Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riduzione dei consumi: le azioni BASF scendono: l’aumento del prezzo del gas influisce negativamente | notiziario

“Dobbiamo prendere decisioni economiche sulla possibilità o meno di gestire determinati sistemi a questi prezzi”, ha dichiarato Hans-Ulrich Engel, chief financial officer di BASF, in un’intervista alle agenzie di stampa dpa-AFX e dpa. Ad esempio, la produzione di ammoniaca di BASF presso i siti di Anversa e Ludwigshafen in due dei tre stabilimenti è stata “per gran parte dell’anno” da marzo. L’ammoniaca viene utilizzata, ad esempio, nella produzione di fertilizzanti per l’agricoltura.

In alcuni casi, BASF ha acquistato sul mercato mondiale l’ammoniaca necessaria a un prezzo inferiore a quello che l’azienda avrebbe potuto produrre da sola. “Le cose sono andate davvero bene durante l’estate”, ha detto Engel. “Dobbiamo vedere dove la produzione ha un senso economico. Dove il mercato non è disposto a pagare i prezzi corrispondenti, non abbiamo altra scelta che tagliare la produzione”.

Engel ha affermato che BASF ha aumentato i prezzi in media del 13% nei primi tre trimestri dell’anno. “È di dimensioni enormi, ma non copre tutti gli aumenti dei costi, in particolare materie prime ed energia”. Recentemente, i prezzi del gas sono stati fissati a circa 140 euro per MWh nel commercio europeo. “Prima pagavo dai 20 ai 25 euro nell’Europa nord-occidentale. Al momento non stiamo vivendo una carenza di gas, ma una crisi dei prezzi del gas”. Il prezzo oscilla notevolmente. “Fondamentalmente, attualmente puoi leggere il prezzo del gas da un termometro: più bassa è la temperatura, più alto è il prezzo del gas.”

A causa dell’aumento dei costi, BASF sta riducendo notevolmente il proprio fabbisogno di gas

– Negli ultimi tre mesi, il consumo è aumentato di circa 30

READ  Per la prima volta in 90 anni: GM non è più leader nel mercato statunitense

La percentuale è diminuita rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ha affermato Engel. “Possiamo, ad esempio, sostituire il gas naturale con l’olio combustibile per produrre elettricità”. In generale, c’è un “bouquet colorato” di misure, in particolare tagli alla produzione.

In termini di soli costi energetici, ha detto Engel, c’è stato un aumento di oltre due miliardi di euro nei primi nove mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Per la maggior parte, BASF è stata in grado di spostare i costi grazie alla forte domanda. Ma da metà luglio la domanda si è indebolita, soprattutto in Europa, ma anche in Asia e in misura minore in Nord America.

La domanda debole è continuata in ottobre e novembre. “Se si guarda alla domanda di acquisto, tale sviluppo dovrebbe continuare fino a dicembre”, ha affermato Engel. Non riusciva a vedere alcuna ripresa degli ordini in arrivo.

Di recente, le azioni BASF sono scese dell’1,04% a 47.425 euro tramite XETRA.

/dove/DP/es

LUDWIGSHAFEN (dpa-AFX)

Prodotti a leva selezionati su BASFCon i knockout, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Basta scegliere l’argano che desideri e ti mostreremo i giusti prodotti aperti BASF

La leva dovrebbe essere compresa tra 2 e 20

Non ci sono dati

Altre notizie su BASF

Fonti immagini: BASF