Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non ho emesso fattura”: i pagamenti in contanti sono ancora diffusi in Italia

Il pagamento in contanti è spesso denaro nero in Italia. Quindi, il limite massimo è di 2000 euro. Anche se questo non ha portato molto, il nuovo governo vuole allentare ulteriormente il regolamento.

Ahimè, lo sciacquone è rotto e l’acqua zampilla. L’idraulico dovrebbe venire. Questo può costare molti nervi – da un lato, dovevi chiedergli in ginocchio di venire presto, dall’altro, perché sei di nuovo di fronte a una decisione: “Insisto sul conto ora. La prossima volta lo farò rischio di doverne cercare uno nuovo, o devo pagare in contanti, cioè in nero?” Per sicurezza prelevo 200 euro. Ma è successo che un idraulico mi ha subito detto al telefono: “Sono un pensionato, lavoro un po’ di lato, non pago le bollette”. Alla fine, il modo migliore per risolvere il dilemma è il senso e la misura.

Il tutto è ancora peggio con gli specialisti che fanno visite domiciliari su pazienti anziani costretti a letto. Mio padre, che è già molto anziano, una volta me ne ha parlato: il medico ha chiesto 200 euro per la visita, e non ha nemmeno fatto il gesto di emettere fattura per il pagamento. Mi ha davvero fatto incazzare e la prossima volta che ci sono stato. Ecco, il dottore ha debitamente consegnato il conto. Nel frattempo, casi del genere sono diventati rari perché tutti possono detrarre automaticamente le spese mediche dalla dichiarazione dei redditi in base al codice fiscale.

Limite superiore – Perché l’Italia di tutti i luoghi?

Il governo italiano ha sempre lottato contro alti livelli di evasione fiscale. Secondo le stime, si tratta di circa 30 miliardi di euro. Ogni governo promette di porre fine a questi abusi. Così è il governo di centrodestra ora in carica. I primi annunci sono stati di allentamento delle misure di controllo.

READ  Rapporto di guida Maserati Grecale: Aria fresca dall'Italia

Uno degli strumenti introdotti negli ultimi anni per colmare le lacune fiscali in Italia è la fissazione di un limite di importo per i pagamenti in contanti. Attualmente 2000 euro. Tutti gli scoperti devono essere pagati tramite bonifico bancario in modo che possano essere rintracciati. Ma pochi giorni dopo il suo insediamento, Matteo Salvini, vicepremier e capo della Lega Nazional-populista, ha chiesto che venisse portato a 10mila euro.

L’opposizione si è opposta, sottolineando che avrebbe concesso anche alla criminalità organizzata una licenza per riciclare denaro. Salvini ha risposto che Germania, Austria e Svezia non avevano tale limite massimo e che, per quanto riguardava la mafia, le somme erano comunque molto più alte.

Kenneth Rogoff, economista di Harvard ed ex capo del Fondo monetario internazionale, ha espresso scetticismo sul piano. Nella sua intervista al quotidiano “La Repubblica”, ha sottolineato che un limite di contanti più alto incoraggerebbe i pagamenti illegali. E rispetto ad Austria, Germania e Svezia: “Questi paesi hanno un regime fiscale specifico, quindi non c’è limite massimo”. Anche i partner della coalizione di Salvini vedono un rischio in questo, motivo per cui hanno finalmente concordato un tetto massimo di oltre 5.000 euro.

Un cliente sensibile

Novella ha circa 30 anni e ha un negozio di frutta e verdura dove mi piace fare la spesa. Non porta altro che prodotti “brutti ma buoni”. Le chiedo cosa pensa della richiesta di Salvini: “Niente. E mi piace pagare con la carta o l’app, per esempio. Non devo andare in banca tutti i giorni per depositare i soldi”. E sempre più persone non pagano più in contanti, bastano pochi euro.

READ  L'asilo nido era tutto incentrato su Bella Italia

Ma un’altra cosa è interessante, dice Novella: “Siamo obbligati a dare scontrino. Succede ancora che i clienti che pagano in contanti dicano: ‘Non mi serve, stai risparmiando le tasse’. Mi stupisco sempre , e gli do comunque una ricevuta.”

Un altro esempio: un grafico freelance non si guadagna un amico, buono o cattivo che sia. Ciò significa che deve fare attenzione alle spese. Tuttavia, odia le pulizie perché fornisce una donna delle pulizie per il suo appartamento di due stanze una volta alla settimana. “Come la paghi?” Sto chiedendo. “In contanti, nerissima”, risponde e aggiunge: “Posso pagarle 10 euro l’ora, non posso farne di più. Le ho detto che posso iscriverla e pagare i contributi sociali. Poi la rete sarà meno . , Certo, mi ha dato un “I 120 euro al mese non hanno senso”.

Esca senza contanti

I pagamenti senza contanti stanno diventando sempre più popolari…

(Foto: IMAGO/Shotshop)

Dall’8 dicembre 2020 al 31 giugno 2021 è stata lanciata un’iniziativa pro-cliente per rendere i pagamenti cashless attraenti per gli italiani e allo stesso tempo combattere i pagamenti in denaro nero. Chi paga 50 acquisti con la carta in questo periodo riceverà un rimborso massimo di 150€. Il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi ha annullato la mossa, che sarebbe costata allo Stato quasi 900 milioni di euro. Il denaro deve essere utilizzato in modo più efficace e i premi vanno a vantaggio del nord benestante più del sud del paese.

Il contante resta la forma di pagamento più comune, ma sempre più italiani stanno scoprendo i vantaggi di altri strumenti, secondo uno studio dell’Università di Scienze Applicate Polimi di Milano. Nei primi sei mesi di quest’anno, il valore dei pagamenti tramite questi è aumentato del ventidue per cento rispetto allo stesso periodo del 2021. Dal 1 giugno 2022 tutti i negozi e fornitori di servizi devono accettare pagamenti con carta, anche se sono in un euro. Chi rifiuta è multato di trenta euro e del quattro per cento del valore della cambiale.

READ  Brochure Società Aste Brigate Rosse Romane - Panorama

Ma le abitudini sono difficili da rompere: i contanti sono ancora un metodo di pagamento collaudato. E così succede ancora e ancora, al bar, quando si paga in contanti un espresso, il cassiere esita un po’, e la ricevuta viene stampata solo quando il cliente insiste. Certo, è solo circa 1,10 euro – ma si sa, gli italiani sono grandi bevitori di caffè.