La cometa verde Nishimura (C/2023 P1): ecco come puoi vederla

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  • daTanja Banner

    Vicino

Con C/2023 P1 si può nuovamente vedere una cometa verde nel cielo. Ma la sua osservazione è una corsa contro il tempo e il sole.

FRANCOFORTE – Non passò molto tempo prima che la cometa verde C/2022 E3 (ZTF) apparisse nel cielo mentre passava vicino alla Terra. Ora nel cielo appare di nuovo una cometa verde: C/2023 P1 è stata scoperta il 12 agosto dall’astronomo dilettante giapponese Hideo Nishimura e prende il nome dal suo scopritore.

La cometa Nishimura si sta attualmente avvicinando rapidamente al Sole e il 17 settembre raggiungerà il punto di massimo avvicinamento al Sole, chiamato perielio. Nishimura si troverà quindi a soli 34,5 milioni di chilometri dal Sole e probabilmente la cometa si disintegrerà.

La cometa C/2023 P1 (Nishimura) può essere vista nelle prime ore del mattino

Poiché la cometa Nishimura è già così vicina al Sole, osservarla è difficile: attualmente può essere vista nel cielo orientale al primo mattino. La cometa diventa ogni giorno un po’ più luminosa, ma allo stesso tempo è ogni giorno un po’ più bassa all’alba e non sarà visibile intorno all’alba del 13 settembre perché il Sole è già molto luminoso.

La cometa verde C/2023 P1 prende il nome dal suo scopritore, Hideo Nishimura.

© Agenzia di stampa tedesca/NASA | Dan Bartlett

La cometa Nishimura sorge al mattino presto nel nord-est e il suo orario esatto di sorgere cambia leggermente ogni giorno. La “stella del mattino” Venere, che brilla leggermente a est nel cielo, può servire da linea guida. La cometa si muove attraverso la costellazione del Leone. Ad occhio nudo la cometa può essere vista solo come una “stella”, cioè un punto luminoso nel cielo, ma con un binocolo o un telescopio si vede di più. Si dice anche che una fotocamera con una lunghezza focale di 200 mm o più possa rendere visibile la coda della cometa Nella Società degli Amici delle Stelle.

notiziario satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio libero e rimani aggiornato.

Le comete sono “palle di neve sporche” provenienti dai confini del sistema solare

Le comete provengono dal sistema solare esterno, che è una regione fredda e distante. Questi sono i corpi celesti rimasti dalla formazione del nostro sistema solare 4,5 miliardi di anni fa. Ecco perché le comete sono anche dei “congelatori” in grado di fornire informazioni sugli albori del sistema solare e della Terra. Le sfere sono anche chiamate “palle di neve sporche” perché sono composte da gas congelati che tengono insieme granelli di polvere e molecole organiche.

Quando la cometa si avvicina al Sole, i gas sublimano e rilasciano granelli di polvere, formando una coda caratteristica. Anche le comete lasciano tracce di polvere mentre viaggiano nello spazio. Se la Terra successivamente li attraversa, verranno creati flussi di meteore.

È difficile prevedere il comportamento di una cometa

Prevedere il comportamento delle comete è molto difficile, perché possono cambiare e disintegrarsi sotto l’influenza del calore del sole. La cometa più vicina attualmente conosciuta e visibile ad occhio nudo è C/2023 A3 (Tuchinshan ATLAS). Nell’autunno del 2024 potrebbe diventare così luminoso da poter essere visto senza assistenza. (fattura non pagata)

Immagine dell’elenco delle categorie: © dpa/NASA | Dan Bartlett

Related articles

Nuovo favorito per le vacanze: scelto come il lago più bello d’Italia

Pagina inizialeviaggiostava in piedi: 13 luglio 2024, 14:45Da: Francisca KindlPremeredivisoUna guida turistica italiana ha nominato per la nona...

Gli esami di laboratorio rivelano la presenza di sostanze tossiche

Home pageconsumatorestava in piedi: 13 luglio 2024 alle 19:09da: Romina KunziInsisteDivideLe donne si espongono regolarmente al pericolo senza...

Notizie di mercato: Desiree Doue nuovo obiettivo

Il Bayern Monaco sta preparando la sua squadra per la nuova stagione. Il Monaco punterà anche sul...

Verrà distribuito Android Auto 12.4

Android Auto 12.4 è distribuito da Google. Come sempre, potrebbe volerci del tempo prima che la nuova...