Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Maurer sulla ricerca sulla Stazione Spaziale Internazionale: organi donati dallo spazio

Stato: 11/11/2022 06:42

Esattamente un anno fa, l’astronauta Maurer è volato alla Stazione Spaziale Internazionale. Durante i sei mesi nello spazio, ha condotto diversi esperimenti scientifici. In un’intervista, ha parlato della ricerca sul cancro nello spazio e del motivo per cui il viaggio su Marte è così complicato.

tagesschau.de: Molti esperimenti scientifici sono condotti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Anche gli astronauti stessi sono oggetto di ricerca, perché l’assenza di gravità può avere gravi conseguenze per il corpo umano. Come stai da quando sei tornato circa sei mesi fa, come sono cambiate le tue ossa, muscoli, organi e vasi sanguigni?

Matteo Maurer: C’è un’ipotesi che il volo spaziale possa far invecchiare i vasi sanguigni fino a venti volte. Naturalmente all’inizio pensi: Oh, vorrei che tu non fossi con me. I risultati preliminari hanno mostrato che spero di essere fuori da questa ipotesi, o forse anche in grado di smentire l’ipotesi.

Perché i dottori hanno detto: i tuoi vasi sanguigni sono in cima all’ordine. Non vedere la vecchiaia. I medici di volo sono stati quelli che mi hanno controllato. Ma allo stesso tempo, ovviamente, questo set di dati fa parte di un pacchetto completo e questo pacchetto completo è ancora in fase di valutazione.

Cellule tumorali 3D grazie a gravità zero

tagesschau.de: La tua ricerca sulla Stazione Spaziale Internazionale dovrebbe anche portare benefici medici molto specifici alle persone sulla Terra. Puoi farci degli esempi?

Costruzione: Abbiamo una società che invecchia, molte persone muoiono di malattie cardiovascolari o di cancro. Conduciamo ricerche in entrambe le aree sulla Stazione Spaziale Internazionale. Facciamo molte ricerche sul cancro qui sulla Terra per trovare nuovi farmaci che poi uccidano le cellule tumorali. Ma queste cellule cancerose sul terreno sono per lo più compresse in una capsula di Petri. Non sono perfettamente 3D come nel corpo umano.

Ora, da un lato, possiamo dire che facciamo molti test sugli animali, il che penso sia davvero negativo. Oppure voliamo – che penso sia meglio – queste cellule tumorali nello spazio. Lì crescono perfettamente in 3D a causa dell’assenza di gravità e quindi possiamo testare i farmaci lì. Questo è un grande approccio che la NASA sta adottando.

READ  I casi di corona salgono a oltre 1.000 dopo l'Oktoberfest, specialmente intorno a Monaco

tagesschau.de: In che modo le persone possono trarne vantaggio in particolare?

Costruzione: Uno sguardo al futuro: molte persone con danni ai reni si affidano al dispositivo per la pulizia del sangue più e più volte. L’unica soluzione è trovare un membro donatore. Ma non ci sono abbastanza organi donatori. Ora c’è un approccio alla crescita degli organi nello spazio. Il muscolo cardiaco al piano di sopra era cresciuto e aveva iniziato a battere. Finora, questi sono stati esercizi molto, molto piccoli. Ma la visione qui è che, a lungo termine, potremmo essere effettivamente in grado di far crescere organi nello spazio.

Acqua: un bene raro nello spazio

tagesschau.de: Sulla Stazione Spaziale Internazionale, acquisirai anche un’esperienza permanente nei sistemi autosufficienti sulla Luna o su Marte. La risorsa idrica è menzionata più e più volte. Quanto sei lì?

Costruzione: L’acqua che usiamo sulla stazione spaziale è la stessa che usò Alexander Gerst nelle sue missioni quattro e otto anni fa. Viene sempre riciclato e rinnovato. Al momento non abbiamo un tasso di riciclaggio del 100%, ma abbiamo un 91%. Significa che siamo molto, molto bravi, ma stiamo ancora perdendo acqua. Certo, non è abbastanza per fare un viaggio su Marte se stai perdendo il 9% di acqua, è troppo.

E ovviamente possiamo trasferire questa tecnologia direttamente alle applicazioni a terra. L’acqua che avevamo al piano di sopra per l’igiene quotidiana era di 200 ml. Ci è stato detto: non puoi superarlo in ogni doccia. Questo viene quindi strofinato e restituito all’asciugamano. Puoi appendere l’asciugamano e quindi l’acqua viene nuovamente assorbita dalla circolazione dell’aria, cioè attraverso il condizionatore d’aria.

La stessa cosa accade con il sudore, che viene anch’esso assorbito di nuovo, e anche la nostra urina passa attraverso il sistema, filtrata, pulita e poi nuovamente preparata per l’acqua potabile.

Missione su Marte con enormi sfide

tagesschau.de: Quando si viaggia su Marte, la perdita d’acqua non sarà l’unico problema. Le radiazioni spaziali da sole sarebbero troppo elevate per gli astronauti. Ci sono soluzioni ora?

