Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Protezione della batteria della bicicletta elettrica: come ritardare l’usura della batteria della bicicletta

Le batterie delle e-bike sono costose e invecchiano nel tempo. È necessario un trattamento adeguato per garantire che duri il più a lungo possibile. La gamma può anche essere influenzata positivamente da suggerimenti e trucchi.

Diffusore di alimentazione, presa multipla, barra di alimentazione, bricchette – come la chiamiate: la batteria è il cuore del pedale. Il motore non funzionerà senza il suo succo. È anche il componente più costoso di una bici elettrica. Solo per questo motivo, è meglio trattarlo bene in modo da mantenere a lungo le celle di stoccaggio.

Disegni e punti di contatto

Batteria ed e-bike alla moda? Non molto. Solo pochi anni fa, la batteria Pedelec era solitamente fissata al portapacchi. Questa è una soluzione invisibile che si trova raramente oggi. Ora è comune che le batterie siano alloggiate nel triangolo del telaio o nel telaio stesso con un baricentro appropriato. Si trovano sul tubo del telaio o sono parzialmente o completamente integrati nel tubo.

Se la batteria scompare completamente nel telaio, è perfettamente protetta contro scheggiature, sporco e umidità e anche contro i furti, afferma Thomas Geisler del servizio stampa. “Alcune soluzioni integrate presentano lo svantaggio che di solito la ricarica è possibile solo sulla stessa e-bike.” Spesso l’intera bici deve essere spostata nella presa perché la batteria non è più destinata alla rimozione quotidiana.

In passato sulle e-bike venivano installate anche batterie a base di nichel. Lo standard oggi sono le batterie agli ioni di litio con una densità di energia relativamente alta. Ciò significa: puoi immagazzinare più energia con un peso morto relativamente basso. “Rispetto ad altre tecnologie di batterie, le batterie agli ioni di litio hanno una lunga durata e una bassa autoscarica”, afferma Tamara Winograd, addetto stampa di Bosch E-Bike Systems. Insieme a Shimano, Yamaha, Panasonic, Mahle e Brose, la divisione del gruppo è uno dei produttori più popolari di componenti per e-bike.

capacità e portata

Il numero base più importante per l’uso quotidiano è misurato in wattora, abbreviato in watt. Il contenuto di energia con una carica completa, spesso chiamato capacità, è espresso in Wh. Le batterie con capacità che vanno da 400 watt a 750 watt all’ora sono comuni sul mercato.

Quanto lontano puoi arrivare con una singola carica della batteria? Una domanda “per la quale non si può dare una risposta generale”, dice Winograd. Questo dipende da criteri diversi. Il peso del passeggero, del bagaglio o la pressione dei pneumatici influiscono sul consumo di energia, così come la posizione di appoggio selezionata, il funzionamento frequente, il motore e la batteria stessa.

READ  Primark: la catena di moda chiude le sue filiali - queste città tedesche colpite

“Anche i fattori ambientali come la temperatura, le condizioni del vento, il suolo e la topografia svolgono un ruolo”, afferma Winograd. L’arrampicata su terreni accidentati richiede più energia rispetto alle parti pianeggianti su strade asfaltate. “Quindi è possibile utilizzare da meno di 20 a più di 100 chilometri con una singola carica della batteria”. Se hai a bordo una doppia batteria, puoi percorrere più di 200 chilometri.

Secondo l’ADAC, anche una scarsa manutenzione può ridurre la portata. Ad esempio, quando una catena trascurata provoca inutili perdite di attrito. Se cerchi nel web sotto “Range Calculator” e “E-bike” troverai gli strumenti giusti per determinare i singoli valori. C’è una differenza fondamentale rispetto alle auto elettriche: “Se la batteria è completamente scarica durante la guida, puoi comunque pedalare con forza muscolare”, secondo l’ADAC.

Caricamento e stoccaggio

Le batterie delle e-bike vengono caricate in una presa domestica. Il tempo necessario per la ricarica completa dipende dalla capacità della batteria e dal caricabatterie utilizzato. Di conseguenza, potrebbero essere necessarie dalle due alle sei ore prima che il livello di carica raggiunga il 100%.

Per inciso, l’effetto memoria precedentemente temuto, in cui si verifica una scarica parziale ripetuta a scapito della capacità, non si verifica più con le batterie agli ioni di litio, afferma l’esperto di biciclette Dekra Jochen Hoff. Quindi puoi collegare la batteria quanto vuoi.

Tuttavia, non è consigliabile lasciarlo sul caricabatterie per diversi giorni a causa del rischio di incendi ed esplosioni, anche se i sistemi di gestione della batteria integrati hanno lo scopo di proteggere la batteria dal sovraccarico durante la carica. I ciclisti di e-bike devono utilizzare solo il caricabatterie originale per la ricarica, altrimenti la garanzia e le richieste di garanzia decadranno e l’articolo potrebbe essere danneggiato.

Poiché si verificano occasionali incendi della batteria, gli esperti consigliano di monitorare il processo di ricarica. Dekra consiglia di caricare la batteria su una superficie con pietre o piastrelle. Un luogo riparato fuori casa o appartamento è l’ideale.

