Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

CureVac vs. BioNTech: Pioneer o Bad Loser?

Stato: 14/07/2022 08:12

CureVac una volta era considerato un faro di speranza, ma BioNTech ha vinto la corsa per un vaccino mRNA contro Covid-19. CureVac sta ora accusando il concorrente di violazione di brevetto. Cosa c’è dietro?

Scritto da Cecilia Knudt e Thomas Denzel, SWR

All’inizio dello sviluppo del vaccino contro il Covid-19, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha mostrato grande interesse nel portare la società di ricerca tedesca CureVac negli Stati Uniti. Ma non ne è venuto fuori nulla: l’Unione Europea è intervenuta e lo Stato tedesco è diventato il principale contributore.

Ma il vaccino mRNA di CureVac non si è rivelato la storia di successo sperata. Il candidato vaccino originale ha fallito nell’ultimo studio clinico, in un momento in cui prodotti simili di BioNTech e Moderna sono stati vaccinati da tempo in tutto il mondo. L’azienda biotecnologica Tübingen sta ancora cercando di entrare nel mercato dei vaccini contro il coronavirus. Secondo CureVac, ha intentato una causa per violazione di brevetto contro BioNTech presso il tribunale distrettuale di Dusseldorf.

Equo riconoscimento della proprietà intellettuale

Tübingen è interessata alla proprietà intellettuale di quattro brevetti che sono stati violati. Si occupa della costruzione e produzione delle sequenze di RNA messaggero richieste per i vaccini. “Vediamo chiaramente il contributo di CureVac, che ha permesso di immettere sul mercato il vaccino BioNTech molto rapidamente. Vogliamo che il nostro contributo sia equamente riconosciuto”, spiega Sarah Fakih, portavoce di CureVac. BioNTech ha risposto alle accuse con una dichiarazione scritta: “BioNTech rispetta i diritti di proprietà intellettuale. Il lavoro di BioNTech è originale e lo difenderemo vigorosamente da tutte le accuse di violazione di brevetto”.

READ  Grande potenziale: confronto BYD vs Tesla: perché i cinesi stanno plasmando la Terra | newsletter

All’inizio della pandemia, le due società biotecnologiche tedesche erano una sorta di concorrente silenzioso nella competizione globale per un vaccino. C’era una specie di tregua. A dicembre 2020 è stato finalmente approvato il vaccino BioNTech.

Perché CureVac fa causa adesso? “Al culmine dell’epidemia non pensavamo di sollevare la questione. Campagne vaccinali globali, vaccinazioni di richiamo: non volevamo essere coinvolti in queste misure. Ora che l’epidemia è meglio controllata, non hanno intenzione di prevenire o rendere più difficile l’accesso al vaccino.

Si tratta di soldi e “hey, siamo ancora qui”

Quindi cosa dovrebbe essere CureVac? Manuel Kunst è un consulente in brevetti e titolare di un dottorato di ricerca in Biochimica a Friburgo. Ascolta la causa: “Vogliono un pezzo della torta. CureVac ha bisogno di soldi. Ci sono altri prodotti in cantiere, ad esempio vaccini contro il cancro, e stanno anche lavorando su vaccini secondari contro COVID-19 – prova a venire” sul mercato e offerta: “Ehi, siamo ancora qui anche noi”.

Un tempo faro di speranza per il governo federale, CureVac è emerso dalla pandemia come un perdente. Non ha ancora rilasciato un prodotto. Mentre BioNTech genera miliardi di dollari di profitti e nel solo primo trimestre del 2022 è triplicato rispetto all’anno precedente, CureVac continua a subire perdite: 412 milioni di euro l’anno scorso prima delle tasse. Eventuali danni o pagamenti di licenze possono garantire la sopravvivenza di CureVac. L’azienda con sede a Tubinga non ha rivelato quanto in alto CureVac si aspetta la “giusta ricompensa” richiesta.

rete dei brevetti

Nella ricerca sui farmaci, è comune proteggere le proprie scoperte nelle primissime fasi della ricerca e anche prima che inizino le sperimentazioni. Il co-fondatore di Curevac Ingmar Hörr ha brevettato la prima tecnologia di innesto di mRNA nel 1999, un anno prima della fondazione dell’azienda. Rolf Homke della Research-Based Pharmaceutical Manufacturers Association (VFA) osserva che le controversie sui brevetti sono aumentate negli ultimi anni: “Non perché le aziende siano diventate più aggressive, ma perché le molecole o i processi coinvolti sono diventati sempre più complessi. E questo è spesso difficile da giudicare. Dove scade un brevetto e ne inizia un altro.

READ  Aumento ogni anno: azione Allianz: Allianz promette agli azionisti una crescita dei dividendi | newsletter

Sono già in corso diverse controversie sui brevetti riguardanti vaccini mRNA approvati contro Covid-19. L’avvocato Kunst parla di una vera e propria rete di domande di brevetto. Il produttore farmaceutico statunitense Alnylam, che utilizza la tecnologia mRNA per curare le malattie, ha citato in giudizio BioNTech e Moderna per danni. Quindi CureVac non è il primo a caricare.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, le controversie sui brevetti nell’industria farmaceutica si sono concluse con accordi stragiudiziali. Questo non può essere escluso nemmeno nel caso di CureVac vs. BioNTech. Ad ogni modo, CureVac ha già ottenuto una cosa: l’azienda sta ricominciando a parlare.