Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Meglio della geoingegneria?: Le balene possono aiutare a combattere il cambiamento climatico

Meglio della geoingegneria?
Le balene possono aiutare a combattere il cambiamento climatico

Avere troppa anidride carbonica nell’atmosfera provoca il riscaldamento globale. Ora un gruppo di ricerca offre una soluzione semplice: proteggere le balene può essere un modo efficace per ridurre i gas serra. Ciò ha a che fare con l’enorme appetito dei giganteschi mammiferi marini.

Le balenottere azzurre, le balenottere comuni e i capodogli sono tra le creature più grandi della Terra. I giganti, che pesano diverse tonnellate, possono aiutare a combattere il cambiamento climatico, scrive un team di ricercatori americani sulla rivista specializzata. Tendenze in ecologia ed evoluzione.. Le balene immagazzinavano carbonio mentre si nutrivano e crescevano e lo trasportavano nelle profondità marine quando i loro corpi affondavano dopo la morte. Il potenziale contributo alla protezione del clima integra le numerose ragioni ecologiche, culturali ed etiche che esistono per la conservazione degli stock di balene.

Nel loro contributo, i ricercatori guidati da Heidi Pearson dell’Università dell’Alaska Southeast spiegano il ruolo che le grandi balene oceaniche svolgono per il ciclo del carbonio terrestre. Le balene mangiano fino al quattro percento della loro massa corporea sotto forma di crostacei e plancton, ogni singolo giorno. Immagazzinano il carbonio che costituisce la maggior parte del loro cibo nella loro biomassa. D’altra parte, le loro secrezioni ricche di nutrienti favoriscono la crescita del fitoplancton, che a sua volta intrappola l’anidride carbonica dall’atmosfera.

A causa delle loro dimensioni e longevità, le balene immagazzinano carbonio in modo più efficace rispetto ai piccoli animali, consumano grandi quantità di prede e producono grandi quantità di rifiuti. “Dato che le balene hanno alcune delle migrazioni più lunghe del pianeta, possono influenzare le dinamiche dei nutrienti e il ciclo del carbonio attraverso i bacini oceanici”. Con la caccia industriale alle balene e la riduzione di molte popolazioni di balene, hanno scritto i ricercatori, la quantità di carbonio immagazzinata negli animali è diminuita.

Gli autori non possono dire con certezza se le misure per proteggere e ripristinare gli stock potrebbero effettivamente essere una soluzione basata sulla natura nella lotta al cambiamento climatico. Ci sono ancora troppo pochi dati e troppe incertezze per stimare quantitativamente il potenziale. Ma: “L’amplificazione naturale degli stock di carbonio oceanici attraverso la protezione delle balene potrebbe essere un’efficace strategia di rimozione dell’anidride carbonica con un rischio inferiore, una maggiore durata e una maggiore efficienza rispetto alle soluzioni di geoingegneria, come l’iniezione diretta di carbonio nell’interno dell’oceano”.

READ  Marte: una sonda spaziale fa un'incredibile scoperta: tonnellate di acqua sotto il "Grand Canyon"