Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La sonda della NASA dovrebbe entrare in collisione con gli asteroidi il 26 settembre

27.000 asteroidi vicino alla Terra

L’agenzia spaziale si occupa di questo da molti anni. Ad esempio, gli scienziati hanno considerato l’impatto di un asteroide circa 66 milioni di anni fa come la principale teoria per la causa dell’estinzione dei dinosauri. Gli scienziati attualmente non sanno quale asteroide potrebbe dirigersi direttamente sulla Terra nel prossimo futuro
– Ma i ricercatori hanno circa 27.000 asteroidi vicino al nostro pianeta
Sono stati identificati pianeti più grandi di 140 metri di diametro.

La sonda “DART”, lanciata a novembre dalla California con l’aiuto di un razzo “Falcon 9”, era in viaggio verso il suo obiettivo una decina di mesi fa. “Asteroide Demomorphos: ti prendiamo”, ha scritto la NASA su Twitter poco dopo il suo lancio. Secondo la NASA, la sonda sarà in grado di mirare a Demorphos con la sua fotocamera solo circa un’ora e mezza prima della collisione. Orientare l’oggetto volante precisamente verso l’asteroide “è una sfida enorme”, ha affermato l’amministratore della NASA Evan Smith.

Si dice che gli Asteridi non rappresentino un pericolo anche dopo la collisione

Con un diametro di circa 160 metri, è un tipo di luna del più grande asteroide Didymos. La missione è progettata in modo che entrambi gli asteroidi non rappresentino alcun pericolo anche dopo una collisione con la sonda, che ha solo una telecamera a bordo.

Dopo la collisione, l’orbita di Demorphos di circa 12 ore dovrebbe essere almeno 73 secondi più breve e forse fino a 10 minuti più breve. Per gli scienziati, il vero lavoro inizia dopo: indagare su cosa è successo esattamente prima, durante e dopo l’impatto e cosa potrebbe significare per proteggere la Terra. Nel 2024 è prevista l’inizio della missione ESA “Hera” per un’indagine più approfondita.

READ  Il verificarsi dell'ospedale: il numero di corona che non interessa a nessuno - politica interna

L’amministratore della NASA Andrea Riley ha confermato che il DART è una “missione di prova”. “Anche se non dovessimo segnare, saremo comunque in grado di raccogliere molti dati. Ecco perché stiamo testando. Vogliamo farlo ora e non quando ci sarà un vero problema”.