Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inflazione raggiunge livelli record: la Banca centrale europea oscilla nel club dei tassi di interesse

Inflazione da record
La Banca centrale europea oscilla nel club dei tassi di interesse

Di Jan Ginger

L’Eurozona sta registrando un’elevata inflazione mentre l’economia si sta indebolendo. Quindi la Banca Centrale Europea è nei guai e si sente obbligata a continuare ad aumentare drasticamente i tassi di interesse.

La Banca centrale europea sta seguendo l’esempio e continuerà ad aumentare drasticamente i tassi di interesse. È stato convenuto che aumenteranno il tasso di interesse chiave di un enorme 0,75 punti percentuali al 2% domani giovedì. Il motivo: l’eurozona sta vivendo una forte inflazione. A settembre, il livello generale dei prezzi è aumentato del 9,9 per cento, il valore più alto dalla creazione dell’euro. Al momento, le pressioni inflazionistiche non sembrano ancora attenuarsi.

La pressione per agire sulla Banca centrale europea e sul suo presidente, Christine Lagarde, è enorme per controllare l’inflazione. I prezzi elevati costringono molte persone a fare a meno delle cose nella vita di tutti i giorni. Secondo un sondaggio condotto dall’Associazione delle casse di risparmio tedesche e dall’Associazione Giro (DSGV), quasi il 60 percento dei consumatori ha già ridotto i propri consumi. Questo non è solo un problema per le persone direttamente interessate. È veleno per l’economia. Allo stesso tempo, le aziende sono costrette ad aumentare i prezzi a causa dell’aumento dei costi.

C’è anche il rischio che le aspettative nell’Eurozona di un’inflazione elevata siano permanenti. Se questo è il caso, la Banca centrale europea ha un grosso problema. Da un lato, questo può portare a una spirale salari-prezzi. I lavoratori quindi pagano attraverso enormi aumenti salariali in tutti i settori, supponendo che l’inflazione non tornerà a essere verde nel prossimo futuro. Le aziende alzano i prezzi per compensare. Di conseguenza, il livello generale dei prezzi continua a salire, il che porta al verificarsi di una reazione a catena.

Inoltre, molte persone tengono insieme i loro soldi in vista di importi sempre crescenti, anche se il loro potere d’acquisto è in costante calo. Secondo il DSGV, più della metà degli intervistati ha dichiarato che si limiterebbe più di prima.

“Colpisci l’economia con un martello”

La Banca centrale europea reagisce a questo con un aumento intermittente dei tassi. A luglio ha posto fine ad anni di politica dei tassi di interesse zero e ha sorprendentemente aumentato di mezzo punto percentuale i tassi di riferimento. E a settembre ha aggiunto un altro 0,75 punto percentuale, diventando così la mossa più grande della sua storia. Ora, con ogni probabilità, questo aumento dei tassi di interesse si ripeterà.

La Banca centrale europea non può fare nulla contro i principali motori dell’inflazione, perché il livello del tasso di interesse influisce sulla domanda, non sull’offerta. Tassi di interesse più alti non aggiustano le catene di approvvigionamento né rendono l’energia più economica. Secondo l’Istituto economico tedesco, più della metà del paniere di beni utilizzato per calcolare il tasso di inflazione è costituito da beni che risentono maggiormente del lato dell’offerta.

Gli alti tassi di interesse sono il modo principale per combattere l’inflazione. Garantiscono che i prestiti diventino più costosi e che il risparmio diventi più attraente. I consumatori consumano meno, le imprese investono di meno: questo porta a una minore domanda e frena l’andamento dei prezzi. “È un po’ come colpire l’intera economia con un martello (al rallentatore)”, afferma il think tank Department Future, descrivendo l’impatto dei tassi di interesse più elevati.

Nel frattempo, l’eurozona è già sulla via della recessione. “Dato l’intenso calo della produzione e l’ulteriore indebolimento della domanda, è probabile che la produzione economica nell’eurozona si contragga nel quarto trimestre del 2022”, ha affermato Chris Williamson, capo economista presso il fornitore di servizi finanziari S&P Global. Christoph Weil, economista di Commerzbank, ha un’opinione simile: la perdita di potere d’acquisto dovuta all’aumento dell’inflazione lascia segni di freno più profondi sui consumi privati. Il settore dei servizi, in particolare, lo sentirà in pieno vigore.

La Banca centrale europea, come appare attualmente, aumenterà ulteriormente i tassi di interesse a dicembre. L’unica domanda al momento è quanto sarà grande la mossa. Perché da diversi mesi l’inflazione nell’eurozona ha conosciuto una sola direzione: al rialzo.

READ  Prodotto popolare non sarà più presto nei negozi?