Caldo e freddo: non piace nemmeno alla batteria

La protezione è necessaria anche in piena estate: nonostante gli elevati standard di sicurezza per le batterie delle e-bike, l’esperto Dekra Hof avverte dell’effetto del caldo eccessivo, ad esempio se la bici viene parcheggiata davanti alla piscina sotto il sole cocente per ore nella calura estiva. “Quindi è meglio stare all’ombra o rimuovere la batteria.” Ma anche in giornate non troppo calde, anche in autunno e in inverno, la luce solare diretta può riscaldare le batterie – e quindi dovrebbero essere evitate.

READ  Il sentimento si è calmato a Wall Street e i titoli tecnologici sono chiaramente sotto pressione

Lily Eckstein del produttore di componenti per e-bike Brose spiega cosa potrebbe accadere: il calore estremo può aumentare la resistenza interna della batteria. Ciò significa: convertire più energia in calore nelle celle della batteria. “Il motore manca di questa potenza e smorza le prestazioni della e-bike”, afferma Eckstein.

Coperture per l’estate e l’inverno

In estate è possibile proteggere la batteria dal calore con apposite coperture o con proprietà riflettenti. Perché le batterie si sentono più a proprio agio tra 5 e 25 gradi. Anche il freddo pungente non va bene. Secondo Decra, la batteria funziona in modo più efficiente in inverno se è protetta dal freddo con una copertura in neoprene, ad esempio. Quindi mantiene meglio la temperatura di esercizio ottimale, il che è importante, perché una negativa costa chilometri di autonomia.

L’ADAC consiglia: “A temperature inferiori allo zero, la batteria deve essere rimossa in piedi e conservata in una stanza a temperatura ambiente per evitare danni”. Anche la ricarica al freddo non fa bene alla batteria. È meglio aspettare fino a temperatura ambiente. Secondo l’Associazione tedesca dei rivenditori di apparecchiature elettriche e informatiche (ZVEH), ci vogliono circa dieci minuti. Questo vale anche per una batteria calda in estate.

Pompare la batteria correttamente

Se la batteria della pedelec non viene utilizzata per un periodo di tempo più lungo, è meglio conservarla a temperatura ambiente in un ambiente asciutto e proteggerla dalla luce solare diretta. Expert Dekra Hof consiglia un livello di carica ottimale dal 30 al 60 percento per proteggere la memoria dall’usura.

ADAC sta per modalità di sospensione in cui è possibile posizionare alcuni modelli di batteria. Quindi non ci sono problemi a conservarlo fino a sei mesi.

Manutenzione e durata

Come per tutti i componenti elettronici, lo stesso vale per la batteria: idropulitrici e detergenti aggressivi sono tabù. Invece, un portavoce di Bosch Winograd consiglia di pulire la batteria di tanto in tanto con un panno umido. Il modo migliore per spolverare i connettori della batteria e della bici è con un panno asciutto. A volte ha solo bisogno di essere unto un po’.

READ  Globus ha segnato in "Hall of Shame": così reagisce la catena di supermercati

I produttori di batterie per bici elettriche promettono tra 500 e 1.000 cicli di carica. Il ciclo di carica corrisponde alla carica completa dell’intera capacità e può quindi essere suddiviso in più cariche parziali. Secondo le stime del produttore, ciò corrisponde a tre o cinque anni di utilizzo o un chilometraggio totale compreso tra 25.000 e 100.000 km.

Utilizzabile – ma con perdite

“Ma ciò non significa che la batteria sia più difettosa”, afferma Thomas Geisler. Ha ancora una resa di circa il 70 percento rispetto ai modelli più recenti. Tuttavia, si degrada più velocemente e deve essere ricaricato più spesso.

Se la batteria è difettosa – la causa può essere la caduta o la conservazione prolungata sotto il sole cocente – i produttori consigliano vivamente di non aprirla da soli per motivi di sicurezza. “I componenti delle celle delle batterie agli ioni di litio sono essenzialmente infiammabili in determinate condizioni”, afferma il manuale di Bosch. Inoltre, qualsiasi garanzia e richiesta di garanzia scadrà.

Se la batteria è esaurita, la sostituzione è costosa. L’agente specializzato può leggere lo stato utilizzando il dispositivo diagnostico. A seconda della capacità e del modello, una parte nuova può costare fino a 1.000 euro.

Le preziose materie prime dovrebbero essere riciclate

Il rivenditore autorizzato è responsabile dello smaltimento della vecchia batteria e di solito collabora con l’organizzazione Common Battery Return System (GRS). Secondo il servizio stampa Fahrrad, quando una e-bike viene venduta, una quota va a GRS per lo smaltimento e il riciclaggio delle batterie. Le batterie non utilizzate vengono ritirate dal commerciante.

I materiali di pregio nel sistema di accumulo dell’energia elettrica devono essere reimmessi nel ciclo delle materie prime. Bosch sottolinea: “A seconda del processo di riciclaggio, oltre l’80% delle preziose materie prime può essere recuperato e riutilizzato”.

(Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta mercoledì 13 luglio 2022.)