Giugno 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rivolte e attentati: l’Italia discute di integrazione

Si respira facilmente a Richion, appena a sud di Rimini. Il flash mob spaventato con le rivolte non ha agito. Le misure di sicurezza adottate dalla polizia locale nel fine settimana hanno ovviamente avuto effetto. In un video musicale su TikTok, i giovani con un background migratorio sono invitati a venire a Riccion. Titolo: “Peschiera Just Warm-Up – Vediamo come appare a Richion.” Anche una bandiera marocchina.

Gli ufficiali di sicurezza italiani sono in massima allerta

Una notizia ha allertato i funzionari della sicurezza italiana. Questo perché un flash mob simile è scoppiato in una rivolta all’inizio del mese a Pescira, sul Lago Carta. Le vetrine dei negozi sono state distrutte, sono state lanciate pietre e i partecipanti ai flash mob sono saltati in cima alle auto. La polizia afferma che oltre 2.000 giovani, quasi tutti provenienti da un contesto migratorio e di età compresa tra i 16 ei 20 anni, sono giunti al Lago Carta, principalmente da città vicine come Milano, Brescia e Bergamo. L’obiettivo dell’incontro organizzato da TikTok in occasione della Giornata Nazionale Italiana: “L’Africa a Pesciera”.

Sulla via del ritorno sarebbe stato aggredito sessualmente su un treno diretto a Milano. Almeno 16 ragazze e giovani donne si sono lamentate. “Il Giorno” ha raccontato sul portale online del quotidiano quanto vissuto su un trenino di ritorno con cinque amici dal parco divertimenti Gardland: “Abbiamo visto che c’erano tanti ragazzi, soprattutto nordafricani e soprattutto marocchini, perché marocchini. Bandiere con loro.” Mentre camminava sul treno con le sue amiche, “hanno iniziato a toccarci ovunque. Giù, sulle gambe, sui fianchi”.

Indagine sulle molestie sessuali

La procura di stato sta indagando su 30 giovani in relazione a molestie sessuali. La destra italiana in particolare sta ora cercando di usare politicamente gli eventi. Nei suoi account sui social network, il leader della Lega Matteo Salvini invita i giovani scontenti con un passato migratorio a lasciare il Paese: “Se non ti senti a tuo agio in Italia: ciao, ciao, il mondo è più grande”. Alla luce dei fatti di Peschiera e degli appelli per Riccione, Salvini ha raccomandato di dare un paio di stanze in faccia a “madri e padri ovviamente un po’ distratti di figli immigrati”.

READ  Il governo Biden chiede alla Corte Suprema di bloccare la legge del Texas

Guanza Musi Dos Santos mette in guardia dal scivolare nel razzismo. Il capo dell’organizzazione per l’infanzia in esilio a Roma si è lamentato della politica di coordinamento inadeguato in Italia e ha detto in vista dei disordini del Lago Carta: “Questo comportamento è basato sull’insoddisfazione”. Tante cose si fondono qui: “patriarcato, preoccupazioni sociali e senso di essere nati e cresciuti in Italia, ma non realmente riconosciuti”. Poi, secondo Musi dos Santos, ci sono i social che uniscono queste persone: “Ecco da dove viene il potere del branco”.

Con un background migratorio: più problemi a scuola e sul lavoro

Per molti bambini immigrati in Italia inizia la sensazione di essere esclusi dalla scuola. Hanno molte più difficoltà rispetto alle loro controparti italiane: devono ripetere una lezione due volte. Da adulti, faticano nel mercato del lavoro e il reddito medio degli immigrati è attualmente del 40 per cento inferiore a quello degli italiani.

Da anni gruppi di sinistra, ma soprattutto cattolici, spingono per la riforma della legge sulla cittadinanza. Antonio Russo, vicepresidente delle Acli, organizzazione comunitaria cattolica, lancia un appello: “La cittadinanza è un diritto che si percepisce come parte di una comunità. Deve essere integrato”. Questo è un dibattito politico in Italia. D’altra parte, la vede come una “riforma della dignità essenziale”. Finora i bambini nati in Italia da genitori stranieri non hanno diritto alla cittadinanza italiana. Possono essere acquistati solo a partire dai 18 anni a determinate condizioni.

La quota di stranieri in Italia è di circa il dieci per cento ed è quasi quadruplicata dal 2000. Il popolo marocchino è il terzo gruppo più numeroso di immigrati in Italia, dopo quelli provenienti da Romania e Albania.

READ  Formula 1 2022: Emilia-Romagna GB in Italia