Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Croce Rossa: Una fiaccola va dalla Baviera all’Italia

Rievoca la nascita della Croce Rossa nell’Ottocento: la miglior staffetta della Croce Rossa a Solferino nel nord Italia. Secondo la Croce Rossa Bavarese (BRK), quest’anno partecipano diverse associazioni distrettuali dell’Alta Franconia.

Nel 1992 la Croce Rossa Italiana ha organizzato per la prima volta la Staffetta della Fiaccola. In modalità staffetta, una torcia viene inviata dalla Croce Rossa alla Croce Rossa fino a raggiungere Solferino, nel nord Italia, il 24 giugno.

Ricordiamo “uno dei sanguinosi eventi bellici”.

Questa campagna commemora la nascita dell’idea della Croce Rossa, iniziata il 24 giugno 1859. A quel tempo, il mercante svizzero Henry Dunant era in viaggio d’affari in Italia per vivere le conseguenze della battaglia di Solferino. Con 30.000 morti, è considerata una delle guerre più sanguinose della storia mondiale, secondo la Croce Rossa. Dunant si prese cura dei feriti, lavò le ferite e distribuì cibo e bende.

La nascita dell’idea della Croce Rossa

Poiché l’aiuto professionale era scarso, chiese aiuto alla popolazione locale e imprigionò medici austriaci liberati per prendere parte ai soccorsi per i veri oppositori della guerra. Questa è la prima volta che attuano la politica della Post-Croce Rossa: tutti i soldati feriti sono stati assistiti in modo neutrale e paritario.

Relè della torcia per Solferino: Una torcia nell’acqua

Durante il viaggio di quest’anno, la torcia sul lago di Ebensfeld Bath è stata trasportata attraverso il lago in un battello di salvataggio acquatico BRK. A Himmelkron, la torcia è stata successivamente consegnata ai volontari di BRK Hof. Da lì, la fiamma viaggia in Austria attraverso l’Alto Palatinato fino a raggiungere la città italiana di Solferino il 24 giugno.

READ  Il BVB batte Nico Schulz: una pista va all'Italia