Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’economia Voodoo Lagarde

Non c’è quasi nulla che agli investitori non piaccia tanto quanto l’incertezza. Ed è rimasto al di sopra dei mercati obbligazionari e azionari da quando il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha già annunciato di voler inasprire la politica monetaria, ma non quando e di quanto. Dal 15 dicembre, gli investitori non devono più aspettare e scervellarsi. In primo luogo, Powell ha annunciato un taglio più rapido degli acquisti di obbligazioni federali, che ora dovrebbero scendere di 30 miliardi di euro al mese invece dei 15 miliardi di euro precedentemente annunciati. Il programma di acquisto della Fed terminerà nella primavera del 2022. Ci saranno tre aumenti dei tassi di interesse di 25 punti base ciascuno, o 0,25 percento, l’anno prossimo. I tassi di interesse statunitensi sono attualmente compresi tra lo zero e lo 0,25 percento. Alla fine del 2022 raggiungeranno un massimo dell’uno per cento. Dato l’attuale tasso di inflazione di oltre il 6%, i tassi di interesse reali rimarranno ben in territorio negativo.

L’inasprimento previsto è più accurato di quanto previsto da molti investitori. Lo sviluppo del mercato può ora essere meglio previsto. Quindi, contrariamente a quanto temevano molti osservatori, la festa dello stock negli Stati Uniti non è finita. Secondo il piano dettagliato di Powell, il Dow Jones Leading Index è salito dell’1,08 percento a 35.927 punti. Anche l’oro è salito di nuovo sopra i 1800 dollari l’oncia. La conclusione è stata che la politica monetaria nella zona del dollaro sta tornando alla normalità. Ma è improbabile che l’inflazione scompaia rapidamente, anzi rimarrà a lungo, e nella migliore delle ipotesi diminuirà lentamente. Powell non dovrebbe prendere sul serio l’accusa che il suo blando annuncio del tasso di interesse sia servito agli azionisti. Perché negli Stati Uniti, la quota di partecipazione – la proporzione della popolazione posseduta dagli azionisti – è superiore al 50 percento. Lì, anche le pensioni per i camionisti e le commesse dipendono dallo sviluppo dei titoli azionari. Allo stesso tempo, anche la Banca d’Inghilterra ha effettuato il tanto atteso (leggero) spostamento dei tassi di interesse: in Gran Bretagna i tassi di interesse sono aumentati dallo 0,15 allo 0,25 per cento. Con un tasso di inflazione sull’isola del 5,1 per cento (novembre 2021), anche il tasso di interesse reale rimarrà fortemente negativo. Ma anche qui la banca ha indicato di aver iniziato con cautela a ridurre la politica monetaria molto espansiva.

READ  Il più grande balzo dei tassi di interesse dal 1994: la Federal Reserve statunitense ha aumentato drasticamente il suo tasso di interesse di riferimento

Molto diverso, invece, l’incontro di questa settimana della Banca Centrale Europea: sta prendendo sempre più una pista speciale nella politica monetaria. “Dopo la Fed, anche la BCE sta iniziando a uscire dalla sua politica monetaria molto espansiva”, ha riportato in modo fuorviante Tageschau. Ha affermato che la Banca centrale europea lascerà scadere il programma di acquisto speciale basato sulla pandemia in primavera. Tuttavia, questo era esattamente ciò che era stato annunciato in precedenza. Prosegue, a sua volta, invariato il regolare programma di acquisto di titoli obbligazionari; Gli interessi attivi del PEPP possono essere riutilizzati per l’acquisto di nuova carta. Soprattutto: Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, ha fatto capire che non sta nemmeno valutando di alzare i tassi di interesse. L’inflazione era nell’intera zona euro A novembre, il 4,9 percentoIn altre parole, più del doppio dell’obiettivo di inflazione ipotizzato di “meno del 2%”. In Germania, la svalutazione è aumentata del 5,2% a novembre. ZDF ha parlato della situazione in modo più approssimativo di ARD: un giornalista ha affermato, senza alcun fatto, che la BCE dovrà finanziare “protezione del clima, digitalizzazione e infrastrutture” nei prossimi anni – tassi di interesse zero sarebbe vero.

In effetti, la stabilità dei prezzi è l’unico compito della Banca Centrale Euro in diritto. E: In ZDF, la differenza tra banche centrali e banche commerciali non è più familiare.

Lagarde ha sostenuto che l’aumento dei prezzi è dovuto principalmente al forte aumento dei costi energetici. Innanzitutto, la Banca centrale europea non può farci nulla e, in secondo luogo, questo effetto scomparirà da solo nel 2022.

I tedeschi, di solito i classici risparmiatori, sono pesantemente influenzati dalla combinazione di tassi di interesse zero inizialmente infiniti e inflazione altrettanto infinita. Poiché la Repubblica federale non solo si colloca in fondo alla scala dell’UE con il tasso di proprietà immobiliare, anche la quota di capitale è ben al di sotto del 20 percento.

L’economia voodoo di Lagarde ora contrasta con i grandi banchieri, come Christian Swing, presidente della Deutsche Bank. La sua esperienza non è effettivamente richiesta. Nel frattempo, i consumatori tedeschi stanno leggendo da soli nelle comunicazioni dei fornitori di servizi come i prezzi continueranno ad aumentare ostinatamente nel 2022.

