Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: vendemmia in anticipo a causa della grave siccità

L’azienda vinicola di Paolo Cianperoni è immersa nel paesaggio da libro illustrato del Chianti vicino al paese di San Cassiano in Val di Pesa. Tutta la sua famiglia lavora presso “Azienda Caparsa” dove coltiva in modo sostenibile il Sangiovese utilizzando metodi moderni nell’antica tradizione toscana. I visitatori possono degustare vini premiati nelle splendide cantine della struttura. Gli affari vanno bene. Ancora. Paolo Cianferroni era preoccupato.

È meglio raccogliere piccoli frutti che aspettare invano quelli grandi

Perché il tempo estremo è diventato un pericolo incalcolabile. “Ogni anno si rafforzano. Qualche settimana fa c’è stata una grandinata che ha distrutto il 40 per cento dell’uva”. Inoltre: per la raccolta ha bisogno di piogge diffuse, che mancano da mesi.

Temperature superiori ai 40 gradi per settimane portano con sé l’uva. L’enologo segue le linee ogni giorno. I frutti sono ancora troppo piccoli per essere raccolti e la resa è molto bassa. D’altra parte, se non vendemmia ora, le condizioni meteorologiche estreme rischiano di danneggiarle o distruggerle. Molti produttori di vino in Italia affrontano lo stesso dilemma. Gli sviluppi meteorologici attuali danno loro ragione.

Un’annata 2022 molto insolita

A fine luglio sono cadute forti piogge al nord e i viticoltori ne hanno subito approfittato per raccogliere le uve bianche spumante del Franciacort. Quasi due settimane prima del previsto. “L’insolito 2022 è iniziato con condizioni eccellenti, ottimi ritmi di produzione e ottimo stato sanitario dell’uva. Il clima caldo e secco, soprattutto a giugno e luglio, ha messo alla prova vigneti e viticoltori”, afferma. Flavio Serina, Responsabile Ricerca e Sviluppo, Gruppo Franciacorta.

Il dieci percento di raccolto in meno, con conseguente aumento dei prezzi

L’associazione agricola Coldretti prevede quest’anno una vendemmia inferiore del 10% in Italia, con conseguente aumento dei prezzi per Santini, Chardonnay e Prosecco quest’anno. E quest’anno non farà eccezione. “Alcuni anni fa l’irrigazione non ha avuto alcun ruolo in Toscana. Al contrario, 20 anni fa dovevo ancora drenare il mio vigneto. Ora devo irrigare ogni vigneto e ogni uliveto”, afferma Sergio Zingarelli. , portavoce della Federazione Chianti.

READ  Ucraini in Italia - Letteratura e Conferenze

Anche altri popolari prodotti italiani sono stati colpiti

I produttori di vino hanno ancora buone opportunità di vendita e margini di manovra sui prezzi, che quest’anno è stato disastroso per altri settori agricoli. Intere regioni d’Italia sono sull’orlo del collasso a causa della persistente siccità e del caldo, secondo l’Associazione Coldretti. La produzione di mais e foraggi è diminuita del 45 per cento, quella di latte del 20 per cento e quella di grano duro per la pasta del 30 per cento.

Gli agricoltori italiani si preoccupano per il futuro. Vini di alta qualità e piatti popolari come mortadella, vongole veraci, pasta e mozzarella sono stati finora fonti di reddito affidabili. Quest’estate molti si renderanno conto che questo settore non è più sicuro neanche in Italia.