Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scoppia la polemica: rendere pubblici direttamente i dati del James Webb Space Telescope?

Lo studio della NASA per rendere pubbliche in futuro le immagini catturate dal James Webb Space Telescope ha incontrato reazioni contrastanti tra gli astronomi. Mentre alcuni criticano il fatto che i piccoli istituti di ricerca, e in particolare i ricercatori con molti altri impegni, possano essere svantaggiati, altri sperano che i dati “bloccati” vengano resi disponibili più rapidamente.

Entrambe le parti hanno argomentazioni comprensibili e al momento non si prevede come potrebbe concludersi il dibattito. Lo Space Telescope Institute, responsabile del funzionamento scientifico del James Webb Space Telescope, vuole intervistare direttamente 12.000 ricercatori, Scrive sulla rivista Science.

Attualmente, gli osservatori di ricerca pubblici, come il James Webb Space Telescope (JWST) o Hubble, hanno periodi di blocco durante i quali i ricercatori hanno accesso esclusivo ai dati raccolti in risposta ai loro suggerimenti. I periodi sono generalmente compresi tra 6 e 18 mesi. Ad Hubble, ad esempio, la scadenza è stata abbassata a sei mesi dopo un anno di ritardo.

Durante questo periodo, chi ha proposto la misurazione in questione ha potuto valutare i dati raccolti senza dover temere che qualcuno lo scoraggi dal pubblicare un articolo scientifico. Attualmente c’è un’eccezione nel JWST, poiché i dati raccolti nei primi cinque mesi vengono rilasciati direttamente qui. L’obiettivo è che la comunità scientifica impari a utilizzare il più possibile il nuovo osservatorio ei suoi strumenti.

Come dimostra la scienza, le considerazioni della NASA si basano, tra l’altro, su nuove specifiche del governo degli Stati Uniti. E ha annunciato ad agosto che tutta la ricerca finanziata dallo stato dovrebbe essere disponibile gratuitamente immediatamente dopo la pubblicazione a partire dal 2026. Pertanto, l’agenzia spaziale statunitense, in quanto principale responsabile del telescopio spaziale, potrebbe dover revocare le restrizioni. Tuttavia, ciò è contrastato, tra l’altro, dagli impegni con l’Agenzia spaziale europea (ESA) e la CSA canadese, che sono coinvolte nel progetto.

Leggi anche

L’argomento pratico per l’eliminazione del periodo di ritenuta è la potenziale accelerazione del lavoro. Quando i dati di monitoraggio diventano immediatamente pubblici, i team di ricerca possono pianificare rapidamente ulteriori misurazioni e richiedere un nuovo tempo di osservazione. Questo sembrava importante, soprattutto quando si supponeva che JWST potesse operare solo per pochi anni. Data la durata prevista della missione, che ora è molto più lunga, il dibattito sta perdendo peso.

In Scientific American, l’astronomo americano Jason Wright lo contestaLa pressione per lavorare con dati pubblicamente disponibili potrebbe essere troppo grande. La precisione può risentirne se devi preoccuparti che qualcun altro sia più veloce. Non è convinto dell’argomentazione secondo cui le istituzioni svantaggiate avrebbero la stessa opportunità di condurre ricerche se ottenessero l’approvazione diretta. Alla fine, perderanno sempre contro le grandi organizzazioni che sono finanziariamente migliori date le circostanze. Perché hanno più risorse per essere sempre più veloci, anche con misurazioni basate su idee altrui. E i ricercatori che insegnano anche, ad esempio, o che per altri motivi semplicemente non possono fare turni di notte dopo turni di notte, non saranno più in grado di tenere il passo.

Se il divieto verrà effettivamente revocato, ha affermato Wright, l’astronomia dovrà escogitare nuovi modi per riconoscere coloro che suggeriscono determinate osservazioni. Ad esempio, potrebbe diventare obbligatorio elencarli sempre come coautori di un articolo specialistico. Oppure qualsiasi articolo scientifico che si basa su dati di misurazione potrebbe dover menzionare il suggerimento da cui è stato raccolto. Ma tutto ciò sarebbe solo un ritocco che non risolve il problema di fondo, dice. Agli astronomi viene inflitta troppa pubblicazione scientifica negando loro le tutele offerte dal periodo di embargo.


(mese)

alla pagina iniziale

READ  Chi dovrebbe essere vaccinato contro l'herpes zoster?