  • Secondo il portale dei consumatori Check24, finora 439 fornitori hanno annunciato prezzi significativamente più alti per i loro clienti l’anno prossimo. Secondo il portale, i provider chiedono in media il 24,6% in più.
  • Dal 12 dicembre Deutsche Bahn applicherà prezzi più alti per la Bahncard: la Bahncard 25 costerà quindi 56,90 euro invece di 55,70 euro in seconda classe, mentre la Bahncard 50 costerà 234 invece di 229 euro.
  • E anche la Posta ne trarrà maggiori vantaggi a partire da gennaio 2022: la lettera standard costerà 85 centesimi invece di 80 centesimi e le cartoline costeranno 70 centesimi anziché 60 centesimi.
  • I colli di bottiglia dei materiali e l’aumento dei prezzi dell’energia stanno facendo aumentare significativamente i costi di costruzione. Secondo l’Ufficio federale di statistica, i prezzi delle costruzioni sono aumentati del 12,6% nel terzo trimestre del 2021 rispetto all’anno precedente, il balzo dei prezzi più forte nel settore dal 1970.
READ  Migliaia di clienti interessati: azienda elettrica tedesca dichiara bancarotta

L’aumento del salario minimo a 12 euro previsto dal nuovo governo federale, ulteriori aumenti dei prezzi dell’energia e normative più complesse sul risparmio energetico, dovrebbero continuare a guidare i prezzi delle costruzioni nel 2022 – e quindi anche il livello del prezzo di affitto e di acquisto nel 2022 nuovo settore appaltante a medio termine.

Con la sua decisione, Lagarde ha chiarito che aveva una cosa in mente: la situazione dei paesi dell’euro fortemente indebitati, il che significa un aumento del quarto per cento degli interessi per centinaia di miliardi di euro. Pesano sulla zona euro le somme in essere per un totale di 11,5 trilioni di euro. Il debito della Grecia ha raggiunto quasi il 210% della sua produzione economica alla fine del 2021; L’Italia è nel registro del debito a circa il 160 percento del suo PIL e la Francia al 117 percento. Ci sono anche molte aziende che sopravvivono solo grazie alla fornitura costante di denaro a basso costo. La Banca centrale europea prevede che il volume dei crediti inesigibili nella zona euro, che è temporaneamente sceso al di sotto dei mille miliardi di euro, potrebbe salire a 1,4 miliardi di euro entro il 2022. Anche un aumento minimo dei tassi di interesse di riferimento farebbe precipitare i paesi debitori in gravi disordini politici. – E migliaia di aziende sono nell’abisso. Questa è la ragione di ciò che gli economisti chiamano il dominio finanziario dell’eurozona: lo stato (drammatico) del bilancio nazionale ha a lungo dettato sulla carta la politica della banca centrale indipendente.

In teoria, il nuovo governo federale potrebbe fare molto contro l’inflazione se la Banca centrale europea non volesse combattere l’inflazione. Ma ogni antidoto è fuori discussione per ragioni ideologiche. Una vita utile più lunga per le restanti sei centrali nucleari tedesche limiterebbe almeno l’aumento dei prezzi del gas (migliorando al contempo il bilancio dell’anidride carbonica). Con questa svolta a destra al momento dell’insediamento, i Verdi si stavano schiacciando. Rinunciare alle prossime fasi della tassa sull’anidride carbonica potrebbe frenare l’inflazione. Ma questa tassa aggiuntiva è anche una delle principali preoccupazioni politiche dei Verdi. Può almeno aiutare a non avviare un’ulteriore ridistribuzione dei fondi finanziata dal debito nell’UE. Ma anche qui si applica quanto segue: la soluzione di tutti i problemi attuali o progettati politicamente può essere raggiunta solo con molti soldi pubblici. E non solo a livello nazionale, ma sempre preferito via Bruxelles.

READ  La carne ibrida è ora in Lidl e Aldi: di cosa si tratta?

Tra i paesi dell’Unione Europea, la Germania si è finora lentamente ripresa dalle conseguenze del lockdown. I suoi tassi di crescita sono inferiori a quelli italiani, ma il tasso di inflazione è molto più alto. L’inflazione è di solito una compagna naturale del boom e del crollo. Proprio per questo motivo, l’economia può tollerare tassi di interesse più elevati. Tuttavia, la zona euro, e in particolare la Germania, è minacciata dal peggio dei due mondi: una perdita di potere d’acquisto mentre la crescita rallenta, che è stata frenata dagli alti prezzi dell’energia, ma anche dall’aumento della regolamentazione del governo. Il termine tecnico per questo particolare fantasma è: stagnazione, un misto di stagnazione e inflazione.

Contro la decisione di Immer-Witter della BCE, ci sono state alcune voci di dissenso nel Consiglio direttivo, una minoranza dei soliti sospetti. Anche il presunto nuovo presidente della Bundesbank Joachim Nagel, che attualmente è ancora alla guida della BRI, non potrà cambiare questo equilibrio di potere, dal momento che i risparmiatori dovranno assumere il ruolo di perdenti.

Spettacolo