Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Satira amara con il fattore disgusto: “The Triangle of Sorrow” regola i conti con i ricchi

“Triangolo triste” al cinema
Satira amara con un fattore disgustoso

Scritto da Nicole Ankelman

Robin Ostlund vince la Palma d’Oro a Cannes per “Il triangolo del dolore”. L’ironia è una critica aspra e talvolta disgustosa del capitalismo e del sistema di classe. A volte funziona bene, ma non è del tutto convincente.

Il regista Robin Ostlund è noto per i suoi film che trattano di rimostranze sociali e politiche. Sebbene il patriarcato e la mascolinità tossica associata in “Force Majeure” e “The Square”, entrambi svolgono anche un ruolo nella conclusione della trilogia. Tuttavia, l’attenzione si concentra su una critica al capitalismo e all’ingiustizia sociale che lo accompagna. Lo svedese è riuscito ancora una volta a vincere la Palma d’Oro al Festival di Cannes.

Il triangolo del dolore si compone di tre capitoli. Il film inizia alla moda con “Carl & Yaya”, per poi arrivare a “The Jacht”, che alla fine soffre di un naufragio. E così si prosegue sull'”isola”, dove gli equilibri di potere cambiano improvvisamente.

Nell’industria della bellezza, il “triangolo triste” è l’area tra le sopracciglia dove si formano le cosiddette rughe. Il modello di 25 anni Carl (Harris Dickinson) viene consigliato in una delle sessioni con iniezioni di Botox lì, che descrive parte dell’argomento: l’essere umano come merce. Karl e la sua ragazza Yaya (Sharby Dean Creek) non sono solo una coppia giovane e bella, ma lavorano entrambi come modelli e influencer. Tuttavia, Yaya ha molto più successo del suo ragazzo, perché le donne stanno meglio degli uomini, almeno nel settore. Ecco perché ci sono sempre discussioni tra amanti. Quando Yaya riceve un invito per una crociera di lusso, Karl vuole ancora accompagnare la sua ragazza.

I super ricchi lo trovano male

Yaya e Karl sperano che si divertano.

(Foto: film iFast)

Sulla nave da 250 milioni di dollari ci sono alcune persone molto facoltose, tra cui il capitalista russo Dmitriy (Zlatko Borek), i produttori di armi Winston (Oliver Ford Davis), Clementine (Amanda Walker) e altri ricchi e anziani bianchi. Tra loro c’è Therese (Iris Perben), che dopo l’ictus ha solo un piccolo vocabolario ma la sua mente è acuta. Quando il capitano Smith (Woody Harrelson), lui stesso un sostenitore del comunismo e del socialismo, soffre di un esaurimento nervoso, l’ambiziosa ospite Paula (Vicky Berlin) deve affrontare da sola gli ospiti corrotti e i loro assurdi desideri di oggi.

Una forte tempesta porta il capitano, passato all’alcol, a salire a bordo della nave. Nonostante il previsto mare agitato, insiste per consumare un pasto lussuoso con i suoi passeggeri. Succede come dovrebbe: presto tutti sputano il contenuto del loro stomaco un tempo nobile in tutte le direzioni. Quando il mattino successivo un gruppo di pirati somali ha tentato di dirottare lo yacht e alcuni naufraghi sono rimasti bloccati su un’isola deserta, le condizioni sociali che avevano prevalso fino a quel momento non hanno più avuto alcun ruolo. Improvvisamente, la consumata inserviente filippina Abigail (Dolly De Leon) si ritrova in cima alla lista di selezione perché è l’unica in grado di accendere un fuoco e pescare. Una circostanza di cui sei molto felice di approfittare e grazie alla quale puoi prendere quello che vuoi.

Grande effetto, meno profondità

Il regista Robin Ostlund, vincitore della Palma d'Oro per "triangolo della tristezza"Dopo la premiazione.

Il regista Robin Ostlund, vincitore della Palma d’Oro per Triangle of Sadness, dopo la cerimonia di premiazione.

(Foto: Vianney Le Caer/Invision/AP/dpa)

La satira, che condanna la brutalità e la superficialità del sistema capitalista, vive di giochi di parole e idee originali. Provocano uno scalpore particolare mentre l’orgia di vomito si intensifica. Scene relative a pazienti con fobia del vomito (Persone che hanno paura di vomitare – Nota del Dr. editore) Per inciso. Ma Ostlund lo interpreta anche come una critica, dal momento che i ricchi smaltiscono le loro vite e attività disgustose praticamente in un arco superiore del corpo. Tuttavia, il capitolo su “The Jacht” sembra essere limitato a questo, mentre le altre due parti del film affrontano i problemi in modo più esplicito e diventano più personali nel processo.

A parte questo, Ostlund, a differenza dei suoi film precedenti, fa molto affidamento sugli effetti che si riflettono nel suo sound design, tra le altre cose. Tuttavia, nel processo si è persa molta profondità, il che era certamente possibile dato l’argomento. Quindi il “Triangolo Triste” non condanna sottilmente l’assurdità del capitalismo e disgusta lo spettatore – e non solo nelle scene di vomito. Ad ogni modo, il film offre intrattenimento divertente.

The Triangle of Grief sarà proiettato nei cinema tedeschi dal 13 ottobre.

READ  La cantante di "Mama" Henji: Preferirei avere quattro nipoti piuttosto che una fidanzata Entertainment