Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia sta ancora costruendo una nuova fabbrica di chip

Marchio dell’Intel

“Stiamo continuando i nostri negoziati con l’Italia per un impianto di produzione all’avanguardia”, ha dichiarato venerdì la società statunitense.

(Foto: foto imago/UPI)

Stoccolma, Roma, Milano L’Italia ha ancora la possibilità di aggiudicarsi un contratto per un nuovo impianto di chip Intel. “Stiamo continuando i nostri negoziati con l’Italia per un impianto di produzione all’avanguardia”, ha dichiarato venerdì la società statunitense. Il capo dell’azienda Pat Kelsinger aveva precedentemente identificato l’Italia come potenziale ubicazione per uno stabilimento in un’intervista a un giornale.

Intel vuole investire un totale di 80 miliardi di euro in Europa, compresa una fabbrica a Magdeburgo, la cui costruzione è stata ritardata. Lì, la società sta ancora negoziando con il governo centrale sull’ammontare dei sussidi.

Le regioni settentrionali del Piemonte e del Veneto sono attualmente al vaglio di Roma per un progetto su larga scala. L’ufficio di Draghi e Intel hanno rifiutato di commentare.

A marzo, fonti hanno riferito a Reuters che Roma era disposta a finanziare fino al 40% dell’investimento totale di Intel in Italia, che sarebbe aumentato nel tempo rispetto ai 5 miliardi di dollari originari. Tuttavia, l’importo finale dell’investimento e come l’Italia pagherà la sua quota non è ancora chiaro. La Roma è in trattative anche con i produttori di chip STMicroelectronicsMEMC Electronic Materials Inc e DSMC e Tower Semiconductor, acquisita da Intel.

Compiti principali della giornata

Trova subito i lavori migliori
Verrà avvisato tramite e-mail.

Intel vuole investire un totale di 80 miliardi di euro in Europa, compresa una fabbrica a Magdeburgo, la cui costruzione è stata ritardata. Lì, la società sta ancora negoziando con il governo centrale sull’ammontare dei sussidi. La Commissione Europea ha stanziato 15 miliardi di euro per progetti di semiconduttori pubblici e privati ​​entro il 2030 nell’ambito del cosiddetto CHIPS Act. Il governo di Roma ha stanziato 4,15 miliardi di euro per il periodo fino al 2030.

Ulteriore: Intel impegnata a Magdeburgo: i costi energetici sono “un grosso problema”

READ  La barca di Putin "Scheherazade" è minacciata di confisca in Italia