Costruzione: Ci sono diversi modi, alcuni dei quali sono ancora fantascienza ovviamente. Il primo è far volare l’astronave più velocemente in modo da non aver bisogno di sei mesi per volare e poi di sei mesi per tornare indietro. Avrà bisogno di un motore più veloce per quello. I motori nucleari sono in fase di ricerca qui, il che potrebbe accelerare notevolmente il volo.

READ  In questo modo si evitano danni ai vasi sanguigni, agli organi e alle articolazioni

La seconda possibilità è: possiamo provare a proteggere di più l’astronave. L’involucro di piombo può andare bene, ma ovviamente non è nemmeno perfetto, perché i proiettili sono molto pesanti. Ma puoi anche dire: creiamo un campo magnetico attorno alla nostra navicella spaziale, simile a quello che si trova sulla Terra. E anche questa è ancora un po’ un’utopia.

Una terza possibilità potrebbe essere quella di proteggere meglio gli astronauti dalle radiazioni, ad esempio mettendoli in una sorta di letargo, sia con i farmaci che con il raffreddamento. Con una temperatura corporea più bassa, il danno da radiazioni è minore. E poi non avremmo nemmeno bisogno della stessa quantità di risorse: meno aria da respirare, meno acqua potabile e, ovviamente, meno cibo.

tagesschau.de: E la psicologia degli astronauti? Tu stesso hai appena completato sei mesi di isolamento sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Costruzione: Sì, il problema principale, ovviamente, sarà la psicologia. Devi immaginare che un tale veicolo spaziale che vola verso Marte sia molto più piccolo della Stazione Spaziale Internazionale. Sulla Stazione Spaziale Internazionale siamo piuttosto impegnati e sempre attivi nella ricerca. Durante un viaggio su Marte, non siamo stati in grado di fare molti degli esperimenti che facciamo durante il volo. Non avrai spazio e non possiamo portare il peso con noi. Ciò significa che ci saranno molti tempi di inattività per gli astronauti.

E quando guardi fuori dalla finestra, alla fine perdi terreno. Vedi solo nero. Penso che sarebbe un peso per gli astronauti: perdere di vista la casa e vedere solo il nero fuori. Pertanto, le dinamiche di gruppo e la cura psicologica degli astronauti, inclusa la selezione degli astronauti, dovrebbero essere più intense.

I turisti della Stazione Spaziale Internazionale lasciano la “strada della distruzione”

tagesschau.de: Sono mai passato davanti alla Stazione Spaziale Internazionale quando ho pensato: è una buona cosa che ho ricevuto un aiuto psicologico sulla Terra che sto usando ora?

READ  Corona in SH: il tasso di infezione è ora a 737,3 | NDR.de - Notizie - Schleswig-Holstein

Costruzione: C’era già un giorno che non mi piaceva molto. Quando i turisti – l’investitore immobiliare americano Larry Connor, l’imprenditore canadese Mark Bathy, l’uomo d’affari israeliano Eitan Stipe e l’ex astronauta della NASA Michael Lopez Alegria – hanno raggiunto la vetta, lasciando dietro di sé una scia di distruzione. Stavano sbattendo oggetti contro i muri mentre volavano, quindi non di proposito, ma ovviamente all’inizio erano piuttosto goffi. Volevano fare così tanto, ma non potevano perché avevano completamente oltrepassato i loro limiti ed erano diventati dipendenti dal nostro aiuto.

Ma allo stesso tempo hanno cercato di presentarsi il più possibile, cioè di registrare video e trasmissioni in diretta. Poi hanno preso tutta l’attrezzatura possibile, l’hanno messa a punto nel modo in cui credevano che fosse giusta e l’hanno lasciata in posti dove non apparteneva, nel caso non fosse prevista. Poi ho avuto un giorno in cui ho detto: “Per favore, smettila di sabotare il mio lavoro”. In quel momento ho anche pensato: beh, è ​​un bene che fossi un po’ preparato psicologicamente.

tagesschau.de: In futuro, i turisti dovrebbero recarsi regolarmente alla Stazione Spaziale Internazionale. Qual è la tua conclusione su questo?

Costruzione: Quindi i turisti, o – dovrei dire correttamente – gli astronauti privati, questo è il termine ufficiale della NASA, sono già addestrati. Ma ovviamente in un breve corso di formazione. E tutti hanno i propri obiettivi. E con un addestramento rapido, ovviamente, non puoi ottenere la stessa qualità di adesso con gli astronauti professionisti. E quindi abbiamo dovuto mostrare loro molto, dare loro molto supporto e il nostro programma di lavoro è stato rallentato durante le circa due settimane in cui erano lì.

A lungo termine, la compagnia Axiom, che ha portato turisti, porterà le proprie unità sulla stazione spaziale. Poi le cose si calmano di nuovo. Quindi i turisti o gli astronauti privati ​​avrebbero lavorato nella loro parte della stazione spaziale, fatto ricerche e poi avrebbero avuto un bagno e una zona notte lì, nonché una piattaforma di osservazione da cui potevano guardare la Terra.