Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ascesa dei fascisti – Italia Ritorno a destra | Politica

Roma –
Nell’ottobre del 1922 i fascisti di Mussolini presero il potere in Italia, segnando uno dei capitoli più oscuri della storia. Esattamente 100 anni dopo, l’estrema destra torna al comando a Roma.

Il tempismo è terribile. Esattamente 100 anni dopo la presa del potere dei fascisti sotto il dittatore Benito Mussolini, l’estrema destra è tornata al potere in Italia. Era guidato da una donna di nome Giorgia Meloni, che definì Mussolini un “buon politico”. Con il secondo in comando del presidente del Senato dello stato Ignacio La Russa, ha foto e una statua di “Deuce” in soggiorno. Con alti funzionari che si definiscono orgogliosamente fascisti.

I gruppi partigiani che, insieme agli Alleati, hanno liberato il Paese dalla dittatura fascista in segno di protesta sono “molto preoccupati” per lo sviluppo. Non solo lei.

L’Italia ha dimenticato molto in un secolo. Il regno dei fascisti, iniziato con un piovoso e freddo colpo di stato del fine settimana negli ultimi giorni di ottobre 1922, è conservato come folclore e nostalgia da molti italiani. Il regno di Mussolini, come quello di Hitler, non è un male storico, ma solo un’epoca tra le tante.


Calcolo fallito

«Non abbiamo saldato i conti con il fascismo», ha criticato Gianfranco Miro Cori dell’Associazione partigiana Anbi. Non c’era equivalente del processo di Norimberga in Italia. Dal 1945, gli attivisti fascisti furono catturati dall’amministrazione, dai tribunali, dalle stazioni di polizia e dalle autorità del dopoguerra. Gli edifici fascisti sono ancora in piedi oggi. In Germania le tracce dei nazisti sono state rimosse dagli spazi pubblici dopo la fine della guerra – oggi a Roma i tifosi di calcio passano davanti a un obelisco con la scritta “Mussolini Dux” (Presidente Mussolini) diretti allo stadio Olimpico. Mussolini come generale a cavallo è ben visibile nel palazzo degli uffici.

READ  Oltre il 97 percento delle morti di cowboy era dovuto a malattie precedenti - RT DE




Mussolini si dipingeva così; E voleva ritrarre la sua presa del potere come eroica. Molto meno spettacolare fu la cosiddetta “Marcia su Roma”, che diede inizio al regime fascista tra il 27 e il 30 ottobre 1922.

Quando diversi delinquenti fascisti hanno occupato gli edifici del governo locale nel nord Italia il 27 ottobre, diverse migliaia di sostenitori di Mussolini si sono radunati sotto la pioggia fuori dalle porte di Roma per attaccare la capitale. Basta con le intimidazioni, la rapina non è mai avvenuta. Re Vittorio Emanuele III. Proibita l’azione militare contro i fascisti e nominò Mussolini capo del governo.

Treno notturno per Roma

Il capo fascista arrivò a Roma con il treno del mattino e della notte del 30 ottobre. In qualità di nuovo primo ministro, ha invitato decine di migliaia di suoi seguaci a nord e ad est di Roma a marciare sulla Città Eterna. Immediato un certo numero di esperimenti nelle istituzioni socialiste e comuniste. Il paese è stato trasformato in uno stato totalitario. Mussolini vinse le elezioni nel 1924 e due anni dopo gli altri partiti furono banditi.

Nato in circostanze modeste nel 1883, il “Deuce” ha governato la nazione mediterranea per quasi due decenni. I suoi servi diffondono paura e terrore; Membri dell’opposizione, minoranze ed ebrei furono perseguitati, emarginati e successivamente, durante la seconda guerra mondiale, deportati nei campi di concentramento e uccisi.

Dopo lo sbarco degli Alleati in Sicilia nel luglio 1943, Mussolini fu deposto e arrestato. Le truppe d’élite tedesche volevano liberare il dittatore e aiutare gli alleati nazisti a riprendere il potere. E ‘fallito. Il 28 aprile 1945 Mussolini fu fucilato dai partigiani mentre fuggiva e impiccato a testa in giù in un distributore di benzina in Piazzale Loreto a Milano.

READ  Cosa porta la vaccinazione obbligatoria all'assistenza sanitaria

Gloria oltre la morte

Ma la glorificazione del fascismo in Italia non si è conclusa con la morte. Lo si può vedere, ad esempio, nell’antica residenza di Mussolini, Forlì. Domenico Morosini vi allestì un piccolo museo privato. Il destrimano acquistò la vecchia villa di Mussolini e la riempì di fotografie, busti, abiti e cimeli. Sua moglie lo guida con orgoglio attraverso l’edificio, che è in gran parte fedele all’originale; Mussolini lo definì sempre il condottiero “il Duce”. I Morosini hanno trasformato l’ultimo piano in una “sala studio” e hanno dipinto sulle pareti slogan “Does”. Per l’anniversario, stanno pianificando alcuni eventi in loco.

A mezz’ora di macchina, molti degli estimatori di Mussolini visiteranno la sua città natale, Predappio, in occasione del centenario della “Marcia su Roma”. La cittadina è diventata un luogo di pellegrinaggio per i fan di Mussolini, fascisti e neonazisti, da casa e dall’estero. Al cimitero, puoi visitare la tomba di famiglia con la bara del dittatore e le persone si mettono in fila davanti all’ingresso tutto l’anno.

Si svolgono due cortei: venerdì prossimo, associazioni apartitiche celebrano l’anniversario della liberazione della città da parte degli Alleati nel 1944, che ironicamente cade anche il 28 ottobre in queste giornate autunnali. Due giorni dopo, i nostalgici ricordano la “Marcia su Roma”.

I negozi di souvenir sulla strada principale di Pretapio sono caratteristici. Lì puoi acquistare bandiere, magliette, tutine per bambini, stoviglie e altri souvenir stampati con slogan fascisti, svastiche o rune delle SS. Anche le statue di Hitler e Mussolini sono allineate sugli scaffali.

Uno stretto confidente è Melonis

Una statua simile è stata mostrata ai giornalisti nella sua stanza quattro anni fa dal senatore Ignacio La Russa come parte della sua collezione privata di cimeli di Mussolini. Di recente è stato eletto Presidente della Camera Bassa del Parlamento, creando la seconda carica più alta della repubblica secondo la costituzione. In campagna elettorale affermò che tutti gli italiani erano “successori del Duce”. È uno dei confidenti più stretti di Meloni nei Fratelli d’Italia di estrema destra: la sua facciata del partito porta una fiamma che ricorda la tomba di Mussolini. Meloni ha recentemente insistito dicendo di esserne “orgoglioso”.

READ  L'aeroporto di Dortmund ora vola verso la destinazione dei sogni di lunga data dell'Italia

Nella sua prima dichiarazione del governo martedì, ha affermato di “non aver mai provato simpatia o affinità per i regimi antidemocratici. Nessun regime, nemmeno il fascismo”. Le leggi razziali fasciste, in base alle quali gli ebrei del Paese erano perseguitati, perseguitati e infine deportati , “sarà sempre un punto basso nella storia italiana, un peccato che segnerà per sempre il nostro popolo”. “Pensò.

Ma anche un secolo dopo l’ascesa al potere di Mussolini, il capitolo oscuro non è stato affrontato. Quando c’è stata una recente polemica sulla rimozione delle fotografie di Mussolini dalle gallerie ancestrali del ministero, La Russa si è lamentata: “Cancella la cultura”. L’Italia dimostra che anche 100 anni dopo il 1922, il fascismo non scomparirà, anzi.