato a 2,25 punti percentuali, due volte e mezzo in più rispetto a metà febbraio. Per molti, questo è un segnale di avvertimento.

Perché all’inizio dell’anno, la grande banca olandese ING diceva che uno spread di oltre due punti percentuali avrebbe mandato l’Italia in una spirale finanziaria a causa dell’elevato debito pubblico, tutti rischi per l’euro.

“Al momento non ci sono grossi problemi”.

Maurizio Mazziero, analista italiano e autore di libri finanziari, non vede invece raggiunto il livello di allerta rossa: “Non ci sono grossi problemi al momento. Potrebbero sorgere se lo spread supera i tre punti percentuali”. Il rischio di superare la soglia del tre per cento è di entrare nel limite superiore di quanto già visto nella storia dello spread italiano.

READ  Giorgia Meloni incontra Emmanuel Macron

Ovvero nella crisi finanziaria del 2011: in quel momento, dice Mazziero, lo spread italiano toccava la soglia dei cinque punti percentuali. Attualmente, l’importo è stato ridotto di oltre la metà. Tuttavia, in linea di principio, l’analista è anche preoccupato per la crescita dei titoli di Stato italiani.

Le incertezze politiche guidano i rendimenti

Da quando il governo Draghi era in crisi, i rendimenti obbligazionari a dieci anni si sono attestati sopra il tre per cento. I tassi di interesse erano più alti nell’ottobre 2018, quattro anni fa. Gli attuali driver di crescita sono l’incertezza politica in Italia e la cambiata politica dei tassi di interesse della Banca Centrale Europea.

Questa nuova politica dei tassi di interesse è pericolosa per le finanze pubbliche italiane, spiega Mazziero: “Una maggiore spesa per i tassi di interesse aiuta ad aumentare il debito. Il debito deve essere ristrutturato”. Per fare ciò, è necessario emettere quantità sempre maggiori di titoli di Stato. Secondo l’analista, aumentare il debito pagando interessi alti: “Puoi entrare in un circolo vizioso dal quale è molto difficile uscire”.

La BCE detiene il 30 per cento del debito nazionale italiano

Tuttavia, sottolinea anche che l’attuale minaccia per le finanze pubbliche italiane è significativamente inferiore alla crisi finanziaria del 2011. In primo luogo, un terzo del debito italiano è ora acquistato dalla Banca centrale europea, quindi non è esposto alle speculazioni di mercato. .

Mazziero vede anche il nuovo Transmission Protection Instrument (TPI), contro il quale già in Germania si minacciano azioni legali, come un mezzo per regolamentare i governi disposti a spendere: «Siamo ancora poco informati sulle regole di questo strumento. chiaro che lo strumento potrà essere attuato solo se la politica di bilancio è in pareggio, non c’è stata una grande disparità economica e, soprattutto, la politica fiscale è stata di stabilità”.

READ  Influenza alla guida di un'auto dall'Italia all'Ucraina per salvare la fidanzata

L’inflazione beneficia del debitore Italia

Anche il governo di Roma ora gioca un ruolo infiammazione nelle mani. Come con qualsiasi aumento dei tassi, questo avvantaggia i mutuatari. La montagna del debito italiano, attualmente a circa 2,75 trilioni, si sta sciogliendo a poco a poco in questi giorni.

E, ancora più importante per le finanze pubbliche: l’economia italiana è in pieno boom. L’Italia ha registrato una crescita dell’1,0%, mentre la Germania è rimasta a zero nel secondo trimestre. L’ex ministro delle finanze Visko teme che questa crescita possa svanire se i partiti di destra prendessero il potere.