Maggio 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Non c’è stato nessun vincitore all’Hoffenheim – Friburgo ha perso il secondo posto

Non c’è stato nessun vincitore all’Hoffenheim – Friburgo ha perso il secondo posto

Né TSG né SCF possono prevalere in una partita difficile. Il gioco ha fasi folli, ma in esse manca la fortuna.

Nessun vincitore al termine del settimo turno della Bundesliga tedesca: TSG Hoffenheim e SC Freiburg hanno pareggiato 0-0 domenica sera. A causa del pareggio, il Friburgo (14 punti) ha perso l’occasione di tornare al secondo posto, dato che il Borussia Dortmund (15) è dietro dopo aver vinto a Revierderby sabato. Dopotutto: l’SCF è imbattuto in tutte le competizioni da sette partite. Hoffenheim (13) è rimasto al quarto posto.

Ma alla fine del settimo giorno davanti a 24.233 spettatori a Sinsheim, il Friburgo ha sprecato la sua quarta vittoria in trasferta della stagione, proprio come l’Hoffenheim ha perso la sua quarta vittoria casalinga.

Friburgo paga ogni possibilità

In una vivace fase iniziale, due portieri sono riusciti a eccellere: il portiere del Friburgo Mark Flecken ha parato due volte contro Grisha Brommel (11/20). Il portiere del TSG Oliver Bowman ha impedito un handicap iniziale contro Ritsu Doan e la sua ex squadra (16). Questa è stata la 400esima partita della Bundesliga per il 32enne: solo gli affascinanti Manuel Neuer (472) e Thomas Muller (421) del Bayern hanno più partite in Bundesliga tra i giocatori attuali. Alla fine, Bowman ha mantenuto la porta inviolata per la centesima volta.

I residenti del Bresgau tirano con entusiasmo in ogni occasione: quando Daniel Kofi Keri e Günther ci provano, la palla sfiora la porta dell’Hoffenheim. Più e più volte, la squadra di Friburgo ha dato l’impressione di conoscere bene i percorsi di corsa, e quindi ha guadagnato più peso a centrocampo. Christoph Baumgartner, scenografo di Hoffenheim, ha dovuto fare sempre tardi per avere una possibilità.

Il check di Günther contro il nazionale austriaco ha suscitato scalpore all’inizio del secondo tempo, ma ha portato solo a un cartellino giallo per il capitano dell’SC. Entrambe le squadre hanno continuato a combattere un’intensa battaglia di logoramento, ma hanno a malapena creato possibilità.